Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-bambino
1 5

Giocare con il bebé

Il gioco è il principale strumento di crescita per il bebè. Ecco come giocare insieme al bambino

adsense-foglia-300
Il gioco è il principale strumento di crescita per il bebè
E' giocando che il nostro bebè scoprirà le sue manine, comincerà ad interpretare il mondo e farà le sue piccole conquiste, come imparare a stare seduto.


LEGGI ANCHE: I bambini e il gioco


Anche il rapporto con i genitori e con le altre persone che lo circondano è mediato dall'approccio ludico.

Nei primi giorni il bambino trascorre la maggior parte del tempo a dormire, successivamente le fasi di veglia si allungheranno e ci daranno modo di divertirci con nostro figlio.

Il gioco è anche il modo migliore che hanno i papà per entrare nell'universo del bebè. La mamma ha molte più occasioni di interagire con il figlio e l'allattamento ne è l'esempio principale. Il gioco invece consente di stabilire un primo contatto tra padre e figlio.


LEGGI ANCHE: Giocare senza giochi, il gioco euristico


Ma come si gioca con un bebè? Non c'è una ricetta unica, il rapporto genitori figli è una continua scoperta, un susseguirsi di emozioni. Costruire questa relazione ci regalerà le stesse ansie, gli stessi batticuori che è capace di offrire solo una grande storia di amore.

Per giocare con i nostri figli (LEGGI), comunque, abbiamo a disposizione una serie di possibilità.

Quando il bambino non ha ancora tre mesi è meglio limitare le occasioni di contatto con gli oggetti, la musica sarà molto gradita da vostro figlio così come le giostrine che si appendono nella culla e nella carrozzina.

Meglio prediligere il giallo e il rosso nella scelta dei colori, sembrano essere quelli che stimolano maggiormente il piccolo.

giocare-con-il-bebe



Le ninne nanne, cantate da voi o riprodotte da un lettore, stimoleranno e rilasseranno il bambino e voi potrete farlo passeggiare e giocare con lui. I neonati sono molto sensibili al ritmo, il trascorso nella pancia della mamma era caratterizzato dal ritmo del cuore e inoltre era quasi sempre a spasso.

Anche parlargli delicatamente cambiando tono di voce e scoprendo quale lo attira di più, potrà essere un buon metodo per fare amicizia.

Ricordatevi di lavare sempre le mani o di strofinarle con una salvietta umidificata prima di toccarlo.

Quando il bambino avrà compiuto i tre mesi, potremmo giocare con lui in tanti altri modi. In questa fase infatti, riconosce l'aspetto e la voce delle persone, sorride ed è più reattivo alle vostre sollecitazioni. Offrirgli stimoli come luci, colori e forme sarà un ottimo metodo per aiutare a sviluppare le sue capacità sensoriali.

Persino la sua muscolatura trarrà giovamento dal gioco.


LEGGI ANCHE: Idee per giochi da fare quando piove


Potrete acquistare uno di quei tappeti gommosi che si stendono sul pavimento vivaci e pieni di disegni che affascineranno il bambino. Si muoverà per cercare di afferrare gli oggetti irrobustendo ossa e colonna vertebrale.

Man mano che vostro figlio diventerà più grande scoprirete insieme a lui i giocattoli (LEGGI) che ama di più e quali attività lo coinvolgono maggiormente. Giocare con il vostro bambino vi aiuterà a conoscerlo e sarà un buon modo per distrarlo nelle situazioni di disagio, ad esempio quando non sta molto bene o deve mangiare.

Fare attività con il bambino influisce anche sui suoi ritmi sonno/veglia, se vorrete garantirvi notti tranquille, sollecitatelo durante il giorno, fatelo stancare e sicuramente sarà più facile farlo addormentare.

I bambini amano il gioco ed è bene che lo lasciate giocare con le persone che vi sono vicine come nonni, zii e amici.

La sua socialità e la sua personalità ne trarranno giovamento.