gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Giochi in casa: come intrattenere i bambini malati

Quando i bimbi sono a casa malati, bisogna aiutarli a passare il tempo, altrimenti si innervosiscono e viene meno la serenità di tutta la famiglia. Ecco qualche consiglio pratico per realizzare con loro delle attività o dei lavoretti da fare in casa nei giorni di malattia, un gioco al giorno

Quando i bimbi sono a casa malati, bisogna aiutarli a passare il tempo, altrimenti si innervosiscono e viene meno la serenità di tutta la famiglia. Ecco qualche consiglio pratico per realizzare con loro delle attività o dei lavoretti da fare in casa nei giorni di malattia, un gioco al giorno. 
  
Lunedì: Calcetto faidate 
Con il cartone possiamo realizzare un calcetto faidate: una sorta di subbuteo fatto con materiali molto poveri.

Materiali: una scatola di cartone bassa, cordino o spago, mollette di legno per il bucato, colori a tempera. Scegliere una scatola bassa e lunga, di forma rettangolare, ed eliminare una delle basi maggiori. Con del nastro di carta, fissare bene tutte le estremità della scatola, in modo da darle resistenza. Colorare la base di verde, disegnando le righe del campo da calcio e disegnare le porte sul fondo, aprendole con un taglierino. Praticare due file di fori lungo i lati lunghi della scatola, ed annodarvi dello spago, in modo che all’interno della scatola corrano una serie di file (pari) di spago. Colorare le mollette con le tempere, in modo da formare le due squadre di giocatori: devono essere di colori differenti e possono essere decorate con i visi dei giocatori, le magliette numerate, ecc… Attaccare le mollette allo spago presente nella scatola. 
Facendo oscillare le mollette con le dita, si deve cercare di mandare in porta una piccola pallina realizzata con la carta di alluminio da cucina. 
 
Martedì: I graffiti  Si tratta di disegni a due o più colori, coperti di pastello nero e poi incisi con la punta di uno stuzzicadente, di una forbice o di un oggetto appuntito. Materiali: carta spessa di colore bianco, pastelli a cera colorati, pastello a cera color nero Prendete un foglio bianco e coloratelo in modo molto fitto con i pastelli a cera (eccetto il nero) usando i vostri colori preferiti, e colorando senza una precisa logica: l’importante è che tutta la superficie del foglio sia ben riempita dal colore. Ripassate tutto il foglio con il pastello a cera nero, in modo da creare un secondo strato di cera sul foglio, che deve coprire i colori sottostanti. Ora, con un oggetto appuntito, incidete i vostri graffiti: quando il pastello nero viene inciso, appaiono i colori sottostanti, creando un disegno graffiato colorato e molto carino. Un po’ come quello che avevo usato per questi bigliettini piccoli da usare per le feste dei bambini.

Mercoledì: I travasi Questo è un gioco tipicamente montessoriano e va benissimo anche per i bimbi piccoli, che amano ciotole e ciotoline e non si annoiano a trasferire gli oggetti da una ciotola all’altra anche molte volte di seguito. Preparate un vassoietto in cui sistemare il gioco e offritelo al bambino, spiegandogli brevemente in cosa consiste. Travasi con i legumi secchi: in una ciotola sistemate dei ceci o dei fagioli secchi. Porgete un cucchiaio o cucchiaino al bimbo, a seconda della sua manualità, e chiedetegli di trasferire i legumi nella ciotola vuota; 
Travasi con la farina: riempite una delle due ciotole con la farina gialla e chiedete al bimbo di spostarla con un cucchiaio o cucchiaino nella ciotola vuota; 
Travasi con l’acqua: riempite una ciotola d’acqua e date al bimbo una spugna: imbevendo la spugna nella ciotola piena d’acqua e strizzandola nell’a ciotola vuota, dovrà trasferire l’acqua da una ciotola all’altra. 
 
Giovedì: Travestimenti per una festa Nel giocare a ‘fare finta che…’, rientrano anche i travestimenti: ai bimbi piace pacioccare con i vestiti di mamma e papà, provare le scarpe, assumere l’aspetto dei personaggi della loro fantasia. Mettete dei vostri vestiti in una cesta o un baule e lasciate che i bimbi giochino a vestirsi e svestirsi. Possono diventare mamma e papà, oppure realizzare un costume per una festa mascherata: in questo caso, se la malattia sta diventando più lunga del previsto, potete aiutarli ad organizzare una festa vera e propria. Scegliete insieme il tema della festa e create costumi, cappelli, coroncine, addobbi e decorazioni. Apparecchiate la tavola abbellendola con festoni di carta, tovagliette o sottobicchieri inventati e costruiti da voi, e organizzate un pic nic nel salotto. Basta stendere una bella coperta in terra, magari cosparsa di fiorellini di carta, per passare una serata divertente fuori dagli schemi. Potete preparare insieme dei panini e tramezzini da mangiare per terra, o un vero e proprio brunch. 

  
Venerdì: Il Cartellone dell’alfabeto  Una lunga malattia può essere l’occasione per realizzare un cartellone con le lettere dell’alfabeto da appendere in cameretta. Possiamo chiedere ai bimbi più grandi di inventare le associazioni lettera-parola (A come Arancia, Ape, Arcobaleno…), tracciando su una metà di un foglio A4 ciascuna lettera (in stampatello e in minuscolo) e chiedendo loro di disegnarvi accanto tutte le parole che iniziano con quella lettera. La stessa cosa può essere fatta incollando figure ritagliate dai giornali. Per i bimbi più piccoli, invece, si possono stampare le lettere già pronte, per poi colorarle e appenderle insieme. 

 A cura di Mammafelice
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0