gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

I videogiochi “attivi” portano benefici ai bambini

Un nuovo studio rivela che i videogames attivi aiutano i bambini a bruciare calorie divertendosi, anche insieme ai genitori

Da qualche anno noto due tendenze opposte ma conviventi nei genitori di oggi: da una parte infatti si utilizzano dispositivi tecnologici (tv, dvd, etc) e consolle di videogiochi come veri e propri baby sitter, che spesso evitano del tutto la comunicazione tra mamme, papà e figli (ricordo ancora la tristezza provata questa estate vedendo un bimbo al ristorante con i genitori messo davanti a un film sul portatile, mentre mamma e papà mangiavano e chiacchieravano piacevolmente); dall’altra ci sono genitori che hanno una gran paura di concedere ai figli l’utilizzo di videogames, perché ritenuti diseducativi, in alcuni casi troppo violenti, e infine alienanti.



LEGGI ANCHE: Come scegliere lo sport più adatto a tuo figlio



Tuttavia, un nuovo studio condotto dalla Brigham Young University e pubblicato sull’American Medical Association's Archives of Pediatrics and Adolescent Medicine, scagiona almeno una parte delle consolle e dei videogiochi sul mercato odierno, destinati ai bambini, ma anche agli adulti: pare infatti che i cosiddetti giochi “exergames”, o videogames attivi, siano stati assolti dalle solite accuse e che anzi producano effetti positivi se utilizzati dai bambini.

Cosa si intende esattamente per exergames o videogames attivi? Questi termini indicano di fatto i videogiochi che uniscono l’aspetto ludico all’attività fisica, e quindi adatti a piattaforme interattive come Kinect per Xbox 360, come la Wii oppure come la Playstation Move.







Utilizzare giochi di questo genere aiuterebbe i bambini a bruciare calorie e a evitare dunque lo spauracchio del sovrappeso (LEGGI), senza che si possano annoiare e senza che vedano l’attività fisica come una forzatura; tuttavia, gli studiosi avvertono che non tutti i giochi sono uguali e che all’interno degli stessi non tutti i livelli sono indicati per ogni bambino: se infatti si tratta di livelli troppo difficoltosi, alcuni bambini potrebbero sentirsene schiacciati invece che stimolati e rinunciare di fatto non solo al divertimento, ma anche all’attività fisica.

Io non sono in grado di sapere se i risultati di questo studio siano stati in qualche modo pilotati per favorire le vendite di consolle e videogiochi per bambini; rimane vero però che fare movimento divertendosi, e quindi bruciare calorie senza rendersene conto, potrebbe essere positivo, e non solo per i bambini; inoltre alcuni giochi pensati per le suddette piattaforme, sono ottimi da giocare insieme con tutta la famiglia, come dei veri e propri giochi da tavolo (un po’ più evoluti, ma sempre divertenti!).



LEGGI ANCHE: Tanti giochi da fare in auto con i bambini



E’ ovvio che qui finisce il discorso statistico e inizia il buon senso che ogni genitore e ogni famiglia sceglie di avere: abusare dei videogiochi, come di tutte le cose, non è mai un bene, né per gli adulti né tantomeno per i bambini; dall’altra, vietare del tutto (LEGGI) l’utilizzo di strumenti che invece possono risultare effettivamente divertenti oppure utili non è nemmeno intelligente; la via di mezzo potrebbe esistere, scegliendo insieme ai bambini quali giochi comprare (LEGGI), preferendo quelli appunto “attivi”, quelli che fanno usare il cervello, quelli da giocare anche con i genitori. E poi stabilendo delle regole per la frequenza e il tempo di utilizzo.

LilSugar suggerisce alcuni videogames attivi che potrebbero risultare utili e divertenti, per i bambini, ma anche per gli adulti: DanceDance Revolution, da giocare tutti insieme, così come lo Zumba Fitness for Kinect, che utilizza sempre l’espediente del ballo; ancora alla musica si ispira Kidzbop Dance Party, mentre Sonic FreeRiders incoraggia a saltare e muoversi insieme al simpatico Sonic; infine Racquet Sports aiuta invece a scatenarsi provando a sfidarsi sui campi di veri e propri sport, come il tennis o lo squash.

Olivia Calo
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0