gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

"Cosa pensa di me mio figlio"? Il test gioco per scoprirlo

/pictures/20160304/cosa-pensa-di-me-mio-figlio-il-test-gioco-per-scoprilo-3324010193[973]x[407]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Negli ultimi giorni sta girando sul web un test-gioco da fare ai bambini. Si tratta di domande, dirette e semplici, da fare ai figli per scoprire cosa pensano di voi. Un test "sulla verità" che può essere sottoposto anche alle amiche o al vostro compagno

Cosa pensa di me ? 

Quante volte ti sarai chiesta cosa pensa di te tuo figlio, come ti percepisce, cosa riesci a trasmettergli, cosa apprezza e cosa non non sopporta di te. Credo sia legittimo mettersi in discussione per migliorare in qualsiasi campo della nostra vita, inclusi con i bambini. Forse avrai anche pensato di porle quelle domande, ma poi spaventata dalle risposte hai declinato l'invito della tua coscienza. E' vero che a volte certe domande nella vita è meglio non porle, ma chiedere vuol dire anche stabilire un dialogo puro e sincero, e conoscere verità che possono essere scomode, ma anche divertenti e bellissime in alcuni casi.

Negli ultimi giorni sta girando sul web un test-gioco da fare ai bambini. Si tratta di domande dirette da fare ai figli, senza troppi fronzoli, molto semplici, ma che probabilmente potrebbero segnare uno spartiacque importante nella vostra vita. Nulla di filosofico o complesso, ma da cui potrebbero uscire due tipologie principali di genitori :

1) "Tutto sommato non me la cavo proprio così male"

2) "Cercasi psicologo, sono un pessimo genitore"

Che mamma sei?

Se volete mettervi alla prova ecco le domande da porre:

  1. Cosa ti dico sempre?
  2. Cosa mi rende felice?
  3. Cosa mi rende triste?
  4. Quando ti faccio ridere?
  5. Com'ero da piccolo?
  6. Cosa mi piace fare?
  7. Cosa so fare bene?
  8. Cosa non so fare

Dopo questo test probabilmente vi pentirete di esservi chieste " Chi sa cosa penserà di me mio figlio". Quindi il mio consiglio è di affrontare questo gioco quando siete sicure di avere vicine a voi una buona dose di droghe pesanti (cioccolato, amiche mamme "pessime e normali" come voi, tempo disponibile per guardare lobotomizzate tutte le stagioni delle vostre serie preferite o qualsiasi passatempo che spegni tutti i neuroni del vostro cervello).

Ecco le risposte che ha ricevuto Claudio Rossi Marcelli, giornalista di Internazionale e che ha due gemelle di otto anni e un bambino di quattro.

  • Cosa ti dico sempre?

M: è pronto! C: dove hai messo gli occhiali? B: guarda la tv (falso).

  • Cosa mi fa felice?

M: quando metto a posto. C: quando mi vesto senza che me lo chiedi. B: quando vai a fare la spesa (falso).

  • Cosa mi rende triste?

M: quando non ubbidiamo. C: quando non ubbidiamo. B: quando non c’è luce, non c’è da mangiare, non possiamo dormire ed è finito il latte (insomma, l’apocalisse).

  • Come ti faccio ridere?

M: mi chiami con i nomi buffi. C: in tantissimi modi. B: mi fai il solletico!

  • Com’ero da piccolo?

M: eri carino. C: portavi gli occhiali. B: avevi una faccia cicciona e i piedi enormi. E non avevi le orecchie. Quanti anni ho? M: trentanove. C: trentanove. B: dieci.

  • Cosa mi piace fare?

M: passeggiare in riva al mare. C: giocare a Barbie con noi. B: fare la cacca.

  • Cosa so fare bene?

M: scrivere libri. C: scrivere veloce al computer. B: fare la cacca (purtroppo attraversiamo questa fase).

Per leggere anche le altre risposte andate all'articolo su Internazionale.

Provate anche voi a fare questo test ai bambini e fateci sapere le loro risposte

Un test che si presta a diversi utilizzi, potreste sottoporlo anche ad un'amica o magari al vostro compagno... ma seguite sempre il mio consiglio: nelle vicinanze sempre "droghe pesanti" a disposizione :-) per attutire i colpi. 

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0