gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Disturbi alimentari e intestinali nel lattante

/pictures/2017/06/07/disturbi-alimentari-e-intestinali-nel-lattante-2540657414[2968]x[1238]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

I disturbi intestinali nei neonati e gastrointestinali quali enterite e gastroenterite sono causati quasi sempre da scarse norme igieniche e alimentazione non adeguata. Conosciamole

Disturbi intestinali nei neonati

Alla nascita, il sistema digestivo ancora immaturo, fragile, sensibile di un bebé deve abituarsi ad un'alimentazione per via orale, vale a dire: deve imparare a digerire, ed è molto probabile che si manifestino delle disfunzioni, che sono generalmente lievi e transitorie, e che tendono a scomparire dopo il primo anno. Durante questa fase di adattamento, i disturbi digestivi e intestinali sono comuni: il 55% dei neonati a termine sperimenta uno o più problemi digestivi nei primi mesi di vita.

Le cause possono provenire dalla dieta, ma anche da stress, stanchezza, o dalla temperatura esterna. Questi sintomi lievi dovrebbero comunque essere oggetto di una vigile attenzione da parte dei genitori, poiché se persistono per diversi giorni, se sono associati a febbre, vomito, perdita di appetito, il pediatra va consultato, il quale, a seconda dei disturbi manifesti, può prescrivere il farmaco più adatto.

I disturbi digestivi funzionali del bambino sono un motivo molto comune di assistenza sia infantile (rigurgito, coliche, stipsi), che nella prima infanzia ( Colon irritabile) o nel bambino più grande (Sindrome da intestino irritabile), più sovente nella pratica ambulatoriale e ospedaliera. La conoscenza fisiopatologica è modesta, alcuni disturbi accompagnano la maturazione fisiologica digestiva, altri sono risposte adattative ad un processo educativo troppo rigido (es. la pulizia), ma anche fattori predisponenti o genetici e ambientali come lo stress, le abitudini della famiglia, il contesto socio-economico.

Le coliche del neonato

Rumori intestinali

I suoni dell'intestino diventano attivi 1-2 ore dopo la nascita. Quando si sente il rumore della pancia del bambino, si dovrebbe apprezzare ciò come un sofisticato pezzo della meravigliosa macchina che è il corpo umano. La maggior parte di questi rumori, anche se talvolta sorprendenti o sgradevoli, sono abbastanza normali. Questi suoni sono fatti dall’ intestino del neonato, dagli organi che lavorano il cibo che lui mangia. Poiché l’ intestino è un lungo tubo, possiamo udire normali suoni intestinali, come eco del lavoro nella cavità addominale, simili al liquido che scorre attraverso il tubo dell'acqua. Se il bebé mangia normalmente, ha regolari movimenti intestinali e non si lamenta di dolore o vomito, i suoni che sentiamo dalla pancia sono semplicemente un segno sano che il suo sistema digestivo funziona. Al contrario, se sintomi addizionali accompagnano i rumori che non abbiamo mai sentito prima o se non si sente alcun rumore, anche con l'orecchio premuto allo stomaco, è bene contattare il pediatra.

Brontolii normali

Quando lo stomaco del tuo bambino è vuoto, quando ha fame e anche quando sa che sta per mangiare, il suo stomaco fa contrazioni che strizzano l'aria. Questo processo fa quei rumori che possiamo sentire come “rumore di stomaco”. Poiché il bambino inghiotte aria e saliva molte volte durante il giorno, l'estremità superiore del suo intestino spesso risucchia aria, quindi ci dobbiamo aspettare che, da 5 a 15 secondi, si mettano in moto, mormorando, tintinnando, gorgogliando le onde sonore che possono durare alcuni secondi. È normale ascoltare la maggior parte dei brontolii prima e dopo aver mangiato. Questi rumori, insieme a dolore, vomito e occasionale rigurgito sono oggetto di chiamate urgenti al pediatra.

