gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Allattamento al seno: come iniziare bene

L'allattamento al seno dovrebbe essere facile e senza problemi per la maggior parte delle madri. Una buona partenza aiuta ad assicurare che l'allattamento materno sia un'esperienza felice per entrambi, madre e bambino

Sul sito Allattiamo.it abbiamo trovato questa bella traduzione del documento "Breastfeeding - Starting out right" scritto dal Dott. Jack Newman
Ve la proponiamo affinchè, le future mamme che si stanno accingendo ad iniziare l'esperienza dell'allattamento al seno, ne traggano beneficio e qualche utile consiglio


Allattare: consigli utili per un allattamento sereno


"L'allattamento al seno è un modo naturale e fisiologico di nutrire sia neonati che bambini piccoli, e il latte umano è latte prodotto in modo specifico per il piccolo dell'uomo. Il latte artificiale che viene prodotto con latte di mucca oppure con fagioli di soia (la maggior parte dei latti artificiali, anche quelli "speciali") è solo vagamente simile al latte umano e la pubblicità che afferma il contrario è fuorviante. L'allattamento al seno dovrebbe essere facile e senza problemi per la maggior parte delle madri. Una buona partenza aiuta ad assicurare che l'allattamento materno sia un'esperienza felice per entrambi, madre e bambino.

La grande maggioranza delle madri è perfettamente in grado di allattare i propri bambini esclusivamente al seno per circa sei mesi poichè la maggior parte di esse produce latte in abbondanza. Sfortunatamente negli ospedali predominano ancora modalità superate che si basano sull'allattamento artificiale e che rendono a madri e bambini l'allattamento materno difficile, o addirittura impossibile. Un buon inizio può essere cruciale per un allattamento pienamente riuscito. Tante madri e bambini riescono comunque a superare con successo anche una pessima partenza.


Alimentazione durante l'allattameno, cosa si può mangiare


Il segreto per un buon allattamento è di attaccare il bambino al seno in modo corretto. Un bambino che viene attaccato bene alla mammella riesce a ricevere bene il latte. Un bambino che è attaccato male alla mammella trova difficoltà a ricevere il latte, specialmente se la produzione è bassa. Un bambino che viene attaccato al seno in modo improprio, è simile ad uno che viene allattato al biberon con una tettarella che ha il foro troppo piccolo - la bottiglia è piena di latte ma il neonato ne riceve poco.

Inoltre, quando il bambino viene attaccato male alla mammella può causare dolori ai capezzoli. Se non riceve bene il latte, di solito sta al seno a lungo, con la conseguenza che il dolore aumenta. Sfortunatamente chiunque può dire che il bambino è attaccato bene, anche se in realtà non lo è. Troppe persone che dovrebbero saperlo meglio semplicemente non riescono a riconoscere quando un bambino è attaccato bene al seno.

Ecco alcuni accorgimenti che facilitano l'allattamento al seno:

    * Attaccare il bambino bene alla mammella è cruciale per il successo. Questa è la chiave per un allattamento riuscito. Sfortunatamente troppe madri vengono aiutate da persone che non sanno quando un bambino è attaccato bene alla mammella e quando invece non lo è. Se qualcuno dice che il bambino di due giorni è attaccato bene anche se si sente dolore ai capezzoli, meglio essere scettiche e chiedere il parere di una persona competente. Prima di lasciare l'ospedale qualcuno dovrebbe controllare se il bambino si attacca bene alla mammella e che stia effettivamente prendendo il latte e dovrebbe spiegare come si capisce quando il bambino stia realmente bevendo al seno (tipo di suzione "bocca aperta - pausa - bocca chiusa"). Vedi anche il sito del dott. Jack Newman dove si possono vedere dei video che dimostrano come attaccare il bambino alla mammella. A volte il personale dell'ospedale dirà alle mamme che se l'allattamento fa male, il bambino non è attaccato bene (normalmente è proprio così), e consigliano di staccare il bambino e riattaccarlo meglio. Questa non è una buona idea. Di solito il dolore diminuisce durante la poppata e sarebbe meglio aspettare con la correzione del modo in cui si attacca il bambino alla mammella quando si cambia seno oppure alla prossima poppata. Togliere il bambino dal seno e tentare diverse volte di attaccarlo meglio fa solo aumentare il dolore e peggiorare i danni al capezzolo.

