gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

La magia di Frozen e il suo successo

/pictures/20141202/la-magia-di-frozen-e-il-suo-successo-1097765028[659]x[275]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

La psicologa Emmanuella Ameruoso ci parla di Frozen, del suo successo, e del perchè piace tanto ai bambini, ma anche agli adulti

Perchè Frozen piace tanto ai bambini

La Regina delle nevi è una delle fiabe di Andersen che ha ispirato un film d’animazione della Walt Disney: Frozen – Il regno del ghiaccio. Il musical, grazie al suo successo, si pone primo in classifica nella storia del cinema, nella sua categoria, divenendo trionfatore d’incassi.

gpt native-middle-foglia-bambino

La trama è particolarmente significativa e narra di due sorelle, Elsa e Anna, allontanate dai genitori durante l’infanzia poiché la più grande, dotata di poteri magici che non riesce a controllare, inavvertitamente colpisce la minore portandola quasi in fin di vita. È salvata, infatti, dai Troll dei personaggi molto simpatici e fantasiosi. Un legame di sangue molto forte, che viene ostacolato sin da subito ma che dà vita ad una serie di avvicendamenti scenici e venturieri.

"Frozen - Il Regno di Ghiaccio" arriva in Blu-ray e DVD

Sia i contenuti, parecchio ricchi di scene buffe e per certi versi comici, che il tema trattato ne permettono il successo. Il protagonista è, che dir si voglia, proprio l’amore: attraverso il cuore e i sentimenti più puri si sciolgono i conflitti e la storia arriva al lieto fine dopo una serie di dispiaceri rappresentati attraverso situazioni complicate e apparentemente difficili da gestire.

Son proprio i legami significativi che rendono il film particolarmente intenso e coinvolgente, poiché, a differenza degli argomenti affrontati negli altri cartoon, il reale valore è trasmesso grazie alla presenza di due personaggi che nonostante le diversità e difficoltà si cercano e si proteggono vicendevolmente. Frozen parla di affetti, di emozioni e di legami che rappresentano l’ingrediente indispensabile per curare qualsiasi tipo di conflitto o fraintendimento.

Guidano le relazioni significative e importanti, come quelle tra sorelle che, nonostante un’educazione insolita e per certi versi “punitiva”, restano legate e si cercano proprio per ristabilire il loro rapporto affettivo. Separate, vivono distanti fino all’adolescenza, ma questo “abbandono” genera sofferenza che vien fuori anche a distanza di anni quando si rincontrano: è così che un ciuffo di capelli di Anna si incanutisce riprendendo colore soltanto alla fine quando un gesto d’amore trionfa nelle loro vite, salvandole.

"Che paura Peppa Pig!"

Il tema ha un significato profondo e la Walt Disney ha voluto sottolineare l’aspetto più importante dei legami familiari e dell’accettazione incondizionata di sé. Ognuno, con le proprie peculiarità e imperfezioni, è capace di donare e donarsi all’altro nonostante questo gesto non sia scevro da errori. Le differenze caratteriali tra sorelle permettono di comprendere una serie di messaggi che, attraverso il musical, arrivano al pubblico: mentre Anna è dolce, coraggiosa e determinata, e a volte appare goffa nel tentativo maldestro di assumere un atteggiamento da “principessa”, riesce a essere spontanea e completamente diversa da Elsa più posata e riservata e che, nonostante si mostri piuttosto paurosa per via della sua inadeguata coordinazione dei poteri magici, è in realtà molto forte.

L’incapacità di gestire volontariamente le proprie potenzialità (e emozioni) richiama alla mente lo scarso controllo degli impulsi prevalente nelle personalità con tratti caratteriali istintivi ed è, a ragion veduta, che proprio in circostanze particolarmente impegnative sul piano emotivo che Elsa entra in difficoltà, producendo una serie di “effetti” di cui non conosce l’origine.

È così che si manifesta il suo bisogno represso di esprimere liberamente se stessa in piena autenticità andando lontano da chi ama, ma rispettando finalmente la propria individualità e la propria essenza. Si libera, perciò, da una serie di aspettative e imposizioni sociali, familiari e comportamentali perché diversa da come ci si aspetta che sia una regina, una figlia, una donna. Non esistono individui completi in toto, e tanto più rasentano la perfezione tanto più si mostreranno “difettosi” per altri versi.

Esistere ed essere differente con le proprie abilità e con le singolari capacità rende ogni essere umano unico. L’aspetto fondamentale di questa diversità consiste proprio nell’accettare gli altri per come sono e imparare ad apprezzare la forma più pura e semplice del loro amore. Il “vero amore”, rappresentato dal personaggio maschile originariamente prediletto da Anna, riporta poi ad una visione più realistica della scelta secondo la quale l’amore ideale viene sostituito da uno più concreto e limpido, puro e semplice, lontano dai condizionamenti che ne pilotano l’illusionistica valutazione iniziale.

Cartoni animati o favole: chi vince per i bambini?

Sarebbe auspicabile quindi, con questi presupposti, che tutti i cartoni o videogiochi distribuiti nel mondo, e di comune utilizzo dalle nuove generazioni, avessero come principio base un’educazione orientata all’insegnamento dei valori e dei legami profondi anziché simulare lotte o guerre come tanti di loro propongono.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0