Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-bambino
1 5

Parto: la valigia da portare in ospedale

Come e quando preparare la valigia con l'indispensabile da portare in ospedale per la mamma e per il nascituro

adsense-foglia-300
Quando mancano circa quattro-sei settimane alla data presunta del parto, è arrivato il momento di preparare la valigia per l'ospedale con l'indispensabile per te ma anche per il bimbo che sta per nascere. Nei reparti ostetrici o nei consultori familiari come nella maggior parte dei corsi di preparazione al parto (LEGGI) vengono distribuiti elenchi in cui sono indicati gli oggetti e i capi di vestiario necessari.



LEGGI ANCHE: I "regalini" del post-parto nelle mamme



PER LA MAMMA

In genere per il parto vero e proprio è consigliabile una camicia comoda o una lunga t-shirt o canotta, in cotone, con maniche corte o smanicata, non troppo preziosa e adatta al candeggio se la volete lavare dopo (dato che si sporcherà parecchio). Se pensate di buttarla non preoccupatevi e scegliete il colore che più vi aggrada. Per i giorni successivi vanno bene tre camicie aperte sul davanti o con i bottoni fino al punto vita per facilitare le 'manovre' dell'allattamento. Se sei un tipo da pigiama, puoi tranquillamente portarne in ospedale, ricordandoti comunque di scegliere modelli aperti sul davanti.







Saranno poi indispensabili una vestaglia, delle calze corte in cotone, delle pantofole, delle mutande comode che possano mantenere fisso l'assorbente (la maggior parte degli ospedali consiglia l'acquisto di mutandine usa e getta in carta o rete, sicuramente più igieniche anche se non proprio confortevolissime...), degli asciugamani e una spugna o salvietta per lavarti.

valigiapic.jpgAspetta invece a comprare i reggiseni da allattamento perchè non sai di quanto potrà aumentare il tuo seno con la montata lattea, che avviene circa 72 ore dopo il parto. Tanto ci sarà sempre qualcuno che può comprarli per te una volta saputa la misura giusta. Lo stesso vale per la fascia con chiusura in velcro da usare dopo il parto: ormai la sconsigliano in quasi tutti i reparti maternità, più favorevoli al naturale "riassestamento" del corpo.



LEGGI ANCHE: Scelta dell'ospedale, guida a dove partorire



Per quel che riguarda il beauty case ti basterà portare spazzolino da denti, dentifricio, sapone, spazzola e pettine, cosmetici per il viso e per il corpo (è giusto mostrarti carina e a posto, verrà un sacco di gente a trovarti!), fazzoletti di carta, deodorante neutro, forbicine, salviette umidificate. A volte l'ospedale garantisce gli assorbenti per il dopo-parto, la carta igienica, disinfettanti e detergente intimo oltre alle coppette assorbilatte, ma è meglio informarsi prima. Altri oggetti utili: bicchieri di plastica, tovaglioli di carta, sacchetto per la biancheria da lavare, un rotolo di Scottex, un libro, il lettore mp3.

PER IL BIMBO

Anche la lista per l'abbigliamento del bambino viene fornita dall'ospedale, differenziata a seconda della stagione della nascita. In genere vanno bene camicine in lino o cotone, body di cotone o di lana con maniche corte o lunghe, calzini o scarpine di cotone o in lana. Si possono poi portare tutine o meglio, completini spezzati con ghettine (pantaloncini) e maglietta, un cappellino. Prevedi cinque cambi completi. A volte si deve portare una copertina per la culla, mentre di solito non sono necessari i pannolini, le salviette umidificate, il necessario per la medicazione del moncone ombelicale, il succhiotto e la biancheria per la culla. Comunque è sempre bene assicurarsene (basterà telefonare alla nursery se non vi hanno fornito un vero e proprio elenco).