gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Come insegnare ai bambini l'uso del vasino: i trucchi delle mamme

/pictures/20161006/come-insegnare-ai-bambini-l-uso-del-vasino-i-trucchi-delle-mamme-1527962497[1557]x[647]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Come insegnare ai bambini l'uso del vasino? Ecco come aiutare i nostri piccoli ad affrontare questo passaggio importante e insegnare loro il concetto di pulizia

Come insegnare ai bambini l'uso del vasino

Arriva un momento in cui capiamo che il nostro bambino è pronto per abbandonare il pannolino e cominciare ad usare il vasino. L'iniziazione al vasino deve avvenire in modo graduale e senza pressione. Non bisogna forzare il nostro piccolo, con il rischio di generare in lui una scarsa fiducia in sé stesso e delle sue qualità. Pazienza e rispetto dei tempi del bambino sono le parole chiavi per aiutarlo in questa delicata fase di passaggio e di crescita. Vediamo come insegnare ai bambini l'uso del vasino.

gpt native-middle-foglia-bambino

Quando usare il vasino

Innanzitutto la domanda più comune e frequente: quando si può cominciare ad usare il vasino? Intorno a due anni e mezzo, qualcuno anche prima, il bambino comincia a capire il significato di cacca e pipì e riesce a comunicare quando sta per farla. E' il momento giusto per iniziare. Inutile anticipare i tempi o, peggio, costringerlo a star seduto sul vasino se non è pronto perché sarebbe estremamente controproducente e ritarderebbe i tempi per la buona riuscita dell'operazione.

Diciamo che a tre anni, quando andrà alla scuola materna, il bambino deve aver abbandonato il pannolino ed è un traguardo decisamente raggiungibile da quasi tutti i bambini: cogliete l'occasione dell'estate che precede l'inserimento all'asilo per farlo girare senza pannolino e perfezionare l'abitudine ad usare il vasino.

In ogni caso il bambino manda segnali piuttosto chiari quando è pronto per fare a meno del pannolino, ad esempio è curioso e osserva i genitori che vanno in bagno, oppure chiede di farla nel wc; oppure troviamo il pannolino asciutto tra un cambio e l'altro.

Come insegnare al bambino ad usare il vasino

Spesso i bambini prendono esempio dai grandi nel ripetere alcune attività quotidiane, e nello specifico ripetono i gesti del genitore dello stesso sesso. Le bambine ad esempio si "ispirano" alle mamme nell'affrontare la questione vasino e gabinetto. Quindi attenzione a insegnarle bene come comportarsi prima e dopo. Potrete rendere l'incombenza più semplice e divertente mostrando alla vostra piccola come fare con la sua bambola. E non dimenticate che in libreria troverete molti testi che mostrano ai bambini come andare in bagno. L'obiettivo è quello di farlo incuriosire su questo strano oggetto che è il vasino.

Per i maschietti, vale lo stesso discorso, invitateli a seguire papà o il fratellino più grande in bagno ed imitarlo. Per loro è leggermente più difficile perché devono imparare a stare in piedi per fare pipì in modo stabile ed evitare di lasciare tracce ovunque.

Quindi inutile incoraggiarlo a stare in piedi, se deve superare ancora altre fasi importanti. Se invece manifesta il desiderio di fare pipì come i grandi, provate a farlo salire su un piccolo banchetto o un supporto, in modo che arrivi all'altezza giusta per urinare in piedi. Se l'iniziazione avverrà sul vasino, lasciatelo in bagno, per evitare che sporchi nelle altre camere.
Per incuriosirlo all'uso del vasino e stimolare interesse per l'oggetto in sé stesso potreste uscire insieme a comprarne uno: fate scegliere al piccolo il colore che preferisce o compratene uno dalla forma simpatica, con una faccia buffa. Il vasino è un giocattolo e il bambino deve capirlo, ma deve essere comunque un oggetto piacevole e gradito.

Come insegnare a fare pipì nel vasino

Come abbiamo detto, sia per i maschi che per le femminucce tutto parte dall'imitazione. Possiamo prendere l'abitudine di far sedere il bambino sul vasino la mattina dopo il risveglio, dopo pranzo e prima della nanna, magari facendogli compagnia con un bel libro colorato da leggere insieme. Oppure si può provare con un maschietto più grandicello a far far la pipì nel vasino come i grandi, quindi in piedi, invitandolo a “fare canestro”!

