gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Fare il bagnetto al neonato: consigli utili

/pictures/20150702/fare-il-bagnetto-al-neonato-consigli-utili-3688065449[3548]x[1477]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Le neomamme sono spesso confuse e preoccupate quando si tratta di fare il bagnetto al bambino. Ecco i consigli da seguire

Consigli per il bagnetto del neonato

Quando si torna a casa dall'ospedale, dopo aver partorito, le neomamme vengono spesso assalite da numerosi dubbi su come pulire il bambino, cambiare il pannolino, allattare e gestire il sonno del piccolo (e di se stesse).
Ma una delle perplessità più frequenti e diffuse riguarda il bagnetto.

Come si prepara? Quali prodotti usare? Come si deve tenere il bambino? Qual è la giusta temperatura dell'acqua? Tante le domande: ecco le dritte!

Orario del bagnetto

Ogni bebè ha le sue abitudini, l'importante è capire quali sono quelle che gli garantiscono maggiore benessere. Per esempio a qualche neonato fare il bagnetto di sera, prima del sonno notturno, procura relax e tranquillità e favorisce il sonno. A un altro bimbo, invece, il bagnetto della sera può causare irritabilità e nervosismo.
Il nostro consiglio è di fare vari tentativi per capire quale sia l'orario preferito dal bebè per il suo bagnetto quotidiano.

L'occorrente per il bagnetto

Cosa serve per fare il bagnetto? Asciugamani puliti e avvolgenti, sapone o detergente delicato, spugna naturale, termometro per l'acqua, garze e rete per fasciare la cicatrice del moncone, crema all'ossido di zinco, pannolini e vestitini per il cambio. E' importante tenere tutto l'occorrente nel bagno o nella stanza dove si trova la vaschetta così da non andare in panico se manca qualcosa.

Vasca o vaschetta?

Quando il bebè è molto piccolo si può anche lavarlo nel lavandino, opportunamente lavato e sterilizzato, per poi passare alla vaschetta vera e propria.
E' importante che la vaschetta sia collocata in modo da essere stabile.

Temperature dell'acqua

La stanza dove viene fatto il bagnetto deve essere calda, ad una temperatura di almeno 22 gradi, ed è bene svestire e rivestire il bebè nella stessa stanza in modo da non esporlo a sbalzi termici.
L'acqua del bagnetto invece deve avere una temperatura di circa 37 gradi: un termometro aiuterà a misurare la temperatura.
In alternativa, e con l'esperienza acquisita, si potrà valutare la giusta temperatura dell'acqua semplicemente immergendo il gomito in acqua.

Detergenti da utilizzare

La pelle dei neonati è molto sensibile e va facilmente incontro ad arrossamenti e dermatiti. Quindi è molto importante usare detergenti delicati, senza parabeni, e che rispettino il ph fisiologico della pelle del bebè.

Come procedere

Dopo aver spogliato il bambino, e aver rimosso eventuali residui di feci e urina dalla zona pannolino, immergerlo delicatamente e molto gradualmente, lasciando la sua testa fuori dall'acqua e sostenendolo dalla nuca con la mano. Usare l'altra mano per detergerlo e fargli tante coccole con l'acqua. E' importante rassicurarlo parlandogli dolcemente e sorridendo.
Il bagnetto non deve durare troppo a lungo perché l'acqua si raffredda rapidamente: bastano cinque minuti o poco più.
Tirarlo fuori dall'acqua e avvolgerlo delicatamente nell'asciugamano o nell'accappatoio e asciugare i capelli con un asciugamano pulito e morbido. Stenderlo sul fasciatoio e coprirlo con un altro asciugamano asciutto e caldo. Prestare molta cura nel tamponare le orecchie, le pieghette della zona pannolino e delle gambe, in mezzo alle dita dei piedi.

Mettere un velo di crema all'ossido di zinco nella zona pannolino e mettere un pannolino pulito.
Procedere con la vestizione.
 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0