gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Come decorare la cameretta per il piccolo: i consigli del designer

I consigli del designer di arredi per bambini David Netto su come allestire una cameretta per bimbi bella e accogliente

di Olivia Calò

Una delle attività più divertenti durante il periodo della gravidanza è l’allestimento e la decorazione della cameretta per il nascituro: scegliere il lettino, gli armadietti, il fasciatoio, le tende, il colore delle pareti del suo nido significa rendersi conto che lui o lei sta arrivando davvero.

Preparare il nido più adatto ad accogliere il bebè non è però così semplice: sono così tanti infatti i prodotti e gli stimoli che si ricevono in proposito, che spesso è difficile dare uno stile uniforme e ottenere un risultato soddisfacente.
Per fortuna esistono i designer, che anche in questo campo ci vengono in aiuto.


LEGGI ANCHE: Le cose fai da te più carine per decorare la cameretta


In particolare, LilSugar ha incontrato David Netto, un interior designer specializzato nel settore, che nel 2000 ha fondato la David Netto Design, con un piccolo shop di oggetti dedicati al mondo dei più piccoli.
I suoi progetti dedicati alle camerette sono così apprezzati, da essere comparsi su riviste di fama internazionale, come Vogue, ELLE Decor, House Beautiful, W, Domino, House & Garden, New York, Dwell.
David Netto ha anche firmato l’ultima collezione di tessuti per bambini della MacLaren, uno dei marchi di accessori per bambini più conosciuti e apprezzati al mondo.

Ebbene il designer del mondo dei bambini  ha sciorinato alcuni consigli utili a tutti i neogenitori per allestire e decorare la cameretta (LEGGI) per il pargolo in arrivo:

-    Innanzitutto è necessario pianificare tutto nei minimi dettagli: occorre conoscere lo spazio a disposizione e le esigenze da soddisfare, in modo da tenere anche sotto controllo il budget


LEGGI ANCHE: Idee facili per abbellire e decorare la cameretta


-    Poi occorre chiedersi quale stile preferiamo: minimalista? Eclettico? Ci piacciono i colori perché renderanno più allegra la stanza? Per non rischiare di esagerare con l’essenzialità ma nemmeno con un mix informe, David consiglia di colorare una parete con un tono deciso e di lasciare le altre tre pareti bianche, in modo che siano poi gli oggetti (da cambiare all’occorrenza) a decidere lo stile della camera
-    Il terzo elemento da scegliere secondo David è sorprendentemente il tappeto, perché si tratta del luogo dove il bebè passerà molto del suo tempo, anche con i genitori, giocando e bighellonando (LEGGI); si vuole un tappeto piccolo, oppure uno che copra tutta la metratura della stanza? Quali colori dovrà avere il tappeto? David dice che nella stanza di sua figlia il tappeto è un elemento fortissimo, tanto da poter essere l’unico della stanza, perché dotato di una forza estetica magnetica e coinvolgente

gpt native-middle-foglia-bambino


-    Infine, secondo David, nella stanza dei piccoli l’ultimo elemento da scegliere con cura (prima dei mobili ovviamente) è l’illuminazione, che deve avere una doppia funzione: quella di illuminare a giorno e quella invece di illuminare senza disturbare il buio notturno. Per questo sarebbe meglio dotare la stanza di una bella lampada da terra per la prima funzione e di una lampada da tavolo per la seconda, in modo che quando ci si reca dal bambino durante la notte, non si illumini bruscamente il buio (LEGGI) della sua camera. La luce centrale sospesa, sostiene il designer, non è così necessaria ed è comunque l’ultima cosa a cui lui penserebbe nella stanza dedicata a un bambino.

Dopo aver scelto e sistemato questi elementi, fermatevi un attimo a guardare il risultato e a pensare: cos’altro vi servirà? Probabilmente tutti quei mobili utili alla permanenza del bambino e delle sue cose (come lettino, armadi, etc), ma vi accorgerete che lo stile della stanza è già stato deciso. A questo punto dunque non resterà che scegliere tende e biancheria in tema con i colori delle pareti e del tappeto, e la stanza sarà completa e pronta. Ciò non significa tuttavia che, nell’attesa del suo arrivo, mamma e papà non possano ogni tanto aggiungere qualche particolare che la renda sempre più unica e accogliente!
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0