gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Allattare in pubblico: naturale o scandaloso?

Per la maggior parte delle persone l’allattamento in pubblico non desta stupore né scalpore, ma c'è ancora qualcuno che si scandalizza

normal-allattamentoDi allattamento al seno in pubblico si parla soprattutto in occasione di episodi presentati dai media come clamorosi, in cui le madri vengono allontanate dai luoghi in cui stavano allattando i propri bambini. Per la maggior parte delle persone l’allattamento in pubblico non desta stupore né scalpore, al massimo un curioso interesse per un gesto non più così comune e popolare come in passato. Qualcuno invece si scandalizza, esistono però varie ragioni per cui l’allattamento in pubblico è necessario e andrebbe incoraggiato. 

Come allattare in pubblico con discrezione

La prima ragione a favore dell’allattamento in pubblico riguarda il funzionamento dell’allattamento al seno. L’idea diffusa dell’allattamento al seno evoca ancora oggi concetti come orari fissi, numero definito di poppate nell’arco della giornata, pause di tre ore e doppia pesata del bambino prima e dopo la poppata. Le mamme degli anni Settanta, le loro figlie e le loro nipoti, madri dei nostri giorni, hanno vissuto in questa cultura prevalente e questa è una delle ragioni per cui oggi risulta difficile recuperare o ricostruire l’immagine originaria dell’allattamento al seno. L’allattamento materno funziona infatti in modo totalmente diverso dall’alimentazione con latte artificiale.

Ogni bimbo ha un suo stile alimentare e diversi tempi di poppata al seno, un pò come tra noi adulti c'è chi mangia più veloce e chi più lento. Per i bambini è la stessa cosa ed è difficile predeterminare quanto dureranno le poppate, le pause fra una poppata e l’altra e quanto latte prenderà il bambino a ogni poppata. Esiste anche un diverso modo di poppare, a seconda che i bimbi abbiano sete (poppate brevi e frequenti) o fame (poppare più prolungate): questo è legato al fatto che il latte a inizio poppata è più ricco di liquidi e zuccheri mentre a fine poppata è più ricco in grassi. Diventa quindi difficile prevedere quando e dove il bambino chiederà di poppare. Le madri che allattano dovrebbero quindi essere messe in grado di andare ovunque e di allattare i propri bambini quando necessario. Non c’è ragione di limitare la libertà di movimento delle madri durante l’allattamento per presunte ragioni di convenienza sociale o di suscettibilità morale.
Il seno nasce prima di tutto per l’allattamento: è un bellissimo contenitore, morbido e caldo, comodo da trasportare, produce un latte dalla composizione perfetta, anzi, un latte specifico e diverso per ogni singolo bambino, alla temperatura giusta e disponibile ovunque e in qualsiasi momento. I bambini hanno diritto a stare con le loro mamme per poppare quando necessario

La Convenzione sui diritti del bambino riconosce il ruolo fondamentale che l’allattamento al seno svolge per l’affermazione del diritto del bambino al più alto standard raggiungibile di salute. Anche l’Organizzazione mondiale della sanità e la Commissione europea ribadiscono questo diritto nelle raccomandazioni standard per l’alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a 3 anni. Il bambino allattato al seno deve essere libero di avere la sua poppata nel momento in cui ne ha bisogno, esattamente come qualsiasi adulto è libero di entrare in un bar o farsi uno spuntino quando ne sente la necessità. Di conseguenza, la mobilità delle donne non può essere ristretta a causa dell’allattamento. Attualmente le raccomandazioni nazionali e internazionali suggeriscono l’allattamento esclusivo (solo latte di mamma, senza aggiunta di acqua, tisane, succhi o altro) fino a sei mesi di vita compiuti e l’allattamento complementare (latte materno e altri cibi) “fino a 2 anni o più, secondo il desiderio della mamma e del bambino” (WHO/CDR/93.6). Ma è possibile fare ciò nell’attuale sistema di organizzazione del lavoro?
Ma il congedo obbligatorio di maternità consente l’astensione fino al massimo al quarto mese compiuto del bambino e questo è evidentemente in contraddizione con la raccomandazione di allattamento esclusivo fino al sesto mese.  

Sulla base di ciò bisognerebbe promuovere la realizzazione di aree dove allattare diventa la normalità e incoraggiano le donne a farlo. Negozi, farmacie, bar e supermercati dovrebbero disporre di spazi dove le mamme e i loro bambini possono fermarsi ad allattare; non sono necessarie grandi attrezzature: basta una sedia su cui potersi sedere.

Le esperienze delle mamme del forum di Pianeta mamma sul tema dell'allattamento in pubblico

Freeda scrive : ciao ragazze,mi stavo domandando,cosa ne pensate sull'allattamento in luoghi pubblici? l'altro giorno un amico mi raccontava da aver visto una mamma allattare il suo piccolo in un parco,e lui si è "indignato" perchè la donna mostrava il seno..allora mi son domandata,ma allora,i seni nudi che vengono mostrati nei cartelloni pubblicitari perchè non indignano?
io sono indignata del fatto che nel 2008 c'è ancora qualcuno che vede l'allattamento come una cosa da vergognarsi! voi che ne pensate? un bacione a tutte e a tutti i vostri bimbi/e
Risponde Lenina: Che è inevitabile.Cioè io allatto a richiesta...allatto al parco al ristorante al bar e dove capita...ho allattato a Venezia in pzz San marco. Il seno si vede pochissimo (se fa fresco ho imparato a scoprire solo il minimo ma comunque c'è sempre il bimbo davanti). Cioè l'alternativa è non usciere più di casa per chi allatta a richiesta

mammafiore: Ho allattato i miei piccoli per 10 mesi uno e 15 mesi l'altro,se mi fossi preoccupata di dove allattare i miei figli non sarei uscita di casa x quasi un anno e mezzo!!!Non mi sono MAI preoccupata nè del posto(ho evitato solo i luoghi di culto,off course!!)nè degli occhi altrui...io dovevo dar da mangiare a mio figlio,chi non capisce questa cosa elementare non merita neanche un attimo della mia considerazione!!!

Tutte le altre esperienze le trovate qui

Info sull'allattamento in pubblico tratte in parte da http://www.epicentro.iss.it/discussioni/allattamento/giusti.asp

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0