L’aria emessa

Gas interni supplementari sono prodotti da processi di fermentazione che si generano nell’intestino inferiore, causando suoni che possono uscire nell'altra direzione. Ad esempio, è possibile aspettarsi dei suoni normali dopo che il bambino mangia cibi come i fagioli. Ciò che succede è che i batteri che vivono normalmente nel suo intestino nutrono gli zuccheri prodotti mentre il suo corpo digerisce degli alimenti amidacei. Il gas è un sottoprodotto del proprio processo digestivo dei suoi batteri. Può iniziare con dei rumori divertenti nel ventre: alcuni usciranno come rutti, altri percorreranno in discesa e saranno emessi come peti. Se il nostro bebè consuma un pasto molto grande può generare più gas e quindi più rumore.

Suoni anormali

A volte i suoni che si sentono dalla pancia inferiore del bambino indicano che sta accadendo qualcosa. Nei casi di normalità, quando i suoni intestinali sono ridotti in fortezza, tono o regolarità, significa che l'attività intestinale è rallentata. Questo è normale durante il sonno, ma anormale se la riduzione del suono si verifica più spesso anche dopo aver mangiato. Potrebbe significare stitichezza o un'ostruzione dell'intestino, spesso con un suono simile all'acqua che squilla attraverso un tubo. I suoni intestinali iperattivi, specie i suoni ad alta intensità, indicano che il bambino ha un aumento dell'attività intestinale. Questo è normale con la diarrea e subito dopo aver mangiato, ma anormale quando accompagnato da altri sintomi come il dolore.

Rumori ad alta frequenza sono spesso causati da allergie alimentari e da stress. Rumori molto alti possono essere un segno precoce di ostruzione, rumori rumorosi possono indicare l'infiammazione dell'intestino. La mancanza di suono dopo aver mangiato, potrebbe voler dire una possibile rottura intestinale o strangolamento, strozzamento dell'intestino. Il pediatra solitamente ascolta con lo stetoscopio i suoni intestinali, che, se molto specifici, possono indicare il punto dell’ostruzione, quelli che si ritiene siano suoni addominali aiutano il medico a diagnosticare l'appendicite o un problema polmonare confuso come una emorragia intestinale.

Mal di pancia nel neonato dopo la poppata

Il bebè a volte può sembrare insolitamente esigente: potrebbe essere un dolore alla pancia. Bisogna prestare attenzione quando il bambino sembra insoddisfatto e valutare se ha altri sintomi come febbre, vomito o diarrea. Colica è la classica spiegazione del dolore allo stomaco e di altri sintomi del bambino irritabile. È un termine usato per descrivere il pianto incontrollabile in un bambino altrimenti sano. Se il bambino ha meno di 5 mesi, grida eccessivamente, è incontrollabile per più di tre ore consecutive per tre o più giorni alla settimana per almeno tre settimane e non esiste una spiegazione medica per la sua sofferenza, è considerato colico. Non c'è cura per la colica, possiamo dare consigli e offrire dei rimedi che allentano il dolore colico. La maggior parte dei neonati migliora notevolmente tra i 3 e i 4 mesi e ai 5 mesi dovrebbe essere scomparsa.

Dolore da gas è comune tra i bambini nei primi tre mesi di vita, mentre i loro intestini stanno maturando e anche tra i 6 ei 12 mesi, perché tendono a mangiare parecchi alimenti diversi per la prima volta.

Stipsi è il più comune problema digestivo nei bambini che stanno iniziando a introdurre alimenti solidi. Se il bambino ha movimenti intestinali meno frequenti del solito, in particolare se non ha avuto uno per tre o più giorni ed è irritato quando ne ha uno, probabilmente è costipato. Un altro segno sono le feci dure e asciutte, difficili da essere emesse. Possiamo aiutarlo a ridurre la costipazione fornendogli alimenti come farina d'avena, albicocche, pere, prugne e piselli, eliminando o riducendo banane, mele, carote, riso. Facciamolo bere più liquidi, aumentiamo l’attività fisica che può aiutare a spostare i visceri.

Reflusso

La maggior parte dei bambini sputa un pò o addirittura vomita un poco dopo aver mangiato, ma se lo fa spesso, si chiama reflusso gastroesofageo. Il reflusso si verifica quando la valvola tra l'esofago e lo stomaco non funziona correttamente, e il cibo e l'acido gastrico gorgogliando risalgono dallo stomaco nella gola. Il reflusso può dare sensazione di bruciore nella gola e al torace, la maggior parte dei bambini superano il reflusso nel primo anno. Il pediatra può consigliare i modi per ridurre i sintomi e monitorare anche la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD).

