gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Allattamento al seno e con il biberon

Allattamento al seno e con il biberon. Vantaggi e svantaggi delle differenti pratiche di allattamento

ALLATTARE AL SENO O CON BIBERON - L'allattamento al seno è il rifornimento più completo che possiamo offrire al nostro bambino. E' ricco di anticorpi ed enzimi preziosi ed è quanto di più naturale ci sia in commercio!

TI PUO' INTERESSARE: La dieta ideale in gravidanza, durante l'allattamento e nel post parto

Tuttavia, non tutte le neo mamme possono allattare al seno. L'assenza di latte è il motivo principale, benché ci siano altre ragioni che fanno preferire l'allattemento col biberon. In linea di massima entrambe le soluzioni hanno vantaggi e svantaggi.

Ad esempio, tra i pro dell'uso del biberon c'è la possibilità che sia il papà a dare la pappa al bimbo, è più facile controllare quanto mangia e soprattutto le poppate sono meno frequenti.


D'altra parte l'allattamento al seno riduce le spese, non richiede particolari preparazioni e consente di sfamare nostro figlio, senza particolare preparazioni, in ogni condizione, anche in viaggio. Ma cosa significa per la mamma, allattare al seno? Innanzi tutto, l'alimentazione e l'assunzione di farmaci va regolamentata per non arrecare danni al bambino.

Sarà opportuno assumere una quantità di calorie sufficiente alla nutrizione di madre e figlio. Tra le cose da evitare, il consumo di nicotina, caffeina, alcolici, cibi speziati, meglio preferire una dieta sana e variegata. Carne, pesce, uova, ma soprattutto abbondanza di frutta, verdura e liquidi sempre prediligendo cotture semplici (escludere i fritti e condimenti eccessivi). 

allattamento-seno-contro-biberon-vantaggi

Particolare attenzione dovrà essere fatta per quanto riguarda possibili allergie o intolleranze di nostro figlio. I latticini ad esempio sono tra le cause più frequenti di disturbi nella digestione del neonato. Il pediatra suggerirà come comportarsi nel caso dovessero manifestarsi sintomi quali eruzioni cutanee, diarrea o gonfiore intestinale.

LEGGI ANCHE: Allattamento: 10 consigli su cosa bere e mangiare

Altri cibi che possono scatenare reazioni allergiche e cui è bene rinunciare nella fase dell'allattamento sono: arachidi, pomodori, crostacei, molluschi e cioccolata.

Se invece avete dubbi sulle modalità, ovvero sulla meccanica dell'allattamento, state tranquille. Per i bambini attaccarsi al seno è un istinto naturale e sanno perfettamente cosa fare. La mamma deve solo posizionarsi in modo da stare comoda e di consentire la perfetta aderenza delle labbra del bimbo al capezzolo. Sistemato il bambino in braccio, con una mano dietro la sua testolina, tutto risulterà molto naturale. 

Il seno non esclude che si possa utilizzare anche il biberon in modo da intervallare le poppate ed abituare il bambino alla doppia modalità. Se invece si comincerà da subito con tettarelle e latte in polvere, sarà immediatamente evidente che le cose da fare si moltiplicano notevolmente. 


Durante l'acquisto dell'occorrente, il farmacista saprà consigliarvi i modelli migliori per nutrire il bebè. Alcuni tipi di biberon sono più adatti, ad esempio, perché fatti in modo da scongiurare la formazione di bolle d'aria. 

Anche i prodotti per l'igiene degli strumenti come lo sterilizzatore o i detersivi per il lavaggio potranno essere acquistati in farmacia, dove si trovano prodotti specifici. Una volta dotate di tutto l'occorrente, impareremo presto a ottimizzare i tempi di preparazione.La temperatura del biberon, la quantità di polvere che dovremo sciogliere nell'acqua diventeranno operazioni automatiche che compiremo in pochi minuti. 

Per entrambe le modalità di nutrizione che abbiamo a disposizione, un ruolo molto importante è occupato dal ruttino.

gpt native-middle-foglia-bambino

Ci sono due momenti in cui il nostro bambino potrebbe aver bisogno di farlo. A metà poppata (o durante il passaggio da un seno all'altro) per far sì che si liberi dall'aria e dal falso senso di sazietà che genera, e alla fine in modo che non risenta del pasto appena consumato nella fase del sonno.

LEGGI ANCHE: L'abbigliamento giusto per la mamma che allatta

Pian piano la procedura di allattamento si automatizzerà e ci sarà immediatamente chiaro quando nostro figlio ha fame, ha l'aria nello stomaco o non gradisce particolarmente un alimento che noi abbiamo mangiato.

Per qualsiasi disturbo che può essere ritenuto anormale, si consiglia di consultare il pediatra in modo da fugare ogni dubbio o da intraprendere la giusta terapia.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0