Pianetamamma logo pianetamamma.it

1 5

Scelta del nome: le ultime tendenze

Quando c’è un bimbo in arrivo la scelta del nome è una delle attività in cui i genitori (e spesso non soltanto loro!) si dimostrano molto coinvolti e interessati. Ecco le tendenze e i nomi più usati negli ultimi tempi

pensieri22jd9Quando c’è un bimbo in arrivo la scelta del nome è una delle attività in cui i genitori (e spesso non soltanto loro!) si dimostrano molto coinvolti e interessati. I fattori che determinano la scelta del nome sono numerosi; alcune coppie scelgono semplicemente in base a un gusto personale, altre, nel rispetto di qualche tradizione, fanno ricadere la scelta sul nome dei nonni, altre ancora si ispirano a personaggi letterari o cinematografici.

In generale è consigliabile evitare nomi altisonanti che potrebbero mettere in difficoltà il bambino in futuro, così come è bene evitare appellativi ridicoli o nomi difficili da pronunciare.
Negli ultimi anni, secondo un rapporto Istat che ha monitorato tra l’altro i nomi maggiormente diffusi, la scelta ha riguardato principalmente nomi quali Francesco, Alessandro e Andrea per i maschietti e Giulia, Sara e Sofia per le femminucce.
Francesco e Giulia si confermano come i nomi più gettonati a livello nazionale. Una tendenza particolare riguarda gli anni 2005 e 2006: tra i maschietti sono stata rilevati rispettivamente 858 bambini (2005) e 761 (2006) cui è stato dato il nome di Karol o Giovanni Paolo, come omaggio al Pontefice scomparso il 2 aprile del 2005.
Ciò che emerge ancora dai dati Istat è una evidente concentrazione dei nomi a prescindere dalle realtà territoriali e questo succede nonostante la scelta del nome dipenda spesso dalla cultura, dalla religione (per ciò che riguarda nomi di santi, di patroni) ed alle tradizioni radicate nelle diverse località. Al centro Sud il nome più diffuso è decisamente Francesco, che risulta il nome più popolare in ben sei regioni italiane, seguito da Matteo e Alessandro – diffusi soprattutto al Nord – e da Lorenzo, prevalente nel Centro Italia (Toscana e Lazio). Per quanto riguarda le bambine, Giulia è il nome che si conferma al primo posto. È il nome più frequente  sia a livello nazionale che in ben 15 regioni, più la provincia di Trento anche se c’è da dire che negli ultimi anni è stata rilevata una diminuzione di oltre il 15% della proporzione di bambine alle quali è stato dato questo nome.

Considerando la percentuale dei nomi più diffusi nelle singole regioni, si può notare che in Calabria la presenza di bambini cui viene dato il nome Francesco è particolarmente elevata (circa 6 bambini su 100), rispetto ad una media italiana di circa 4 bambini. Tra le bambine, nel Lazio e nella Toscana si riscontra la più alta concentrazione di nate che vengono chiamate Giulia (circa 5 bambine su 100 rispetto a 4 su 100 a livello nazionale). Per i bambini, le regioni Molise, Campania e Sicilia sono quelle che si differenziano rispetto alla media nazionale: qui i nomi più comuni sono Antonio (Molise e Campania) e Giuseppe (Sicilia). Questa differenziazione regionale è meno accentuata per quanto riguarda i nomi femminili: Francesca e Martina, nomi più comuni in ben quattro regioni del sud d’Italia, risultano comunque molto diffusi anche a livello nazionale.

Tra i nomi femminili è la provincia di Bolzano che si discosta maggiormente rispetto alla media italiana; il nome più comune dato alle bambine è Anna.

Negli ultimi anni stanno trovando grande diffusione anche tendenze particolari per scegliere il nome del proprio bebè con “metodi” che si rifanno alla matematica, all’astrologia e alla numerologia. In questo caso, attraverso calcoli complicati e conteggi astrusi, si arriva a scegliere il nome “magico” che avrebbe anche il potere di influenzare positivamente il carattere del bambino e il suo futuro. Infatti, secondo la numerologia, ad ogni lettera dell’alfabeto corrisponde un numero che, secondo l’antica cabala, l’arte magico-filosofica ebraica, racchiude un significato ben preciso. Perciò le cifre comprese tra l’1 e il 9 portano con sé un particolare messaggio e simboleggiano un mondo con leggi ed energie proprie. Associando le lettere che compongono il nome e il cognome del bambino al numero corrispondente e sommando tra loro le cifre è possibile determinare il temperamento del piccolo, delineare la sua personalità e il talento di cui è dotato. Si procede dunque associando, in base alle regole seguenti, le lettere del nome e del cognome al numero corrispondente, poi bisogna sommare le cifre fino a ottenere un numero compreso tra 1 e 9 e quindi leggere il profilo corrispondente:

start_numerologia_r4_c4Uno (è associato alle lettere A, J, S) simboleggia la creazione, l'immaginazione creativa, le imprese fortunate, rappresenta l'Io, la determinazione, la capacità di prendere decisioni.

Due (è associato alle lettere B, K, T) rappresenta le emozioni, l'intimità, le associazioni, i lavori di gruppo, è simbolo di grande sensibilità e contraddistingue il bisogno di sentirsi protetti.

Tre (corrisponde alle lettere C, L, U)  è il numero sacro, in grado di dare a chi lo porta gioia di vivere, ottimismo nelle cose, successo, fortuna,

Quattro (è associato alle lettere D, M, V) indica sacrificio e forza morale, rappresenta il lavoro e la famiglia.

Cinque (corrisponde alle lettere E, N, W) simbolo di dinamismo, voglia di avventura, desiderio di libertà, grandi spazi, indipendenza.

Sei (è associato alle lettere F, O, X) è il numero dell'amore e del matrimonio, della famiglia e dell'armonia, dona fascino e intuito, ma anche un pizzico di indecisione.

Sette (corrisponde alle lettere G, P, Y) ovvero la riflessione e la concentrazione, il freddo calcolo e l'analisi lucida, simboleggia l’ambizione e la voglia di vincere.

Otto (è associato alle lettere H, Q, Z)
indica intelligenza fredda e lucida ma anche bontà, compassione, simpatia, benevolenza.

Nove (è associato alle lettere I, R)
ossia la somma di tutti i numeri precedenti simbolo di vocazione e perseguimento dei propri ideali

Beatrice Spinelli

 

Beatrice Spinelli