NAVIGA IL SITO

Tutti i diritti della maternità

I diritti della maternità devono essere conosciuti dalle donne perché possano farsi rispettare. Il rispetto della legge sta alla base di un paese civile per la salvaguardia ella donna, della famiglia e dei figli


comingsoon89.jpgLa donna ha in sè un grande dono, può dare la vita, ma nonostante il suo ruolo fondamentale per il genere umano spesso l’uomo l’ha discriminata come sesso debole, e nell’ambito lavorativo di qualche anno fa (e purtroppo alcune volte tutt’oggi) è vittima di discriminazioni.


E’ necessario conosce i proprio diritti per farli valere. La conoscenza dei diritti in gravidanza è fondamentale.


Diritto di essere madre


Il diritto a riconoscere il proprio bambino senza intermediari (ad esempio i propri genitori) inizia all’età di sedici anni. Una ragazza a partire da questa età, se è separata o nubile, dà il suo cognome al figlio.


E’ importante sapere che un diritto della madre è anche quello di non riconoscere il proprio figlio. Comunicando questa decisione in ospedale il bambino potrà essere adottato. E’ fondamentale sapere questo per evitare folli abbandoni che costano anche la vita a questi bambini indifesi.


L’ articolo 37 della Costituzione Italiana tutela la maternità mettendo in evidenza il difficile equilibrio tra lavoro, maternità e vita familiare. Nel 2000 a Nizza venne riconosciuto il diritto fondamentale di conciliazione tra vita professionale e vita familiare nella Carta europea dei diritti fondamentali.



Oltre alla tutela della maternità e della paternità è evidenziata la tutela del lavoro e del lavoro di cura nei confronti dei figli e dei familiari bisognosi. Il divieto di licenziamento in gravidanza comincia dall’inizio della gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino.

Dal momento che la donna è a conoscenza di questo diritto può farlo valere se al momento del licenziamento non era al corrente di aspettare un figlio, se usufruiva di un periodo di prova e può dimostrare di essere stata licenziata per questo, o nei licenziamenti collettivi. La madre ha il diritto di ripristinare il rapporto di lavoro e per far valere i suoi diritti deve rivolgersi alla Consiglieria di parità, a un rappresentante sindacale o ad un legale.


La lavoratrice può usufruire dell’esenzione alla spesa sanitaria per le visite ginecologiche e di prevenzione.


Dopo aver portato al datore di lavoro il certificato di gravidanza, la donna ha il diritto di essere spostata di mansione se il lavoro è insalubre, faticoso e nocivo alla madre e al feto.


Se il clima e l’ambiente lavorativo non è consono ad una gestante, rivolgendosi all’Ispettorato del lavoro, la madre ha il diritto di essere cambiata di mansione nel corso della gravidanza e durante i sette mesi dopo il parto. La donna che allatta ha il diritto di mantenere un lavoro sano senza rischio di contaminazioni.


 


Congedo obbligatorio e flessibile:


la donna in gravidanza ha il diritto e l’obbligo di astenersi dal lavoro per cinque mesi. Due mesi prima del parto e tre mesi dopo (astensione obbligatoria).


Se vuole però, ha anche il diritto di posticipare di un mese l’astensione lavorativa per stare quattro mesi con il piccolo dopo il parto.


Per questa opzione, definita “flessibilità”, la donna deve presentare entro la fine dei sette mesi di gestazione, un certificato rilasciato da un medico della ASL che certifichi che non sussistono problemi alla continuità lavorativa. Il suddetto certificato poi, deve essere portato al datore di lavoro.



Oggi esistono numerosi tipi di contratto di lavoro, l’indennità di maternità viene riconosciuta
- alle lavoratrici dipendenti
- alle lavoratrici parasubordinate iscritte alla Gestione separata
- alle lavoratrici autonome (coltivatrici dirette, artigiane e commercianti)

- alle libere professioniste.
Durante questa astensione obbligatoria alla madre verrà elargita un’indennità sostitutiva alla retribuzione pari all’80% della retribuzione media giornaliera per la lavoratrice dipendente, o della retribuzione convenzionale nel caso di lavoratrice autonoma.

La donna in gravidanza che presenta problemi di salute prima dei due mesi di astensione obbligatoria ha il diritto di usufruire del congedo obbligatorio anticipato. Basta segnalare la situazione di criticità all’Ispettorato del lavoro.


Se si verifica un parto prematuro la donna potrà usufruire dei giorni non goduti prima del parto nel periodo di astensione obbligatoria post-parto. In questo caso occorre presentare il certificato di assistenza al parto entro trenta giorni dalla nascita del piccolo.


Se si verifica un’interruzione di gravidanza prima del 180° giorno di gravidanza la donna ha diritto all’indennità di malattia. Se invece l’interruzione di gravidanza si manifesta dopo i suddetti giorni dalla legge viene considerata parto e la donna ha il diritto di usufruire dell’indennità di maternità.