Blocco intestinale

Chiamate il pediatra se il bambino tutto a un tratto manifestano intenso dolore, piegano le gambe, piangono, e se questi sintomi aumentano di intensità e frequenza e si aggiunge il vomito. Questi sintomi possono segnalare un'ostruzione intestinale come la stenosi pilorica tanto che il cibo non può passare dallo stomaco al duodeno o intussuscezione, quando una parte dell'intestino scivola nella parte successiva.

La dispepsia

I processi patologici e le malattie del tratto gastrointestinale superiore sono sempre più riconosciuti negli ultimi anni nei soggetti infantili, poiché responsabili di una varietà di sintomi gastrointestinali precedentemente etichettati come funzionale o non organico. Il termine "dispepsia" nel contesto pediatrico, comprende sintomi dipendenti dall'età, come l'irritabilità associata all'alimentazione nel dolore infantile peri-ombelicale nel bambino più giovane e il bruciore toracico, nausea e indigestione nel bambino più grande come, negli adulti. Le possibili condizioni organiche che danno origine a tali sintomi sono molteplici e multiorganiche, includono:

  • reflusso gastro-esofageo,
  • ulcera peptica,
  • Malattia di Crohn,
  • disturbi della motilità gastrointestinale,
  • pancreatite,
  • colecistite,
  • colelitiasi,
  • discinesia biliare,
  • l'emicrania addominale.

La dispepsia non ulcerosa ha una base nella alterata motilità gastroduodenale; in molti soggetti i sintomi dispeptici del dolore addominale ricorrente possono essere modificati dall'intervento psicoterapeutico. Infatti c'è una percentuale di bambini che ha indubbiamente una base di alterato comportamento psicologico. È importante quindi trovare la causa dei loro sintomi, perché alla terapia della dispepsia dei bambini i pediatri affrontano una serie di problemi e l'alimentazione non appropriata nei primi mesi di vita del bambino diventa la ragione della dispepsia dei bambini nella maggior parte dei casi.

Un esagerato volume di cibo, la frequente alimentazione, l’introduzione precoce di un nutrimento, l’abbondanza di prodotti base di farina nella dieta del bambino può causare disturbo di digestione. La malattia diventa il motivo della perdita di peso, il neonato è tormentato da vomito, soffre di indigestione. Durante l'allattamento la dieta della madre deve essere varia, ricca di verdure, equa la parte delle proteine animali, esclusione delle bevande alcoliche.

Il rotavirus

Il rotavirus è presente nell'ambiente in 6 diverse specie ed è la causa più comune di gastroenteriti virali fra i neonati e i bambini al di sotto dei 5 anni. In particolare, nei bambini m​​olto piccoli (tra i 6 e i 24 mesi) il virus può causare una diarrea severa e disidratazione. L'infezione è pericolosa solo quando è provocata dai rotavirus A e in misura minore da quelli B e C. L'aver contratto il virus una volta non dà immunità sufficiente, anche se le infezioni che si contraggono negli anni successivi e in età adulta tendono a presentarsi in forma più leggera. La principale via di trasmissione del virus è oro-fecale, talvolta anche per contatto e per via respiratoria. Poiché il virus è stabile nell'ambiente, la trasmissione può avvenire attraverso l'ingestione di acqua o cibo contaminato o a causa del contatto con superfici contaminate.

La diffusione da persona a persona attraverso la contaminazione delle mani è probabilmente la più diffusa negli ambienti comunitari, in particolare negli asili nido. Nelle mense e negli altri luoghi destinati a ristorazione collettiva, il rotavirus può essere trasmesso quando un operatore che ha contratto l'infezione maneggia alimenti che non richiedono la cottura, come per esempio insalata, frutta e altre verdure fresche, senza lavarsi accuratamente le mani.

