gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

A.I.B.L.U.D. Onlus, Associazione Italiana Banca del Latte Donato

A.I.B.L.U.D. Onlus, Associazione Italiana Banca del Latte Donato: un gesto d’amore e di solidarietà per quei bimbi che non hanno a disposizione il latte materno

a-i-b-l-u-d-onlusForse non tutte le mamme conoscono A.I.B.L.U.D. Onlus, Associazione Italiana Banca del Latte Donato. L’associazione è nata nel 2005 e persegue dei nobili ed importanti obiettivi. Si occupa tra le altre cose di:
- promuovere studi sul latte umano e sul suo utilizzo;
- diffondere l’utilizzo del latte umano donato nei Centri di Neonatologia e, in particolare, nelle Terapie Intensive Neonatali;
- sensibilizzare l’opinione pubblica sui vantaggi del latte di donna e sulla sua donazione.

Organizzano anche dei corsi di aggiornamento rivolte a tutti gli operatori che si impegnano nell’area materna e infantile.

Non si tratta di poco se considerate che per molti bambini in condizioni precarie il latte donato è la migliore alternativa al latte della loro madre. Ecco perché le banche del latte donato svolgono un’attività importantissima e preziosa. Proprio così: la banca del latte si occupa di selezionare, conservare e distribuire il latte donato. Il latte donato risulta essere molto importante soprattutto nei neonati pretermine e nei primi giorni di vita qualora non sia disponibile il latte materno. Il latte di banca è stato proposto anche in seguito ad interventi di chirurgia gastro-intestinale.

Chi decide di donare il latte compie un gesto d’amore assoluto che sarà d’aiuto a chi si trova in una condizione di particolare fragilità.
Purtroppo però, come accade per chi dona il sangue, o il midollo spinale o il plasma o il sangue del cordone ombelicale, non tutte le mamme possono però diventare donatrici.
La “candidata ideale” deve essere in buona salute, condurre una vita sana, allattare da meno di sei mesi ed avere una quantità di latte superiore a quella che è necessaria al proprio figlio. Chi fa uso di droghe, chi prende certi farmaci o fa un uso esagerato di alcolici non può donare il latte. In ogni caso il personale della banca latte si attiverà per compiere tutti gli esami del caso e valutare l’idoneità della mamma.
La quantità di latte da donare varia da mamma a mamma e anche a seconda del periodo di allattamento.

Purtroppo le banche del latte almeno per il momento non sono in tutta Italia. Potete comunque avere una panoramica  cliccando su  questo link

Fonte: http://fitnessblog.girlpower.it/benessere/gravidanza-benessere/associazione-italiana-banca-latte-umano-donato/

Martina Braganti
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0