gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Decalogo per una gravidanza serena

Dall'Associazione Italiana per lo Studio delle Malformazioni, il nuovo opuscolo per vivere una gravidanza serena

1068-6773_neonatoASM è un acronimo e sta per Associazione Italiana per lo Studio delle Malformazioni, un’associazione ONLUS nata grazie ad alcuni medici e studiosi e che si prefigge come scopo quello di occuparsi della salute dei bambini con un occhio attento e particolare alle malattie congenite. E’ un vero e proprio punto di riferimento per la prevenzione, la ricerca scientifica e la cura di queste malattie che affliggono i più piccoli sin dalla loro nascita. Pensate che ancora oggi le malattie congenite colpiscono ben 28000 bambini alla nascita: uno ogni 18 secondi.
Già nel 1988 l’Associazione ha creato il Filo Rosso, un servizio telefonico di consulenza medica gratuita sul rischio riproduttivo e sulla salute in gravidanza offerto da specialisti in ostetricia, genetica e pediatria.

Nel 2003 ASM ha creato il Decalogo per una maternità serena, un opuscolo per fornire alle gestanti tutte le informazioni per vivere il periodo della gravidanza in modo corretto. La scorsa primavera è stata realizzata una seconda edizione di questo opuscolo in cui sono stati aggiunti nuovi e preziosi aggiornamenti.

Ecco alcuni dei punti principali:

- Le infezioni rappresentano ancora oggi un grave pericolo per il bambino. E’ perciò importante che la mamma verifichi con appositi esami del sangue la presenza o meno di anticorpi contro diverse malattie infettive, come la toxoplasmosi, la rosolia, il Citomegalovirus.

- I genitori devono informare il medico di eventuali patologie e difetti congeniti, malattie croniche, aborti spontanei presenti nelle loro famiglie. Non dimentichiamoci poi che nel caso di malattie cromosomiche come la Sindrome di Down uno dei principali elementi da tenere in considerazione è l’età della mamma: dopo i 35 anni sono quindi consigliati alcuni esami più dettagliati

- Nel corso dei 9 mesi di gravidanza è fondamentale una sana e equilibrata dieta alimentare. In particolare, l’aumento di peso deve essere proporzionato
Ad esempio: per calcolare il BMI di una donna che pesa 58 chilogrammi e che sia alta 1,65 metri si dovrà  moltiplicare 1,65 per 1,65 e dividere il peso per il risultato dell’operazione. Questa tabella potrà aiutarvi a capire quale dovrebbe essere l’aumento di peso ideale tenendo conto del peso antecedente alla gestazione:

LARN, livelli di assunzione raccomandati di energia e di nutrienti

BMI (Body Mass Index) pregravidanza        Aumento di peso auspicabile (kg)

Meno di 19,8 (sottopeso)                               12,5 – 18
Da 19,8 a 26 (normopeso)                              11,5 – 16
Più di 26 (sovrappeso)                                   7 – 11,5

Se la gravidanza è gemellare, è raccomandabile un incremento di circa 11 chilogrammi fino a 24 settimane, seguito da un aumento settimanale di circa 0,5 chili.

- Evitate il fumo, le bevande alcoliche, le droghe e le radiografie nel corso della seconda metà del ciclo mestruale ed in gravidanza.

- Attenzione particolare all’HIV/AIDS: pensate che circa 630.000 bambini contraggono ogni anno l’infezione. La trasmissione verticale del virus dell’AIDS (ossia dalla mamma al nascituro) può avvenire a tre livelli: in utero, durante il parto o nel corso dell’allattamento.

- Capitolo farmaci. Vanno assunti solo se strettamente necessario e comunque sempre dietro precisazione indicazione medica. Durante la gravidanza si deve prestare particolare attenzione all’igiene dentale.

- Secondo dati recenti, ogni 1000 bambini possono nascerne 3 con anomalie cromosomiche (questo in donne di qualsiasi età).
I genitori dovranno valutare con molta attenzione la possibilità di eseguire dei test di diagnosi prenatale di tipo invasivo, che sono di due tipi: il prelievo dei villi coriali (villocentesi) e l’amniocentesi. Questi due prelievi non vengono fatti in tutte le gestazioni perché esiste un rischio seppur basso di aborto.

- Ricordatevi di fare un’ecografia completa (morfologica) a 19-23 settimane che permetterà di scoprire almeno il 50% delle malformazioni.

- Se fino a poco tempo fa la diagnosi prenatale identificava solo malattie incurabili oggi, fortunatamente, il livello delle anomalie del feto se ben curate prima della nascita e subito dopo, possono risolversi non soltanto nella sopravvivenza del bambino malato, ma anche in una condizione di vita accettabile e felice.

- A pochi giorni dalla nascita vengono eseguiti dei controlli sul neonato allo scopo di identificare la presenza o meno di alcune malattie del metabolismo che non era possibile evidenziare nel corso della gestazione. Le malattie oggetto di indagine sono: la fenilchetonuria, la fibrosi cistica, l’ipotiroidismo congenito. Inoltre è possibile verificare la presenza della lussazione congenita dell’anca e l’ipoacusia bilaterale congenita (sordità).

Filo Rosso: servizio di consulenza medica sui rischi riproduttivi:
Milano, Ospedale San Paolo 02/8910207
Roma, Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina 06/5800897
Napoli, Policlinico Universitario Federico II 081/5463881
San Giovanni Rotondo, Casa Sollievo della Sofferenza 0882/ 416291

www.asmonlus.it

L’opuscolo sarà distribuito gradualmente presso diversi Punti nascita in tutta Italia e negli studi dei 7.500 ginecologi della Penisola e inviato a chiunque ne faccia richiesta

Martina Braganti
gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0