  • Sintomi e diagnosi

La malattia ha un periodo di incubazione di circa due giorni, poi insorgono febbre, disturbi gastrici, vomito e diarrea acquosa per 3-8 giorni. Nella maggior parte dei casi, quando si sviluppa una forma blanda di diarrea, i malati guariscono senza alcun trattamento, mentre una diarrea acuta può portare a disidratazione grave dell'organismo che richiede l’intervento medico. La diagnosi viene effettuata ricercando antigeni specifici del rotavirus all'interno di campioni fecali prelevati dal paziente.

  • Prevenzione e trattamento

Non esistono misure efficaci per eliminare completamente l'infezione da rotavirus o la sua diffusione. Lavarsi le mani con il sapone o con altri detergenti non uccide il virus, ma può limitarne la diffusione. Per prevenire la diffusione delle malattie diarroiche in generale è fondamentale mantenere buone condizioni igieniche sia a casa che negli asili nido e in tutti gli ambienti collettivi. Se la malattia viene contratta, il pericolo maggiore è che si sviluppi una forma grave di diarrea con conseguente disidratazione, specialmente nei bambini piccoli o negli anziani. In questo caso, l'organismo perde quantità eccessive di acqua e di sali e non riesce a ristabilirle. I segni della disidratazione sono chiari: ridotta produzione di urina, sete eccessiva, secchezza della bocca e sonnolenza insolita. Circa 1 bambino su 40 necessita del ricovero in ospedale per la somministrazione di fluidi per via endovenosa, ma di solito il trattamento è aspecifico e consiste nella reidratazione per via orale per compensare la perdita di liquidi. Oggi è prevista la vaccinazione pediatrica per i rotavirus.

Diarrea ed enterite o entero-colite

Diarrea acuta è spesso chiamata gastroenterite acuta da parte dei medici e quando le feci sono più morbide e più frequenti di quelle normali (solitamente più di 6 scariche intestinali ogni giorno). La diarrea può essere dovuta a infezioni di batteri, virus o parassiti. La diarrea è più comune nei bambini che frequentano l'asilo e di solito è dovuta ad un virus. Mentre i casi di diarrea dovuti all'infezione sono di solito lievi e si risolvono da soli, è importante evitare la disidratazione per perdita del fluido corporeo con le feci diarroiche. La disidratazione si manifesta quando qualcuno non è in grado di soddisfare in modo sufficiente il fluido orale per soddisfare le esigenze quotidiane e compensare le perdite nelle e con le feci. Se i medici possono fare diagnosi di disidratazione e quanto severamente, i genitori possono vedere i segni di disidratazione controllando quanto spesso il bambino urina, se piange con lacrime o se ha labbra secche. Se un neonato ha il pannolino e l'urina è mescolata con feci liquide è difficile apprezzare e valutare ciò, di solito questi bimbi diventano esigenti, sono smaniosi, piagnucolosi, con un livello di energia ridotto e facilmente si assopiscono.

Quando il colon di un soggetto e il piccolo intestino diventano infiammati, questo può essere l'inizio di una enterocolite. L'enterocolite, nota anche come colon enterite, si verifica quando l'intestino tenue è affetto da enterite e l'intestino, in particolare il colon, è affetto da colite, entrambe le quali sono condizioni infiammatorie. I soggetti con Enterocolite presentano sintomi di febbre, gonfiore nell'addome dovuto all'infiammazione del piccolo intestino e del colon; nausea e vomito e diarrea. Il paziente sperimenta inoltre l'emorragia dal retto, nonché una stanchezza generale. Ci sono diverse classificazioni delle cause dell'infiammazione nel piccolo intestino e del colon.

  • L'enterocolite pesudomembranosa è una classificazione della malattia causata dall'uso di antibiotici che porta ad un cambiamento anormale della e nella flora che si trova nell'intestino. L'irritazione e l'infiammazione risultanti sono responsabili dei sintomi diarroici. La classificazione Psuedomembranosa è descritta come una infiammazione delle membrane mucose intestinali. Questa infiammazione è il risultato di placche pseudomembranose che si formano come risultato della terapia antimicrobica.
  • Infine, l'Enterocolite classificata come ulcerosa deriva da infezioni che sono batteriche e fungine in natura. Queste infezioni causano formazioni di ulcere nella mucosa enterica.
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0