gpt
gpt
gpt
1 5

Come aiutare il neonato a fare il ruttino

/pictures/20160802/come-aiutare-il-neonato-a-fare-il-ruttino-746341696[3474]x[1450]780x325.jpeg
gpt

Dopo la poppata, il neonato dovrebbe fare il ruttino per espellere l'aria che ha ingurgitato insieme al latte: vediamo come far fare il ruttino al neonato e quando è necessario stimolarlo

Come far fare il ruttino al neonato

Il ruttino è considerato da molte neomamme l'unico modo valido per essere certe che il neonato abbia digerito dopo l'allattamento e la poppata. Ma è veramente così? E' proprio indispensabile che il neonato faccia il ruttino dopo aver preso il latte? E se non lo fa spontaneamente come si può aiutare il neonato a fare il ruttino?

Come capire se il neonato non digerisce il latte

Ci sono neonati che fanno il ruttino dopo ogni poppata ed altri che non lo fanno mai. E la stessa cosa succederà durante lo svezzamento con le prime pappe. Nei primi mesi molte differenze possono esserci anche tra i neonati allattati al seno e quelli che prendono il biberon: l'attacco al seno materno, infatti, se avviene correttamente, permette ai neonati di non ingurgitare aria insieme al latte. Se il neonato si attacca al seno in modo non corretto o ciuccia troppo velocemente, può, oltre al latte, ingoiare anche aria. E se questa non viene espulsa dopo la poppata col ruttino e rimane nello stomaco, può causare doloretti, piccole coliche, mal di pancia o rigurgiti. Per questo è importante far fare il ruttino al neonato. Ma non esiste una regola assoluta e ci sono bambini che non ne hanno bisogno. Cerchiamo allora di capire a chi serve il ruttino e quando è necessario farlo fare al neonato.

Il ruttino dei neonati

Il neonato ingurgita aria mentre mangia soprattutto se beve molto velocemente, perché ha fame. Di solito accade più spesso se si utilizza il biberon, perché il latte scende più facilmente dalla tettarella del biberon, ma può capitare anche al neonato allattato al seno, se è un po' di tempo che non si attacca ed il seno della mamma è molto pieno. Il ruttino dovrebbe essere fatto alla fine del pasto, per espellere l'aria in eccesso. Ma può essere utile farlo fare al bambino anche a metà della poppata, perché se ha ingoiato molta aria, questa potrebbe riempirgli il pancino e fargli sentire un senso momentaneo di sazietà (ma poi la fame tornerà dopo poco). Come capire se ha bisogno di fare il ruttino? Se, durante la poppata, il neonato inizia ad inarcare la schiena e a girare la testa dall'altra parte, rifiutando il latte, probabilmente ha bisogno di fare il ruttino: fategli fare una pausa dalla poppata e mettetelo in posizione eretta per stimolare il ruttino.

Come aiutare il neonato a fare il ruttino

Ci sono bambini che fanno il ruttino, appena finita la poppata. Ed altri che invece devono essere stimolati. Se il neonato non fa spontaneamente il ruttino, potete provare dei metodi semplici per aiutarlo. In genere i bambini fanno il ruttino dopo poco la fine della poppata. Se provate a stimolarlo e dopo alcuni minuti ancora non lo ha fatto, allora non c'è bisogno di insistere. Potrebbe averlo fatto senza che ve ne siete accorte oppure non ne ha bisogno. Molti neonati, insieme al ruttino, fanno anche un rigurgito, ovvero buttano fuori un po' di latte. Solitamente è normale e non c'è da preoccuparsi. Per aiutare il neonato a fare il ruttino, ci sono 3 posizioni che potete provare.

Posizioni per far fare ruttino al neonato

Prima di tutto può essere utile tenere in braccio il neonato in posizione verticale, con la testa appoggiata alla propria spalla. Con una mano si sostiene il bambino e con l'altra si possono dare dei piccoli colpetti sulla schiena, per stimolare il ruttino. Mentre si danno i colpetti, è meglio anche non stare ferme, ma passeggiare per la camera, in modo che il dondolio del movimento favorisca nel neonato l'espulsione dell'aria. Un altro metodo utile per far fare il ruttino al neonato è una posizione da seduti. Dovete sedervi su una sedia e mettere il neonato sul vostro grembo, di profilo rispetto a voi. Con una mano dovete sorreggergli il petto e la testa per farlo stare dritto e con l'altra potete dargli qualche colpetto sulla schiena. Il terzo metodo consiste invece nel tenere sulle proprie ginocchia il neonato, in posizione sdraiata a pancia in giù. Con una mano dovete tenergli la testa, in modo che sia più in alto rispetto alle gambe, e con l'altra potete fargli dei massaggi sulla schiena.

I neonati devono fare sempre il ruttino

Molte mamme si preoccupano perché i bambini non fanno il ruttino dopo la poppata. C'è veramente da preoccuparsi? In realtà no, perché ci sono anche bambini che ingurgitano poca aria e non hanno bisogno di farlo alla fine della poppata. Soprattutto tra i bambini allattati al seno, ce ne sono molti che non fanno mai il ruttino. Quindi niente panico. Se il bambino è tranquillo e non ha coliche o doloretti, state tranquille, anche se non ha fatto il ruttino. L'unico accorgimento da ricordare è di cercare di tenerlo almeno 10/15 minuti in posizione eretta dopo la poppata, per aiutarlo a digerire ed evitare rigurgiti eccessivi.

gpt
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt