gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Ti racconto una fiaba: "Birba Bir"

Anche questa settimana Pianetamamma e "Ti racconto una fiaba" vi propongono una nuova favola. Tra quelle delle utenti è stata scelta "Birba Bir" di Rosa Rita

Ti racconto una fiaba e Pianeta Mamma continuano la collaborazione per dare visibilità ai racconti scritti dalle utenti di questo bellissimo sito dedicato al magico mondo delle favole. La fiaba scelta di questa settimana dalla Redazione di Ti Racconto una fiaba è "Birba Bir" di Rosa Rita.



LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: "Una ricetta speciale"



La chiamavano Birba Bir. Era una bimba con un grande fiocco sul capo e un ampio vestito a pallini. Lei non amava né il fiocco, né quel vestito. La sua mamma la vestiva cosi, con cura e attenzione, ogni mattina per andare a scuola.

"Birba tu sei una brava bambina e devi fare la brava bambina " le diceva.

Forse, Birba avrebbe desiderato un suo abbraccio caldo ma la mamma era concentrata sui preparativi. Tutto doveva essere perfetto. Cosi, Birba, appena poteva, si toglieva il fiocco e le scarpe di vernice nera e correva nel fango. Che belle le pozzanghere! Creavano bizzarre, degli schizzi sul vestito a pallini come fossero tanti colpi di pennello. La piccola, con un  dito, si dipingeva la faccia di marrone e sentiva l'odore della terra.

" Che buono!" gridava annusando il sole.



LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: "Il porcospino monello"



Briciola, il gatto di casa, si divertiva con lei in quel giochino che non piaceva per nulla ai suoi genitori. Un giorno, come tanti giorni, quelli di marmellata e nutella al mattino spalmati sul pane e sul viso, a Birba parve di vedere uno strano folletto comparire tra le pieghe della tovaglia. Strabuzzò gli occhi e li strizzò pure. Non stava sognando. Lui era lì e la stava fissando. Aveva barba bianca e capello a punta viola. Era piccolissimo. Le sopracciglia foltissime gli coprivano gli occhi, e nascondevano due pallini celesti come il mare.

" Ciao Birba io sono il giullare del Re delle pozzanghere di fango." si presentò con voce dolce.

" Piacere!" Che gran piacere! Scusa, ma tu non sei sporco di fango???!!!!" chiese la piccola.

"No, non lo sono.....come vedi i mei abiti sono profumati e puliti anche se qualche volta, come tutti, mi sporco un po'. So quando usare gli abiti per la festa e quando indossare gli abiti per rotolarmi nel fango e divertirmi davvero. Per divertirsi è indispensabile sentirsi liberi. Liberi anche dai rimproveri di mamma e papà. Altrimenti non ci si diverte più."



LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: "L'amore per sé"




"Si hai ragione....ma forse, quello che mi diverte, è farli arrabbiare un po'. " rispose Birba sorridendo

"Allora sei Birbadavvero!!!"sorrise il folletto

"Un pochino!" ribatté la bimba abbassando la testa e nascondendo le sue guance rosse

" Cosa ti diverte della rabbia di mamma e papà?"

" Credo che cosi...mi prestano più attenzione...sai sono presi dal loro lavoro e alle volte non mi vedono proprio! Cosi, quando mi sporco....hanno occhioni e parole con suono alto....tutti per me....che bello!!!"

"Capisco. Sai che il signor Fango in persona si è rivolto a me dicendomi che devi usare il fango delle pozzanghere, per più buoni propositi! Cosi stai gettando la preziosità del suo regno al vento."

" Caspita!!!! E che dovrei fare, allora???"

" Il fango è terra ricca per i fiorellini e per la loro crescita, non è solo cosa sporca con cui sporcarsi"

" Non lo sapevo!!!! Uhm, Uhm...." La bambina si grattò il mento.



LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: "Tra polvere ... e cielo"



" Bene, la prossima volta che ci ritorni, niente vestiti belli ma quelli da lavoro e con coraggio e forza, dona con la paletta piccole quantità di fango ai fiori del giardino, e se ti piace sporcarti?? Ricordati, se farai del bene ai fiorellini, allora potrai anche tu godere del bene e del divertimento del Signor Fango. Queste sono le regole nel suo regno"

" Va bene ci sto. Mi piace l'idea... " Rispose Birba Bir pulendosi, prontamente, la bocca sporca di nutella.

Da quel giorno, il suo vestito a pallini rimase un po' di più appeso nell'armadio insieme al fiocco e alle scarpe di vernice. In compenso, mamma e papà si arrabbiarono meno. Giocarono un po' di più con Birba che sorpresero da giorni, sorridente e impegnata a parlare con i fiori del prato. La bimba si sporcò ancora con il fango, ma aveva gli abiti da lavoro per farlo. Cosi, scoprì di divertirsi molto di più.

birba_1


La libertà è un percorso di doveri e piaceri che si abbracciano insieme. Dentro di noi e poi fuori di noi. Io che ho scritto la fiaba lo so bene: c'è anche una Birba in me che ancora ama sporcarsi con il fango

TUTTE LE ALTRE FIABE QUI

LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: "La piccola Annie. Un nuovo agnellino"

LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: Capitan Cuor di Ferro e l'albero degli zuccherini
LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: "Favola sbagliata"
LEGGI ANCHE: Ti racconto una fiaba: La storia dell'orso del bel Castello
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0