gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Candelora: come festeggiarla con i bambini

/pictures/20150202/candelora-come-festeggiarla-con-i-bambini-1016407178[5554]x[2313]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Come festeggiare la Candelora con i bambini, tra lavoretti, ricette e proverbi

Candelora con i bambini

Il 2 febbraio si festeggia la Candelora, il giorno che nel tempo astronomico è collocato a metà inverno e dovrebbe chiudere le porte all'inverno e accogliere la primavera. Il famoso detto recita così: "Quando vien la Candelora de l'inverno semo fora; ma se piove o tira il vento de l'inverno semo dentro." Come festeggiare la Candelora con i bambini?

Proprio come dice il proverbio, tradizione vuole che se il giorno della Candelora si avrà bel tempo, si dovranno aspettare ancora diverse settimane perchè l'inverno finisca e giunga la primavera. Al contrario, se il 2 febbraio il tempo è freddo e piovoso, la primavera sta già arrivando. Simbolicamente la Candelora segna il passaggio dal buio, dalla morte, da un periodo di chiusura, alla luce, il risveglio, l'apertura.

Come spiegare ai bambini la Calendora, questa festa che ha radici lontane e festeggiarla con loro?

La Candelora significato religioso

La Candelora per i cristiani si festeggia per ricordare la presentazione di Maria al tempio 40 giorni dopo la nascita di Gesù. Per gli ebrei, dopo il parto di un maschio, una donna era considerata impura per un periodo di 40 giorni. Le origini però sono precedenti e sono riscontrabili in diverse forme, ma tutte con lo stesso significato, in diversi Paesi.

Storia della Calendora per bambini

L'elemento comune a tutte le tradizioni della Candelora nel mondo è il bisogno di purificarsi per qualcosa di nuovo che sta arrivando e propiziarne la fertilità. E per questo da sempre venivano utilizzate candele, fiaccole accese, simbolo di luce. Per le tradizioni celtiche questa ricorrenza viene invece chiamata Inbolc (da Imblog- nel grembo) e risulta legata alla dea del fuoco, della tradizione e della guarigione. Si tratta, quindi, di una festa che celebra la luce e la rinascita dopo un lungo e freddo inverno e per questo i bambini possono essere coinvolti nela realizzazione di candele o piccole lanterne in modo da vivere anch'essi, appieno, il significato della festa.

Candelora per bambini

Il bello di queste feste è non solo tramandare ai bambini la memoria e le tradizioni, con i detti, i proverbi e le filastrocche, ma anche passare del tempo con loro, in casa al caldo, facendo lavoretti a tema candele. Per le mamme più "coraggiose", ma soprattutto più pazienti e piene di energia consigliamo anche di organizzare una festa con altri bambini.

Per la Candelora possiamo anche metterci all'opera insieme ai bambini per realizzare qualche lavoretto, una candela originale o una decorazione per la casa. Spazio a tanta fantasia e manualità: si tratta di attività semplici che stimoleranno la sensibilità e la creatività dei vostri piccoli.

Candelora: origini, poesie e ricette per il 2 febbraio

Ecco qualche suggerimento:

  • dei creativi porta candele da decorare, come una casetta porta candele
  • delle crepe finte colorate, simpatiche e dalle facce buffe
  • delle ghirlande di luce fai da te, perfette se decidiamo di organizzare una piccola festa per la Candelora o anche se semplicemente vogliamo dare alla nostra casa un'atmosfera più suggestiva. Per realizzarla  bastano dei bicchieri di carta da personalizzare e delle lucine bianche, come quelle del Natale

Possiamo anche preparare insieme ai bambini qualcosa di buono che si ispiri alla tradizione della Candelora.

Non dimentichiamoci le crepes, che sono un "ingrediente" fondamentale dei festeggiamenti della Candelora in Francia. Nella nostra gallery una ricetta delle crepe dolci presa dal famoso guru della cucina Giallo Zafferano.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0