gpt
gpt
gpt
1 5

Calze della Befana fai da te per bambini

/pictures/20151204/calze-della-befana-fai-da-te-426582906[3432]x[1432]780x325.jpeg
gpt

Ecco i consigli per preparare delle calze della Befana fai da te. Potrebbe essere un regalo divertente per i bambini, ma anche per tutta la famiglia

Calze della Befana fai da te

Idee per la calza della Befana?
La soluzione più semplice e rapida sarebbe quella di comprarne una in un supermercato.
Una calza in serie con cioccolata e caramelle che non abbiamo scelto noi.

gpt

Ma se invece abbiamo un po' di tempo libero potremmo provare a realizzare una calza per la Befana assolutamente unica e originale. Potrebbe essere un regalo divertente per i bambini, ma anche per il marito o un familiare e potremmo riempirla con dolcetti fatti in casa o cioccolatini artigianali.

Ma come si può realizzare una calza fai da te?
I materiali più facili da usare con certamente il pannolenci, la stoffa e la iuta.

Cosa mettere nella calza della Befana? Dolciumi fai da te

Per tutti e tre questi materiali si può disegnare la sagoma della calza usando dei cartamodelli e poi ritagliarla. Infine cucire le due parti lasciando aperto il bordo superiore.

Si possono scegliere tante varianti di colore e una volta cucite tutte le parti si otterrà una calza colorata ma forse troppo semplice. A questo punto bisognerà mettere a frutto la fantasia e la creatività per completare la calza con tante decorazioni uniche.

Calze della Befana fatte a mano

Usando la colla a caldo o l'ago e filo, si possono applicare bottoni colorati, brillantini (e i bambini saranno felicissimi di aiutarvi), piccole pietre, paillettes e addirittura piccole caramelle.

Completate l'opera riempiendo la calza di dolcetti artigianali, cioccolatini e caramelle.

/var/www/orion/src/Orion/FrontendBundle/Resources/views/Templates/pianetamamma/advblocks/adv-block-pm-natale.html.php
gpt
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt