gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Come smettere di allattare senza traumi

/pictures/20160609/come-smettere-di-allattare-senza-traumi-1895438507[1665]x[693]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

I consigli dell'ostetrica per smettere di allattare senza stress e senza traumi per mamma e bambino

Come smettere di allattare

Lo sappiamo tutte ormai, l'Organizzazione Mondiale della Sanità considera il latte materno come il migliore alimento per i bambini fino ai 6 mesi di vita. E suggerisce di iniziare lo svezzamento proprio in questo momento. L'ideale si scontra però con il reale e molte mamme per diversi motivi non possono arrivare al sesto mese, oppure semplicemente anche dopo il sesto mese decidono di smettere. Vediamo insieme come smettere di allattare senza traumi sia per la mamma che per il bambino.

gpt native-middle-foglia-bambino


L'allattamento è un momento che crea forte legame tra mamma e bambino ed è quindi assolutamente normale che smettere vi causi tristezza o preoccupazione, è il momento del distacco in cui voi e il vostro bambino diventate sociali, non sarete più chiuse nel vostro rapporto singolo con lui. È un momento di crescita sia per voi cone mamme sia per il bambino, quindi come tale dovrebbe essere graduale, passo dopo passo fino al distacco completo dal vostro corpo.

Per capire come fare partiamo da ciò che avviene dal punto di vista puramente fisico. Il vostro seno avrà calibrato la produzione del latte in base a quanto il vostro bambino lo svuota, quindi la produzione è strettamente legata alla consumazione. Avrete quindi compreso che meno il bambino consuma meno latte verrà prodotto e quindi lentamente verrà eliminato. Tutto ciò non può però avvenire in maniera repentina altrimenti si incorre in ingorghi e mastiti decisamente fastidiosi.

Decidete quindi un pasto per volta quale volte togliere, io consiglio sempre di non togliere l'ultimo della sera o la notte (anche se so che sarebbe più comodo per voi), il motivo è semplice, quel pasto è anche consolatorio. È buio, il bambino deve addormentarsi e sentire il contatto con la mamma lo rassicura, gli fa sentire che non è solo.

Quindi una volta scelto un pasto da cui cominciare semplicemente non offrite al bambino il seno ma lo svuotate (manualmente o con il tiralatte) quel tanto che basta per non sentirlo gonfio, pieno e dolente. Il seno, o meglio, il cervello tramite il seno, capirà che la richiesta di latte è inferiore e quindi ne farà produrre via via sempre di meno.

Se volete affrettare un pochino il percorso potete decidere di utilizzare lo stesso procedimento su un'altra poppata, limitando però ad un massimo di due poppate per iniziare.

Quanto ci vorrà per calibrare nuovamente la produzione?

È una delle domande che più mi viene fatta e purtroppo non esiste una risposta uguale per tutte. Ogni seno, ogni allattamento ha la sua tempistica, ma diciamo che di media siamo intorno ai 7-10 giorni per ogni passaggio, quindi per ogni sottrazione di poppata.

E se una mamma non ha tutto quel tempo perché deve ritornare al lavoro?

In questo caso in commercio esistono dei farmaci specifici per l'inibizione della produzione di latte e possono essere prescritti anche dal medico di base. Attenzione però l'uso di questi farmaci non vi solleva dal peso di svuotare periodicamente il seno. Infatti il farmaco non elimina completamente la produzione del latte ma agisce per far sì che gradualmente non ne venga prodotto di nuovo. È importante quindi mantenere il seno morbido, non completamente svuotato ma morbido, perché buona parte di ingorghi e mastiti al termine dell'allattamento sono dovuti proprio a questo.

Domande e risposte sull'allattamento

Mentre faccio questa operazione cosa devo fare con il bambino?

Ovviamente il bambino non va privato del suo apporto giornaliero di nutrienti quindi bisogna che decidiate se sostituire i pasti di latte materno che togliete con del latte artificiale oppure se volete iniziare a svezzarlo. È una scelta che deve essere definitiva specie sullo svezzamento. Ovvero non confondete il bambino iniziando ad introdurre ad esempio la frutta per poi tornare dopo una settimana al latte. Questo perché anche le tappe successive dello svezzamento risulterebbero caotiche e difficili soprattutto per voi. Quindi assicuratevi di dare al bambino lo stesso numero di poppate/pasti se lui ve lo richiede anche se non lo attaccate al seno.

Col tempo il bambino ridurrà la sua stessa richiesta di cibo per arrivare ai 5/6 pasti compreso di spuntini e latte prima di dormire.

È un momento delicato, lo so, affrontatelo con tutta la serenità del caso perché vostro figlio non starà male se voi lo svezzate in anticipo o se dovete necessariamente interrompere l'allattamento. Come abbiamo detto l'ideale a volte si discosta dal reale ma l'amore di una mamma per il proprio figlio non sarà mai messo in discussione.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0