Allattamento al seno, molte mamme rinunciano per paura di sbagliare



    * Il neonato dovrebbe essere messo al seno subito dopo la nascita. La maggioranza dei neonati può essere attaccata al seno già dai primi minuti dopo la nascita. Infatti le ricerche hanno dimostrato che se si da al neonato di pochi minuti di vita la possibilità, questo si muove da solo dall'addome della madre fino a raggiungere il seno e comincia a succhiare senza l'aiuto di nessuno. Questo processo può durare un'ora o più, ma si dovrebbe concedere alla madre e al neonato questa possibilità per conoscersi a vicenda. I neonati ai quali viene permesso di attaccarsi da soli alla mammella, rischiano molto meno di avere più tardi dei problemi con l'allattamento. Questo processo non richiede nessuno sforzo da parte della madre e la scusa che non può essere fatto perché la madre è stanca dopo il parto, è puro e semplice nonsense. Per inciso, studi hanno provato che il contatto pelle a pelle fra madre e bambino, tiene il neonato così caldo come lo farebbe una culla termica

allattamento-consigli-utili



   * La madre e il neonato dovrebbero stare nella stessa stanza. Non c'è assolutamente nessuna ragione medica perché madri e neonati sani dovrebbero essere separati l'uno dall'altro, neanche per brevi periodi. Le strutture sanitarie che per routine separano le madri dai neonati dopo la nascita, sono indietro di anni, e il motivo di questa separazione spesso è far capire chi domina (l'ospedale) e chi no (i genitori). Spesso vengono dati dei falsi motivi per la separazione. Un esempio è che il bambino ha evacuato meconio prima della nascita. Un bambino che ha evacuato meconio e che pochi minuti dopo la nascita sta bene, sarà sano e non avrà bisogno di stare per diverse ore nella culla termica "in osservazione". Non esistono prove che le madri che vengono separate dai loro neonati godano di più riposo. Al contrario, sono più riposate e meno stressate quando sono con i loro bambini.
Madri e bambini imparano a dormire con lo stesso ritmo. Perciò quando il bambino si sveglia per la poppata, anche la madre comincia a svegliarsi naturalmente. Questo non è così faticoso per le madri come venire svegliate da un sonno profondo, come spesso succede se il neonato, quando si sveglia, si trova da un'altra parte. Se si fa vedere alla mamma come allattare il bambino mentre entrambi sono sdraiati potrà riposare meglio. Molto tempo prima di cominciare a piangere, il neonato fa capire che è pronto per la poppata. Il suo respiro potrà cambiare, per esempio. Oppure potrà cominciare a stirarsi. La madre, essendo nella fase di sonno leggero, si sveglia, il suo latte comincia a scendere e il bambino, essendo calmo, è contento di poppare. Un bambino che ha dovuto piangere per un po' di tempo prima di essere messo al seno potrà rifiutare di attaccarsi anche se è affamato. Le madri e i neonati dovrebbero essere incoraggiate a dormire uno accanto all'altro nell'ospedale. Questo è per la madre un ottimo modo di riposare mentre il bambino poppa. Allattare al seno dovrebbe essere rilassante, non stressante

