gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Giovanni Paolo II, il Papa e i bambini

Conto alla rovescia per la beatificazione di uno dei Papi più amati della storia recente. Speciale il suo rapporto con i bambini

A Roma è iniziato il conto alla rovescia. La Capitale rimarrà blindata fino al 1 maggio quando la città accoglierà sia il concerto del Primo Maggio in piazza San Giovanni che la Beatificazione di Papa Wojtyla in piazza San Pietro.

In particolare c’è grande attesa per quest’ultimo evento. La beatificazione di uno dei Papi più amati degli ultimi decenni richiamerà in città migliaia di pellegrini, turisti, curiosi e persone che con quel Papa avevano un rapporto particolare fatto di stima, fiducia, perfino affetto.



LEGGI ANCHE: 15 persone delle quali parlare ai bambini



Per la cerimonia di beatificazione sono attesi a Roma ben 51 capi di Stato e naturalmente tanti, tanti bambini. Con i piccoli Papa Giovanni Paolo II aveva un rapporto speciale.

Nel 1994 – anno dedicato alla famiglia - scrisse loro una lettera affettuosa in occasione del Natale ricordando loro come il Natale fosse, “la festa di un Bambino, di un Neonato. È perciò la vostra festa!”.

Nella lettera ai bambini il Papa ricordava: “Nelle vicende del Bimbo di Betlemme potete riconoscere le sorti dei bambini di tutto il mondo. Se è vero che un bambino rappresenta la gioia non solo dei genitori, ma della Chiesa e dell'intera società, è vero pure che ai nostri tempi molti bambini, purtroppo, in varie parti del mondo soffrono e sono minacciati: patiscono la fame e la miseria, muoiono a causa delle malattie e della denutrizione, cadono vittime delle guerre, vengono abbandonati dai genitori e condannati a rimanere senza casa, privi del calore di una propria famiglia, subiscono molte forme di violenza e di prepotenza da parte degli adulti. Come è possibile rimanere indifferenti di fronte alla sofferenza di tanti bambini, specialmente quando è causata in qualche modo dagli adulti?”.







Di fronte alla sofferenza dei bambini Papa Wojtyla non si è mai tirato indietro e si è sempre esposto.
La sua vicinanza ai bambini e ai ragazzi è emersa in tutta la sua forza e vitalità nell’istituzione, ormai venticinque anni fa, di una Giornata Mondiale della Gioventù.

Fortemente voluta da Papa Giovanni Paolo II, la GMG si è svolta in varie parti del mondo, da Manila con 4 milioni di persone ribattezzata la “Messa più grande del mondo”, alla laicissima Parigi nel 2000 che accolse più di un milione di giovanissimi, a Roma nel 2000 con due milioni di giovani e infine a Toronto nel 2002 nell’ultima Giornata Mondiale della Gioventù, quando Papa Wojtyla disse idealmente addio ai suoi ragazzi.



LEGGI ANCHE: Papa Wojtyla sarà santo entro il 2014



Per raccontare in immagini e parole lo speciale rapporto che legò il Papa presto beato con i bambini di tutti e cinque i continenti è stato pubblicato anche un libro: “Papa Wojtyla e i bambini”, di edizioni Piemme.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0