gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

La dieta per una donna affetta da diabete gestazionale

/pictures/20160512/la-dieta-per-una-donna-affetta-da-diabete-gestazionale-2013281784[975]x[407]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-gravidanza

La dieta per diabete in gravidanza consigliata dalla dietista. I consigli per ridurre le calorie e controllare i livelli di glicemia

Dieta per diabete in gravidanza

Come ben sappiamo il diabete gestazionale è una patologia che può avere serie conseguenze sia per il feto che per la madre. Tuttavia, tali rischi possono essere quasi azzerati se seguirete queste 4 indicazioni:

  • seguite attentamente le istruzioni del vostro medico
  • monitorate regolarmente la glicemia
  • seguite un regime alimentare corretto
  • praticate regolarmente attività fisica adeguata per la gravidanza

Per quel che riguarda l’alimentazione, gli obiettivi ai quali essa è volta sono due: evitare di acquistare troppo peso e mantenere la glicemia entro livelli di normalità lungo tutto l’arco della giornata. Per raggiungere un aumento di peso adeguato è bene valutare il proprio fabbisogno calorico, che deve essere stimato rispetto al peso pregravidico ideale (altezza in metri al quadrato x 23) e moltiplicato per un fattore che varia da 30 a 35 sulla base del peso reale (30 per chi è obeso, 35 per chi è normopeso o sottopeso), senza scendere mai sotto le 1600 Kcal. Per esempio, una donna alta 1,63 ha un peso ideale di 23x1,63x1,63= 61 kg. La donna in questione ha un peso reale di 62 kg, quindi rientra nel normopeso (BMI 23) perció per ottenere il suo fabbisogno calorico possiamo moltiplicare il peso ideale per 34: 61x34=2074 Kcal

 
Diabete gestazionale: minicurva e curva glicemica

Come ridurre le calorie

  • Per aiutarsi a non eccedere nelle calorie è utile misurare l’olio utilizzato con un cucchiaio (considerate che ogni cucchiaio di olio apporta 90 Kcal) e limitarne l’uso sostituendolo in parte con: aceto, aceto balsamico, succo di limone, vino o birra in cottura.
  • Un altro consiglio per ridurre l’apporto di calorie è quello di limitare al massimo il consumo di alimenti industriali, pronti o precotti, preparando in casa tutto ciò che vi è possibile.

Come controllare i livelli di glicemia

Per controllare i livelli di glicemia invece, occorre prestare attenzione a diverse indicazioni.

  • Innanzitutto è bene suddividere l’alimentazione in 6 pasti: colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, merenda, cena e un piccolo spuntino prima di andare a letto.
  • Molta attenzione meritano gli spuntini. Essi dovrebbero coprire un 5-10% delle calorie della giornata e apportare dai 15 ai 45 grammi di carboidrati, insieme ad una fonte di proteine.

Alcuni esempi di snack che coprono queste esigenze sono:

  • Pane 30-50g e formaggio
  • 1 pacchetto di crackers con prosciutto
  • 1 yogurt con 25-35 grammi di cornflakes
  • 1 bicchiere di latte con 2-4 fette biscottate
  • E’ inoltre importantissimo eliminare ogni fonte di zuccheri semplici: zucchero bianco, zucchero di canna, miele, fruttosio, marmellata (anche quella senza zuccheri aggiunti), succhi di frutta, bevande zuccherate.
  • E’ possibile concedersi un piccolo dolcetto ogni tanto, ma solo nel contesto di un pasto, mai al di fuori dei pasti o come spuntino. Nella scelta del dolce, meglio scegliere una torta o ciambella fatta in casa.
  • Ricordiamoci che anche la frutta apporta elevate quantità di zuccheri semplici, quindi è bene non consumare più di due frutti al giorno, preferendo sempre frutta fresca di stagione e sempre a fine pasto.
  • Per mantenere nella normalità la glicemia è importante anche assumere le giuste quantità di fibra, specialmente quella solubile contenuta in frutta e verdura.
  • Ricordiamoci quindi di consumare 2 porzioni di frutta e 2 abbondanti porzioni di verdura ogni giorno, alternando le verdure crude e quelle cotte.
  • Infine un’altra attenzione dovrebbe essere quella di suddividere in maniera simile i carboidrati tra pranzo e cena. Questo obiettivo può essere raggiunto per esempio così: un piatto di pasta da 80g a pranzo e a cena un piatto di passato di verdure con 30g di pastina e 80g di pane.

Dieta per chi soffre di diabete gestazionale

Qui di seguito un esempio di giornata alimentare per diabete gestazionale di 2150 Kcal circa.

Colazione

Una tazza di latte da 250ml + biscotti secchi 40g

Spuntino

1 yogurt + 25g di cornflakes

Pranzo

Pasta 80g + 1 cucchiaino di parmigiano + scorfano 40g + pomodorini 150g + olio 2 cucchiai + 1 mela

Merenda

1 pacchetto di cracker con prosciutto cotto 20g

Cena

Passato di verdure con 30g di pastina + petto di tacchino 100g + carciofi 150g + 1 cucchiaio e mezzo di olio + pane 80g + 1 arancia

Dopo cena

1 bicchiere di latte + 2 fette biscottate

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0