Dopo la nascita, al rientro al lavoro, la madre ha il diritto di usufruire dei permessi giornalieri per accudire il figlio, due ore al giorno se il lavoro è a tempo pieno, un' ora se il lavoro si svolge in sei ore. Questo durante tutto il primo anno di vita del bambino.


In caso di parto gemellare le ore di permesso retribuito vanno raddoppiate e le ore possono essere riconosciute anche al padre che può usarle anche quando la madre è in assenza facoltativa.


Fondamentale è sapere che esiste il diritto alla privacy:


la donna ha il diritto a non essere discriminata in sede di assunzione, non le deve essere richiesto nessun test di gravidanza e nessuna domanda invadente ai fini di sapere se desidera o meno dei figli. Inoltre quando deve presentare il certificato di assistenza al parto al datore di lavoro può far cancellare i dati riguardanti la sua salute e al tipo di parto a cui è stata sottoposta risparmiando solo la data di nascita del piccolo e i dati di riconoscimento della madre.


Anche l’INPS è tenuta alla privacy, avvalendosi solo dei dati utili all’espletamento delle sue mansioni.


I diritti illustrati devono essere conosciuti dalla donna-madre perché possa farsi rispettare ma soprattutto è essenziale che sappia che la maternità è tutelata in ogni suo aspetto dalla legge. Il rispetto della legge sta alla base di un paese civile per la salvaguardia della donna, della famiglia e dei figli


Akira

Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

4
Commenti

luana s. martedì, 23 ottobre 2012

lavoro negato

ciao,
qui si parla di tutti i diritti che ha una donna che è in gravidanza, ma il problema di fondo ( e parlo per esperienza diretta), sta nel fatto che quando ti fanno i colloqui di lavoro ancor prima di assumere chiedono se si è sposati o meno e se si hanno figli o meno, perchè se si ha in progetto di sposarsi e formare una famiglia, il posto di lavoro è negato. poco prima di sposarmi ho cominciato a lavorare presso uno studio dentistico e dopo circa un mese di prova è uscito fuori che mi sarei sposata, mi è stato chiesto se volevo subito dei figli, e con molta gentilezza mi è stato risposto che poichè non avevamo fatto ancora nessun contratto, il nostro rapporto di lavoro sarebbe cessato a breve. ho conosciuto un altra ragazza che ha preso a lavorare in un ufficio e dove la titolare molto gentilmente gli ha detto con ironia: hai già una bambina, già ti basta!!! ed un altra ancora che per non perdere il posto alla fine della maternità ha dovuto licenziarsi appena ha saputo di essere incinta, per poi riavere il posto dopo aver finito la gravidanza e i tempi di allattamento. allora mi chiedo tutte quaste ingiustizie chi le tutela???pultroppo in italia l'essere donna, per il mondo del lavoro, è ancora un endicap.e la cosa piu tragica di tutte è che per lo stato italiano chi non è mai stato agganciato da nessuno, risulta come inoccupato, e quindi non ha diritto a nessuna esenzione....

n° 4
cricrina giovedì, 16 febbraio 2012

maternità anticipata

Ciao mamme, stò impazzendo con un problema che mi assilla:Ho scoperto da poche settimane di essere di nuovo in dolce attesa. La notizia è fantastica se non fosse che al lavoro vivo una situazione davvero diffcile creatasi dopo la prima gravidanza risalente a marzo 2010. Ora la mia domanda è se posso andare in maternità anticipata, considerando che il mio lavoro è si in ufficio ma dove vengono continuamente maneggiati e venduti prodotti chimici per piscine e talvolta anche trasportati?!
Grazie ciao

n° 3
Sheta venerdì, 9 gennaio 2009

cambiamento di contratto & C.

Sono alla quinta settimana e ho informato i miei datori di lavoro verbalmente. A marzo ho la scadenza semestrale del mio contratto che è un Associazione in partecipazione degli utili. Dopo aver dichiarato la mia gravidanza sono stata informata dell'intenzione, da parte dell'azienda, di modificare le condizioni economiche. Oggi percepisco un piccolo rimborso spese e una percentuale sulle vendite del mio settore. Mi chiedo come tutelare il diritto alla maternità e come difendermi da questi cambiamenti che mi spaventano non poco.

n° 2
carolina sabato, 12 luglio 2008

mamma a 16anni

ciao
sono una ragazza di16anni e sono in gravidanza sto al settimo mese ma ho un problema... io studio frequento ancora il liceo mio figlio dovrebbe nascere a settembre proprio quando io dovro ricominciare dinuovo la scuola e so di potere assentarmi per 2mesi durante l'anno in questo caso non so quali sarebbero i miei diritti dato che sono ancora una studentessa e minorenne
spero di averne una risposta perche ho questo dubbio
vi ringrazio

n° 1
Chiudi
Aggiungi un commento a Tutti i diritti della maternità...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori