Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-gravidanza
1 5

Incinta sulla spiaggia: la invitano ad alzarsi dal bagnasciuga

Vietato sostare sul bagnasciuga: come le ordinanze che tutelano gli stabilimenti balneari non risparmiano nemmeno le donne incinte

adsense-foglia-300
E' accaduto ad Alassio. Una donna incinta con bimbo di 5 anni e marito cerca invano un ombrellone e sdraio su uno degli stabilimenti balneari e alla fine non ha altra alternativa che sistemarsi sul bagnasciuga col suo ingombrante pancione e qualche giochino da spiaggia.


LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA IN ESTATE, COME AFFRONTARE IL CALDO


Ma la rigida ordinanza del comune, finalizzata a tutelare gli stabilimenti balneari, si applica anche a lei e così viene invitata ad alzarsi  in nome dell'articolo 3 comma 1 dell'ordinanza comunale del marzo 2012 che «vieta di occupare con ombrelloni, sdraio, sedie, teli…» la fascia di 5metri dalla battigia «destinata esclusivamente al libero transito con divieto di permanenza.

La signora e la sua famiglia si alzano senza un velo di polemica, anche se ce ne sarebbero di cose da dire dal momento che il provvedimento sembra essere applicato solo a lei.
Cosa dire dei tanti bambini che giocano indisturbati accanto a lei, occupando la stessa fascia di battigia con giochi, gonfiabili e secchielli (LEGGI)?
E delle mamme che li guardano prendono il sole con le gambe al fresco?


LEGGI ANCHE: Mamme VIP al mare tra costumi fashion e bebè


Sorge il dubbio che a loro l'ordinanza di lasciare libera la fascia di 5 metri dalla battigia non sia stata applicata agli altri bagnanti, ma solo alla signora incinta perchè loro avevano pagato ombrelloni e sdraio (LEGGI).
Un sospetto legittimo dal momento che il regolamento comunale in materia è stato adottato dopo aver sentito il parere dell'Associazione Bagni marini del Circondario di Alassio.