Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-gravidanza
1 5

La statua in 3D del feto nella pancia

Dal Giappone scoppia una nuova moda per tutte le mamme impazienti: la statua in 3D del feto nella pancia. Si tratta di una piccola scultura in resina che riproduce fedelmente la sagoma tridimensionale di un feto accucciato nella pancia della mamma

adsense-foglia-300
Tra i desideri più grandi per una futura mamma c'è quello di scoprire come sarà il bambino che si ha nel grembo. Si aspetta con ansia il momento di abbracciarlo e vederlo. Dal Giappone scoppia una nuova moda per tutte le mamme impazienti: la statua in 3D del feto nella pancia. Si tratta di una piccola scultura in resina che riproduce fedelmente la sagoma tridimensionale di un feto (LEGGI) accucciato nella pancia della mamma.



LEGGI ANCHE: Come sarà tuo figlio? Ecco come saperlo



Il nome di questa nuovo servizio, lanciato da poco, è "Shape of Angel" (forma d'angelo).  A prima vista sembra un grosso fermacarte, ma basta uno sguardo in più per vedere che si tratta della riproduzione fedele di un feto. Ma come funziona? In pratica, i dati rilevati dalla risonanza magnetica (LEGGI) vengono trasferiti in tempo reale ad una specie di stampante tridimensionale, che "scolpisce" in un blocco di resina trasparente il pancione della mamma e in una resina bianco latte il bambino nell'esatta posizione in cui si trova.



Un gadget che di certo non incontrerà i gusti di tutti, ma sicuramente accontenterà le gestanti più impazienti, disposte a pagare cara la propria curiosità. In effetti il prezzo dell'originale ed eccentrica scultura, escluso il costo della risonanza (LEGGI), è di 100mila yen, oltre 1.270 dollari, più di mille euro. Un vero e proprio business per l'azienda Fasotec che ha ideato questo modellino.





Il servizio, lanciato da poco è stato creato come capostipite di un business altrettanto di nicchia: la riproduzione in 3D di ossa, organi e tessuti, venduti come modellini per esercitazioni e simulazioni di medici in erba

Fonte e Photo Credits| Young
Video Credits| DigInfo