    * Non si dovrebbero dare dei capezzoli artificiali al neonato. Sembrano esserci delle controversie se la confusione "da tettarella" esista oppure no. I neonati acquisiranno qualsiasi metodo che li fa sperimentare una rapida fuoriuscita di liquidi e potranno rifiutare altri che non gli fanno prendere il latte facilmente. Perciò nei primi giorni, quando la madre sta producendo soltanto piccole quantità di latte (come vuole la natura), e al bambino viene dato un biberon (come vuole la natura?) dal quale riceve un liquido in modo rapido, tenderà a preferire il metodo con cui riceve il liquido più rapidamente. Non c'è bisogno di essere un grande scienziato per capire questa cosa, ma nonostante questo, molti operatori sanitari, che si presume dovrebbero essere di aiuto, sembrano non essere in grado di capirlo. La confusione "da tettarella" non comporta soltanto il rifiuto del seno da parte del bambino, ma c'è il rischio che questo poi non riesca ad attaccarsi così bene alla mammella come dovrebbe, e di conseguenza, non riceva abbastanza latte o possa causare alla madre dolore ai capezzoli. Soltanto perché il bambino "accetta entrambi" non significa che il biberon non abbia un effetto negativo. Siccome oggi sono disponibili dei metodi alternativi, se un bambino ha bisogno di ricevere delle aggiunte, perché si dovrebbe usare un capezzolo artificiale? (Vedi: "L'uso del dispositivo per l'allattamento supplementare")


Allattamento al seno. La guida fino ai due anni del bambino




    * Nessuna limitazione nella frequenza e nella durata delle poppate. Un neonato che poppa bene non starà al seno per ore ad ogni poppata. Perciò, se questo è il caso, normalmente significa che non è attaccato bene alla mammella e quindi non riceve tutto il latte disponibile. Sarà bene cercare come migliorare il modo in cui il bambino poppa e spremere la mammella per fargli ricevere più latte. La tecnica della compressione della mammella funziona molto bene nei primi giorni dopo la nascita per far scendere bene il colostro. Questo aiuterà, non il succhiotto, non il biberon, nè portare il bambino alla nursery.

    * Supplementi di acqua, glucosio oppure latte artificiale raramente sono necessari. Nella maggioranza dei casi, le aggiunte potrebbero essere evitate, se il bambino venisse attaccato alla mammella in modo corretto per fargli ricevere tutto il latte disponibile. Se qualcuno dice che è necessario dare un'aggiunta senza aver osservato una poppata, rivolgersi a qualcuno che se ne intende. In rari casi è necessario dare un'aggiunta, ciò normalmente viene invece suggerito per convenienza dello staff dell'ospedale. Se un'aggiunta è necessaria, questa dovrebbe essere data con un dispositivo per l'allattamento supplementare, non con la tazza, nè con una siringa nè con un biberon

gpt native-middle-foglia-bambino


    * Campioni gratuiti di latte artificiale e depliant di ditte produttrici di latte in polvere non sono regali. C'è soltanto un motivo per questi "regali", cioè cercare di fare usare il latte artificiale. E' un modo di fare marketing molto efficace, ma molto poco etico. Se lo si riceve da un operatore sanitario dovrebbero venire dei dubbi sulle sue conoscenze riguardo l'allattamento materno e il suo impegno di promuoverlo. "Ma io ho bisogno del latte artificiale perché il bambino non prende abbastanza del mio!". Può darsi, ma, più probabilmente non si è avuto un aiuto appropriato e il bambino semplicemente  non riesce a prendere il latte per bene. Nel caso si abbia veramente bisogno di latte artificiale, nessuno dovrebbe suggerire una particolare marca o dare campioni gratuiti

In alcune circostanze potrà essere impossibile cominciare presto con l'allattamento al seno. Comunque la maggior parte dei motivi medici (medicazione della madre, per esempio) non sono veri motivi per cessare o rimandare l'allattamento e si ricevono delle informazioni sbagliate. Cercare aiuto competente. I prematuri possono cominciare a prendere il seno molto prima di quanto non si usi in tanti reparti. Infatti gli studi indicano ora in modo abbastanza definitivo che per i prematuri è più facile poppare al seno che dal biberon. Sfortunatamente troppi operatori sanitari che hanno a che fare con dei prematuri sembrano non essere informati di questo.

Copyright by Jack Newman MD FRCPC
Traduzione a cura di Ulrike Schmidleithner - info ( at ) allattiamo.it
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0