gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Festa di san Giovanni: significati, simboli, eventi nelle città

/pictures/20160623/festa-di-san-giovanni-significati-simboli-eventi-nelle-citta-3739504781[993]x[413]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Tra le feste estive quelle di San Giovanni è tra le più suggestive. Scopriamo insieme i suoi simboli, la storia e in che modo possiamo viverla con i bambini

Festa di San Giovanni con i bambini

Il 24 giugno si celebra la festa di San Giovanni Battista, un rito davvero suggestivo che vede protagoniste numerose città italiane, nonché Firenze di cui San Giovanni è il patrono.
Ma vediamo quali sono i simboli classici della festa di San Giovanni e come possiamo vivere questo momento insieme ai nostri bambini.

San Giovanni e il solstizio d'estate

La festa di San Giovanni è strettamente legata all’arrivo dell’estate e a riti propiziatori riguardanti il futuro. Nella notte tra il 21 e il 22 giugno, giorno del solstizio d’estate, il sole cambia direzione e questo cambio, dal punto di vista astronomico, avrebbe importanti ripercussioni sul nuovo corso dell’anno. Secondo la tradizione tutte le piante e gli elementi naturali vengono profondamente influenzati da questo evento e il solstizio d’estate inaugura una nuova stagione. La sera prima della festa di san Giovanni nelle antiche culture si vegliava con attenzione la propria casa. Era chiamata “notte delle streghe” perché si credeva che le streghe si riunissero per un grande sabba annuale.

Quali sono i simboli della festa di san Giovanni?

  • Le lumache. Chiunque abbia un giardino sa bene che proprio in questo periodo le lumache fanno capolino. Chi vuole può provare l’ebbrezza di cucinarle, con aglio, olio e peperoncino!
  • Le noci. Proprio nella notte di san Giovanni bisogna raccogliere dall’albero le noci per preparare il nocino, un liquore gustoso e saporito.

Ricetta del nocillo

Metti a macerare 24 noci verdi, con il mallo, tagliate a pezzi, in 1l di alcool a 95°, in barattoli a chiusura ermetica che vanno poi messi al sole.
Dopo 40 giorni aggiungi gli aromi (chiodi di garofano, cannella e noce moscata), 300 gr di zucchero sciolto in 300 gr di acqua e lasci tutto in infusione per altri 10 giorni.
50 giorni in tutto. Poi si filtra e si imbottiglia.

  • Le erbe. L’iperico è chiamato “erba di san Giovanni” e se si sfregano i suoi fiori tra le dita la piantina rilascia un umore rosso che colora la mano: viene chiamato “sangue di San Giovanni”; se si mette un po’ di erba di san Giovanni sotto il cuscino si aumenta la probabilità di fare sogni premonitori; per tenere lontane sventure, malocchi e le streghe vengono usate numerose erbe: la menta e la salvia sarebbero un elisir di lunga vita, l’artemisia invece avrebbe una grande capacità anti-malocchio; l’aglio garantisce un anno di prosperità in casa
  • I fuochi. I fuochi di san Giovanni sono davvero famosi. Il fuoco è considerato un elemento purificatore, che brucia i vecchi rancori e i pensieri negativi (nonché spazza via la stagione finita) e può dare il via ad una nuova stagione, foriera di grandi cambiamenti.

In tutta Italia la festa di san Giovanni viene festeggiata con cortei, esibizioni e soprattutto con i fuochi.
Vediamo il programma delle principali città.

I santi protettori di gravidanza, mamme e bambini

Festa di San Giovanni a Torino

Gli eventi dedicati a San Giovanni sono iniziati già dal 19 giugno con lezioni di canoa e canottaggio ai Murazzi. Il 22 si è tenuta la sfilata dei bersaglieri da Piazza Carlo Felice a Piazza Carignano. Il 23 giugno si svolge la tradizionale sfilata in costume d'epoca. Ma il cuore della festa è il Falò di Piazza Castello con la sagoma del toro posta al centro. Se la sagoma cade verso Porta Nuova allora l'anno che verrà sarà propizio, se cade dalla parte opposta sarà un anno sfortunato. Infine la festa si conclude con i fuochi d'artificio sul Po. Qui tutta la programmazione per la Festa di San Giovanni

Festa di San Giovanni a Firenze

  • La mattina del 24 giugno un piccolo corteo cittadino con il sindaco di Firenze ed altre autorità porta simbolicamente in dono dei ceri al patrono della città, nel Battistero. Qui l'Arcivescovo di Firenze riceve l'offerta e poi vieene celebrata una messa solenne alle 10.30 in Cattedrale.
  • In occasione della festa, anche durante i fuochi, vengono organizzate delle visite in barca. Questo servizio viene offerto anche dai Renaioli con i loro speciali barchetti.
  • Il 24 giugno viene riaperta la Torre di San Niccolò, una delle torri dell'antica cerchia delle mura di Firenze.
  • Da tradizione il 24 giugno si svolge anche la finale del calcio storico fiorentino, un gioco nato nel XVI secolo.
  • Il fulcro della festa è il grande spettacolo pirotecnico dalle 22 alle 23 circa dal Piazzale Michelangelo.

Tutti gli eventi in programma su Visit Florence

Festa di San Giovanni a Genova

Per la notte che precede il giorno della festa del Santo Patrono ci sono falò e giocolieri, musici, attori, ed eventi in giro per la città. A mezzanotte ci si sposta in piazza Matteotti per l'accensione del gran Falò. Il 24 giugno ci sarà la processione solenne con le antiche Confraternite e i loro Cristi, che parte dalla Cattedrale di San Lorenzo per arrivare al Porto Antico. Segue poi la benedizione del mare e della città impartita dal Cardinale Arcivescovo di Genova.  

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0