gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Jonny, che combatte l'autismo grazie alla sua cagnolina

Diventa virale il video di un bambino autistico che canta una canzone per la sua cagnolina Xena

Jonny ha otto anni e soffre di una forma di autismo (LEGGI) che negli anni lo aveva trasformato in un bambino silenzioso, succube di cambi di umore e chiuso in un mondo suo, fatto di isolamento e solitudine.

Ma poi è arrivata Xena, un cucciolo di terrier incrociato che in soli due mesi ha completamente capovolto la situazione trasformando Jonny in un bambino gioioso e sorridente.


LEGGI ANCHE: LA SINDROME DELL'AUTISMO, COME SI MANIFESTA


La mamma di Jonny racconta che il bambino ha stabilito un legame fortissimo con il cucciolo sin dalla prima volta che lo ha incontrato e che Xena gli ha leccato la mano.

Forse perchè ha capito che la piccola Xena aveva bisogno di aiuto, di essere accolta in una famiglia amorevole, perchè era stata tenuta per molto tempo prigioniera in una gabbia, malnutrita, ferita, maltrattata. Ed era arrivata in un rifugio per animali dove la piccola cucciola ha reagito con la forza di una guerriera (e infatti l'hanno battezzata Xena) per riuscire a guarire e rimettersi in piedi.


LEGGI ANCHE: Autismo, un altro punto di vista sulle cure

 

Jonny è arrivato grazie a un evento di raccolta fondi organizzato per aiutare le attività del rifugio degli animali. Lì il bambino e il cane si sono incontrati e tra loro è scattato un vero e proprio colpo di fulmine.

Da quando Xena è entrata nella sua vita, il bambino ha mostrato un netto cambiamento: sorride, parla, sta sempre insieme alla sua cucciola e non vorrebbe mai lasciarla (LEGGI).
Una conferma fortissima ed evidente di quanto la relazione con gli animali domestici possa essere utile per il trattamento delle sindromi autistiche.

Ecco un video nel quale Jonny canta insieme a Xena


gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0