Per qualcuno abitarsi a controllare la pipì può non essere immediato perché spesso si è troppo impegnati a giocare o nelle proprie attività per interrompere o addirittura rendersi conto che si deve andare in bagno, quindi è facile che si bagni più volte. La pazienza è d'obbligo: ad un certo punto, quando capiamo che il bambino è abbastanza pronto per compiere questo passo, togliamo il pannolino quando si sta in casa e facciamogli indossare le mutandine, e non rimproveriamolo se si bagna più volte o bagna a terra. Lasciamogli il vasino in bagno, a terra in bella vista e a portata di mano e in pochi giorni vedremo che si abituerà.

Come insegnare a fare la cacca nel vasino

Discorso diverso per la cacca. Spesso i bambini sono un po' stitici e ci fanno rendere conto che stanno per fare la cacca perché diventano rossi paonazzi e cominciano a spremersi. Per questo potremmo iniziare ad avviare il piccolo all'utilizzo del vasino sin da otto-nove mesi. Appena ci rendiamo conto che si sta spremendo per fare la cacca proviamo a farlo sedere sul vasino, mettiamoci sedute accanto a lui, chiacchieriamo un po', apriamo un piccolo libro e questo lo aiuterà anche ad evacuare più facilmente (nessuno fa comodamente la cacca mentre sta in piedi!).

In altri bambini, invece, proprio la cacca può rappresentare un piccolo ostacolo: per qualcuno lasciar andare la cacca significa abbandonare una parte di sé oppure per pura pigrizia si preferisce farla nel pannolino o addosso pur di non sedersi sul vasino. Anche in questo caso bisogna aver pazienza. Togliere il pannolino e non fare passi indietro e rassegnarsi a pulire il bambino finché non si sarà abitato.

La conquista dell'indipendenza: il gioco del vasino

Rifiuto del vasino

Alcuni bambini pongono una ferma opposizione all'uso del vasino, magari perché caratterialmente sono più testardi ed oppositivi, oppure sono semplicemente pigri e preferiscono tenere il pannolino invece di dover interrompere le loro attività per andare in bagno. Come comportarsi se il bambino si rifiuta di usare il vasino? Innanzitutto è bene capire le cause di questo atteggiamento, spesso questo rifiuto è più frequente nei bambini che hanno un carattere più difficile o nei genitori troppo permissivi. E' bene sospendere per qualche tempo l'educazione al vasino, per poi riprovare dopo qualche settimana. Se il problema persiste dopo i 4 anni si può chiedere il parere del pediatra e dello specialista.

Trucchi per togliere il pannolino al bambino

Ecco qualche consiglio testato dalle mamme per riuscire a togliere il pannolino:

  • non avere eccessive aspettative e non precorrere i tempi;
  • acquistare un vasino insieme al bambino e sistemarlo in bagno, a terra, facilmente accessibile;
  • creare una routine del vasino: più o meno ogni mezz'ora chiedere al bambino di andare sul vasino, dove troverà libretti e giochi che si usano solo in quell'occasione;
  • gratifichiamolo e facciamogli tante feste quando fa la pipì o la cacca sul vasino;
  • stabiliamo che per la prima giornata che resterà asciutto riceverà un regalo;
  • ad un certo punto passate ai pannolini pull-up, sono delle vere e proprie mutandine assorbenti che si indossano ma che hanno anche degli strappi sui lati per poter essere aperti più rapidamente. In genere possono rivelarsi utili per abituare il bambino all'idea di indossare una mutandina, che va tolta quando si deve fare la pipì, ma possono essere efficaci anche per abituarsi a dormire di notte senza pannolino, senza dover costringere il bambino a bagnarsi mentre dorme.

Continuate comunque a tenere il pannolino durante i sonnellini del pomeriggio e di notte, prima di toglierlo assicuratevi che dopo la nanna il pannolino sia asciutto e sistemate un telo impermeabile per proteggere il materasso.

Vasino o riduttore?

Molte mamme dicono che usando il riduttore per il wc invece del vasino l'abbandono del pannolino risulti più semplice. Questo è probabilmente ancor più vero per i secondi figli, che vogliono imitare i fratelli più grandi e fare la pipì e la cacca proprio come loro. L'imitazione è parte integrante del processo di apprendimento dei bambini e vedere i genitori o il fratellino che usano il wc invece del vasino potrebbe stimolarli ad accettare di più l'idea di usare un riduttore invece del vasino. Quel che è certo è che il riduttore diventa utilissimo superata la prima fase dello spannolinamento: archiviato il vasino si può passare al riduttore e fare un passo in più per diventare grandi!

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0