gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

L'importanza del massaggio e del bagnetto del bebè

/pictures/20150709/l-importanza-del-massaggio-e-del-bagnetto-del-bebe-147832547[1163]x[485]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Il rituale del massaggio e del bagnetto del bebè contribuisce a consolidare il rapporto con la mamma e favorisce la crescita del bambino

Il massaggio e il bagnetto del bebè

Massaggiare il bebè, sin da quando ha pochi giorni di vita, è un’attività estremamente gratificante, sia per la mamma che per il piccolo. Il bagnetto, seguito dal massaggio, contribuisce a consolidare il rapporto tra mamma e figlio e favorisce lo sviluppo del bambino.

E’ stato scientificamente dimostrato che la stimolazione di più sensi (multisensoriale) invia dei segnali al cervello che rafforzano i processi neurali dell’apprendimento. Attraverso costanti esperienze multisensoriali la ricerca ha dimostrato, inoltre, che i bambini ottengono dei benefici importanti per lo sviluppo, come la riduzione dello stress nei neonati pretermine e sani, il passaggio più rapido all’allattamento al seno e conseguente anticipo della dimissione ospedaliera dei bambini nati prematuramente.

Cosa si intende per stimolazione multisensoriale?

La stimolazione multisensoriale uditiva, tattile, visiva e vestibolare consiste nel parlare direttamente al neonato con voce calda e rassicurante (stimolazione uditiva), stabilendo un “contatto pelle a pelle” attraverso il massaggio (stimolazione tattile) e mantenendo il più possibile il contatto visivo diretto (stimolazione visiva), seguito dal dondolio della culla o tra le braccia (stimolazione vestibolare). La stimolazione multisensoriale può aiutare a ridurre lo stress, come dimostrato dai livelli di cortisolo dei neonati, consentendo loro di imparare, pensare e crescere.

Il tatto è uno dei sensi più sviluppati del neonato e l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di stabilire sin dalla nascita il “contatto pelle a pelle” (stimolazione tattile) tra genitore e bambino, avendo un impatto positivo sullo sviluppo del piccolo. È stato dimostrato che questo contatto, attraverso il bagnetto e il massaggio, riduce il cortisolo, indicatore dei livelli di stress, sia nei genitori che nei neonati, migliora la digestione del cibo attraverso l’incremento del tono vagale favorendo l’aumento di peso dei neonati pretermine, riduce il rischio di depressione e i livelli d’ansia delle mamme. E’ indubbio, quindi, che il bagnetto ed il massaggio successivo rappresentino momenti preziosi.

Attraverso il delicato tocco delle mani di un genitore, il bagnetto e il massaggio diventano semplici ma importanti rituali. Quando si ripete quotidianamente un rituale, è dimostrato che si riduce lo stress di genitori e figli con miglioramento della durata e qualità del sonno dei bambini.

Il bagnetto del bebè

Il rituale del bagnetto offre una stimolazione multisensoriale tramite:

  • il “contatto diretto pelle a pelle” come il tocco delle mani dei genitori durante il massaggio
  • il contatto visivo diretto
  • il suono della voce di mamma e papà
  • il riconoscimento di odori familiari come quello del genitore o dei prodotti da bagno usati.

L’esposizione iniziale e continua dei bambini a queste immagini, suoni, odori attraverso il rituale del bagnetto offre opportunità particolarmente preziose per gli stimoli multisensoriali.

Per il bagnetto è importante utilizzare un prodotto sicuro, pensato appositamente per la pelle delicata del neonato. JOHNSON'S® baby bagnetto dalla testa ai piedi è un detergente particolarmente indicato fin dal 1° bagnetto. E’ stato sviluppato per detergere delicatamente la pelle ed il cuoio capelluto sensibili del bambino, senza irritazioni. Grazie alla formula NON PIU’ LACRIME®, è delicato sugli occhi come l’acqua. Ipoallergenico, senza sapone né coloranti e senza parabeni, rispetta il pH fisiologico della pelle dei neonati. Testato da pediatri.

Il massaggio dopo il bagnetto

Un massaggio delicato e piacevole regala relax e benessere a tutte le età...fin dai primi mesi di vita! Il tocco delicato delle mani della mamma o del papà può aiutare il bambino a rilassarsi e rappresenta un’opportunità meravigliosa per rafforzare il legame con il genitore. Inoltre può aiutare il piccolo a prendere consapevolezza della propria fisicità e favorire la sua crescita fisica ed emotiva. Si può cominciare a massaggiare il bambino già verso i due mesi, iniziando gradualmente con 5 minuti al giorno.

Come fare il massaggio al bebè?

  • Il momento ideale per massaggiare il bambino è verso sera dopo il bagnetto, per predisporlo al sonno
  • Dedicati al bimbo senza distrazioni, per un momento speciale ed esclusivo
  • Crea l’atmosfera...luce soffusa o musica rilassante
  • Assicurati che la temperatura dell’ambiente sia adeguata (circa 25°), che le tue mani siano tiepide e perfettamente pulite
  • Trova una superficie morbida su cui distendere il bambino
  • Esegui movimenti molto leggeri e delicati

Anche per il massaggio è bene utilizzare un olio adatto ai bambini. JOHNSON’S® baby Olio*, sicuro perchè formulato nel rispetto della pelle dei neonati, crea un sottile film protettivo che mantiene la naturale idratazione dell’epidermide. Utilizzarne una piccola quantità durante il massaggio, per ridurre l’attrito e rendere fluido il movimento.

*Olio minerale farmaceutico purificato

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0