Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-ros
1 5

La separazione del prepuzio dal glande

In passato si consigliava alle mamme di praticare la scopertura del glande fin dall’infanzia per questioni igieniche. Ma oggi la scuola materna e pediatri sono d'accordo: dobbiamo lasciar fare alla natura e non forzare le cose!

adsense-foglia-300
Quando il bambino è nato, il prepuzio che copre il pene è "attaccato" al glande (LEGGI). Questo anello di pelle nel corso del tempo si può separare con le prime erezioni del vostro bambino. In passato si consigliava alle mamme di spingere il prepuzio verso il basso e scoprire la punta del pisellino per questioni igieniche. Ma oggi la scuola materna e i pediatri sono d'accordo: dobbiamo lasciar fare alla natura e non forzare le cose!



LEGGI ANCHE: Maschietti e igiene del pisellino: cosa fare e cosa no



Non è mai necessario anticipare questa evoluzione naturale. Le manovre di scoprimento forzato del glande troppo brusche possono essere intensamente dolorose e lasciare dei traumi nel bambino, che in alcuni casi si trasformano in problemi più importanti da adulti. Inoltre la separazione forzata può provocare vere e proprie lacerazioni spesso sanguinanti (LEGGI) che, cicatrizzandosi, restringono ancora di più l’apertura poiché inducono una reazione fibrosa locale. Inoltre se la manovra per retrarre il prepuzio avrà causato dolore e traumi al bimbo, diventerà problematico portare a termine la pulizia quotidiana perché il piccolo probabilmente vi si opporrà con grande tenacia. Nel caso questa separazione non avvenga in modo naturale tra i 3 e i 4 anni, occorre consultare il pediatra, solo lui potrà giudicare se si stratta di un'anomalia anatomica.





In alcuni bambini il normale divenire del prepuzio può essere alterato e portare alla comparsa della fimosi. Per fimosi si intende, l'impossibilità di scoprire il glande a causa di una eccessiva ristrettezza della porzione più distale del prepuzio (LEGGI). Alla nascita e nei primi anni di vita è considerata una condizione normale e le aderenze che si formano tra il prepuzio ed il glande fanno sì che la punta del pisellino sia quasi del tutto nascosta, impedendo o rendendo difficoltoso lo scorrimento del glande. Per effetto di queste fisiologiche aderenze il prepuzio resta fissato alla punta del pene in almeno un quinto dei maschietti anche dopo i primi due anni di vita e si libera soltanto negli anni successivi, di solito prima dell’età scolare. Nel primo anno di vita, non occorre eseguire alcuna manovra traumatica per risolvere la fimosi che è perfettamente fisiologica e destinata a risolversi spontaneamente nel tempo.



LEGGI ANCHE: Bambini e pipì all'aperto: voi cosa ne pensate?



La separazione del prepuzio dal glande è dolorosa per il bambino?

In questi casi può essere dolorosa e occorre consultare un medico:

- Se il prepuzio non si è allargato naturalmente all'età di 5/6 anni.
- Se una volta che il glande si è separato, il prepuzio non avanza (da consultare subito un medico)
- Se il bambino ha difficoltà nell'urinare o se prova dolori quando il pene è in erezione.
- Se l'urina non esce in modo regolare, o troppo lentamente o se le gocce vanno in tutte le direzioni


Fonte Credits| Magicmaman