gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Come organizzarsi in cucina dopo il parto: consigli pratici e ricette

/pictures/2017/02/08/come-organizzarsi-in-cucina-dopo-il-parto-consigli-pratici-e-ricette-2138815822[1213]x[504]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-gravidanza

Come organizzarsi in cucina dopo il parto? Consigli pratici e ricette per riuscire a cucinare (e mangiare) quando si torna a casa

Come organizzarsi in cucina dopo il parto

Finalmente ci hanno dimesso, siamo tornate a casa tutte felici con il nostro fagottino ma non abbiamo pensato che quell'amore piccolino ci riempirà talmente tanto la giornata (e la notte!), che anche preparare un piatto di pasta in bianco può diventare un problema! E allora ecco come organizzarsi in cucina dopo il parto.

Consigli per organizzare la cucina prima del parto

Sappiate che quando tornerete a casa avrete davvero poca voglia di cucinare, ma anche molta fame da saziare (soprattutto se state allattando al seno): dovete curare la vostra alimentazione, assicurando al vostro organismo gli alimenti giusti, sani, equilibrati e ricchi di vitamine, minerali, calcio e proteine, necessari per darvi energia e sostegno.

Fare la spesa tutti i giorni può diventare davvero una sfida impossibile, allora vi diamo qualche consiglio utile su come prepararvi prima del parto:

  • svuotate il freezer , ripulitelo e tenetelo vuoto, pronto per essere riempito come un vera cambusa;
  • comprate dei contenitori di plastica che possono andare nel congelatore di diverse dimensioni e sacchetti per congelare;
  • fate una grande spesa al supermercato comprando prodotti da conservare in dispensa a lunga scadenza, come legumi, pasta, salse, verdure e zuppe surgelate;
  • comprate la carne e il pesce e mettete tutto nel congelatore dividendoli in monopozioni per una o due persone;
  • preparate qualcosa nei giorni che precedono il parto, dei piatti semplici ma già pronti che potrete mettere nel congelatore e semplicemente scongelarli all'occorrenza
  • ricordate di mettere delle etichette su ciascun contenitore con il nome della pietanza che contiene e la data in cui state congelando.

Ricette facili per il post-parto

Onde evitare che la suocera si proponga di cucinare per noi sbandierando successivamente ai quattro venti di averci anche sfamato, facciamo un passo indietro e organizziamoci per tempo!

Armiamoci di contenitori che possano passare direttamente dal freezer al microonde. Sarà più semplice così avere cena o pranzo pronti anche nel caso in cui ci dimenticassimo di scongelare.

Ora mettiamoci ai fornelli e al forno e prepariamo cose che potremo anche congelare senza alterare i sapori.

Involtini di melenzane

Ingredienti:

  • melenzane lunghe
  • sale e pepe q.b.
  • Speck
  • scamorza
  • prosciutto cotto o crudo
  • fontina

Procedimento

  1. Tagliamo a fettine sottili le melanzane e grigliamole. In alternativa vanno bene anche quelle surgelate, in questo caso lasciamole scongelare per bene in modo che rilascino l'acqua completamente.
  2. Aggiustiamo di sale e pepe.
  3. Stendiamo le fettine e mettiamo sopra speck e scamorza, prosciutto cotto e asiago, prosciutto crudo e fontina o quello che il nostro palato apprezza di più.
  4. Arrotoliamo e fermiamo con uno stuzzicadenti. Possiamo prepararne di diversi contemporaneamente e poi metterli misti nelle vaschette
  5. Al momento di mangiare, toglieremo dal freezer e passeremo qualche minuto in forno.

A chi piace, si può aggiungere sopra del sugo di pomodoro

Insalata di pollo

Ingredienti

  • Petto di pollo;
  • insalata;
  • olive

Procedimento

  • Prendiamo del petto di pollo, tagliamolo a cubetti e grigliamolo.
  • Lasciamo raffreddare e prepariamo dei sacchettini monoporzione.
  • Al momento del pranzo o cena, laveremo dell'insalata e l'aggiungeremo al pollo preventivamente scongelato.
  • Al pollo si possono aggiungere delle olive verdi e nere prima della congelazione

Torta salata e dolce

Qui ci possiamo sbizzarrire quanto vogliamo preparandone di diverse.

  • Radicchio, gorgonzola e speck.
  • Classica prosciutto cotto e mozzarella.
  • Pesto, gamberetti e crescenza.
  • Mozzarella, wurstel, funghi misti.

Se avete qualcosa a scadenza breve approfittatene per fare il ripieno.

Cuocete, lasciate raffreddare, tagliate a pezzetti e congelate.

Ritorno a casa con il neonato

Potete anche preparare della alternative dolci da scongelare velocemente nel caso in cui arrivino delle visite e non abbiate nulla da offrire, oppure qualcuno si fermi a cena e dopo la pizza (rigorosamente ordinata a domicilio) vogliate qualcosa di dolce che non sia il solito gelato che non sempre si ha in frigorifero.

Prendete la pasta sfoglia e ritagliate dei rettangolini. All'interno mettete dei pezzetti di mela, pera o banana e dei pezzetti di cioccolato fondente. Chiudete sigillando bene i bordi, praticate un piccolo taglietto sul dorso dei pasticcini e infornate.

Se amate la pasta potete preparare dei sughi.

  • Pescatora: al supermercato trovate dei preparati al bancofrigo velocissimi con tutto l'occorrente per un sugo al pesce che certo non sarà come quello del ristorante, ma ci permetterà di variare
  • Ragù: il sugo di carne per eccellenza. Preparate un bel pentolone grande con polpette, braciole, salsicce e altri tipi di carne. Poi dividete il tutto in diversi contenitori mettendovi dentro il sugo e dei pezzi di carne, mischiandoli tra loro.

Altri piatti congelabili possono essere lo spezzatino, le verdure tagliate a cubetti e grigliate, il caciucco, la parmigiana (e tutte le sue varianti: classica, con prosciutto cotto, con provola affumicata), la pasta al forno, oppure i legumi che saziano e apportano tante fibre e proteine.

Ecco dovremmo essere riuscite a riempire il congelatore e a sopravvivere perlomeno alle prime due settimane. Questo ci darà il tempo di organizzarci e abituarci ai nuovi ritmi.

Quello che rimane da fare a questo punto, è ricordarsi di scongelare i piatti!

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0