gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Umidificatori: in casa un clima ideale

In inverno le nostre case vengono riscaldate, a volte troppo, per questo esistono gli umidificatori, che danno all'ambiente la giusta umidità evitando che si secchi e nuocia alla salute

di Ingrid Busonera

Soprattutto in inverno, riuscire a stabilire il clima perfetto quando in casa c'è il riscaldamento centralizzato, è un problema e può rivelarsi difficile, per questo esistono gli umidificatori, che danno all'ambiente la giusta umidità evitando che si secchi e nuocia alla salute.

Arriva l'inverno, i primi freddi e i primi malanni, e soprattutto se abbiamo dei figli piccoli o molto piccoli, probabilmente nelle fredde giornate sembrerà che la casa non sia mai calda abbastanza e facilmente, specialmente la notte, cadremo nell'errore di sollevare di qualche grado il riscaldamento. Sbagliando!


LEGGI ANCHE: Tosse nel bambino, curarla con rimedi casalinghi



Ricordiamoci infatti che la temperatura ideale nella camera da letto oscilla sempre sui 18/20° C e quando l'ambiente supera i 21° C l'aria si secca eccessivamente causando dei piccoli disturbi alle mucose del naso e alla gola, dando sensazione di secchezza e malessere e talvolta anche una fastidiosa raucedine (LEGGI). Negli altri ambienti la temperatura dovrebbe invece essere tra i 18° e i 20°C in soggiorno e nello studio, tra i 15° e i 17°C nella cucina e tra i 20 e 22 ° C in bagno. Con l'umidificatore facciamo sì che questi valori rimangano tali e scongiuriamo, evitando di alterare l'umidità, il proliferarsi dei batteri.
L'umidificatore ristabilisce il giusto grado di umidità evitando che l'aria si secchi troppo

Il riscaldamento ideale
Nelle camere da letto il riscaldamento ideale sarebbe il classico termosifone (LEGGI) regolato dalla caldaia o le pompe di calore, mentre sono assolutamente da evitare le stufe a gas e/o a legna; anche le stufe elettriche potrebbero essere una soluzione, da attaccare prima della nanna per riscaldare la camera e da disattivare al momento in cui si accede per dormire


LEGGI ANCHE: Pulizie rapide con un bambino in casa


Come scegliere l'umidificatore?
Se abbiamo i termosifoni compriamo quei vasetti (deumidificatori) che si riempiono di acqua da appendere al termosifone stesso, avendo l'accortezza di lavarli spesso e riempirli quando l'acqua si è esaurita;
un umidificatore tradizionale di quelli facilmente reperibili in commercio deve avere alcune caratteristiche essenziali: - umidificare l'ambiente almeno per qualche ora al giorno
- essere facilmente lavabili e ricaricabili e devono avere un sistema d'isolamento del serbatoio e un metodo di ventilazione che raffreddi i vapori in uscita scongiurando il pericolo di ustioni.



Alcuni indicati anche in caso di asmatici emettono vapori freschi in assoluto silenzio e sono completamente innocui, e sono proprio queste caratteristiche che ne consentono l'utilizzo anche per tutta la notte.

Come pulirlo
In genere l'umidificatore tradizionale, eccetto i vasetti da appendere al termosofone che richiedono invece una pulizia più frequente e costante, si pulisce a cadenza settimanale, (LEGGI) passando un panno inumidito all'interno e ragiungendo anche i punti più difficili per evitare che si formino grumi calcarei o formazioni batteriche, comunque sia i modelli moderni sono dotati di filtro antibatterico che impedisce la fuoriuscita di questi ultimi purificando i vapori prima dell'emissione
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0