gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Coinvolgendo i papà si migliora l'allattamento

/pictures/20141212/coinvolgendo-i-papa-si-migliora-l-allattamento-37968470[3785]x[1578]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Uno studio dimostra che laddove i neopadri vengono coinvolti attivamente, l'allattamento riesce meglio e dura di più

Migliorare l'allattamento

L'Organizzazione Mondiale della Sanità e i pediatri consigliano l'allattamento esclusivo al seno per i primi sei mesi di vita dei neonati.

Tuttavia ben poche mamme riescono in questa sfida, molte interrompono l'allattamento dopo pochi mesi.

gpt native-middle-foglia-bambino

Uno studio canadese ha invece fatto luce su quanto sia importante il ruolo giocato dal papà nella durata dell'allattamento. Se i neopadri vengono direttamente coinvolti in un programma a sostegno dell'allattamento al seno già in ospedale, le mamme hanno maggiori probabilità di allattare ancora dopo tre mesi rispetto alle donne che non hanno ricevuto alcun aiuto dal proprio compagno.

Jennifer Abbass-Dick dell'Università dell'Ontario in Canada spiega:

Un risultato coerente con studi precedenti che suggeriscono come i padri svolgano un ruolo importante per l'allattamento. Le madri tornano a casa subito dopo la nascita con qualche informazione su come allattare e poi si ritrovano da sole con un neonato da allattare ed il recupero dopo il parto

Alimentazione durante l'allattamento

In tal senso, spiega l'esperta, può essere di grande aiuto per la mamma avere un compagno che assiste anch'egli nella fase di apprendimento, nella comprensione di come funziona l'allattamento, come posizione il bambino in modo ottimale, come risolvere i problemi più comuni.

LO STUDIO - I ricercatori hanno diviso 214 neomamme e i padri in due distinti gruppi. Il primo ha ricevuto un supporto standard per l'allattamento al seno in ospedale, l'altro gruppo invece ha visto coinvolti entrambi i genitori nelle fasi di apprendimento, hanno incontrato uno specialista in ospedale per un colloquio di 15 minuti e hanno portato a casa depliant, video e un indirizzo internet per reperire informazioni utili sulle tecniche di allattamento ed altre risorse per capire come i papà possono aiutare la loro compagna.

I genitori del secondo gruppo sono stati ricontattati dopo una settimana e dopo tre settimane da esperti che si sono informati sull'andamento dell'allattamento e hanno offerto aiuto in caso di dubbi.

I risultati: più del 95% delle madri del secondo gruppo stava ancora allattando dopo tre mesi contro l'88% del gruppo di controllo. Inoltre le mamme hanno dichiarato che il sostegno dei papà è stato determinante per la buona riuscita dell'allattamento.

Le madri si sentivano sostenute dai loro partner, che le aiutava a perseverare quando si sentivano stanche o insicure o frustrate. Un dato che conferma che è importante considerare anche il padre quando si mettono in atto strategie di promozione dell'allattamento

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0