gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

10 modi per non impazzire quando si cambia il bebè

/pictures/20150513/10-modi-per-non-impazzire-quando-si-cambia-il-bebe-152914765[4038]x[1679]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Il cambio del pannolino può essere un momento di stress per le neomamme. Ecco 10 consigli per non impazzire quando si cambia il neonato

Come si cambia un neonato

Il cambio del pannolino dovrebbe essere un momento in cui i bambini si rilassano, ma non sempre ciò avviene. Ci sono bambini che si contorcono sul fasciatoio, rendendo difficile ogni manovra della mamma; altri aspettano di essere senza pannolino per combinare qualche marachella. Ecco 10 modi per non impazzire quando si cambia il neonato.

  1. Allestire il fasciatoio a tempo di record. Il cambio del pannolino è una procedura con dei passaggi fissi, se noi disponiamo i prodotti che ci servono in ordine di utilizzo, sarà molto più semplice e veloce cambiare il pannolino senza impazzire. In ordine servono:

    - salviettine umidificate

    - crema anti arrossamento

    - pannolino nuovo.

    Abituatevi a tenere tutto in questa sequenza anche nel fasciatoio portatile e il cambio del pannolino fuori casa non sarà più un problema.

  2. Iniziare con un sorriso. Per calmare i bambini agitati, è importate fare una piccola pausa prima di togliere il pannolino. Durante questo lasso di tempo si cerca di giocare con il bambino: si sorride, gli si fa il solletico sulla pancia o si prova una espressione buffa.
  3. Avere sempre pronto un cambio di vestiti. Nel piano inferiore del fasciatoio fisso o in una tasca di quello portatile, tenete sempre un paio di body di riserva e un completino. Se per caso fossero da cambiare anche quelli, non sarà un problema gestire l’emergenza.
  4. Stendere un telo impermeabile più largo del fasciatoio. Potete usare un taglio di tela cerata o del tessuto plastificato. Fate in modo che sia più largo del vostro fasciatoio e mettetelo sotto la salvietta su cui adagiate il bambino: servirà a riparare il piano d’appoggio da eventuali fuoriuscite non previste.
  5. Tenete un giocattolo a portata di mano. Può essere un carillon o un gioco per i primi mesi. Proponetelo al bambino per distrarlo. Se il gioco gli piace non cercherà di girarsi sul fasciatoio alla ricerca di qualcosa da esplorare.
  6. Posizionate i prodotti del cambio pannolino molto distanti dal bambino. Non dovranno essere troppo lontani per voi, ma è meglio che il bambino non li veda. Giocando con un contenitore di prodotto liquido o di borotalco potrebbe rovesciarseli addosso ostruendo le vie respiratorie.
  7. Tenere sempre le caviglie del bambino ben alzate. Imparate a eseguire tutta la sequenza del cambio con una mano sola, per riuscire a tenere sempre le caviglie del bambino ben alte ed evitare che possa sporcarsi scalciando nel pannolino.
  8. Spruzzino con acqua contro le irritazioni. Le irritazioni da pannolino sono fastidiose per i bambini e causano preoccupazioni alle mamme. Un trucco da provare è quello di lavare il sederino dopo aver passato la salviettina umidificata. Usate solo acqua con poco amido. Se avete il fasciatoio in cameretta e siete lontane dal lavandino, tenete a portata di mano uno spruzzino per i lavaggi. Asciugate molto bene la pelle prima di far indossare il pannolino.
  9. Fasciatoio in bagno. Spostarsi dalla cameretta al bagno per lavare il bambino è impegnativo. Il bambino potrebbe prendere freddo se non è vestito. Allestite un fasciatoio anche in bagno su un punto di appoggio solido e stabile da utilizzare dopo i lavaggi.
  10. Canzoncina del pannolino. Per calmare i bambini più irrequieti provate a cantare una canzoncina per bambini: sentendo la voce della mamma, si sentiranno rassicurati per il tempo sufficiente di terminare il cambio del pannolino. Una ninna nanna sarà l’ideale!
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0