gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Le "espressioni" del bambino nel pancione, con l'ologramma 3D

Quante future mamme vorrebbero vedere le espressioni del bambino nel pancione? Pioneer ha annunciato un servizio rivoluzionario che permetterà di registrare le espressioni del piccolo non ancora nato

Quante future mamme vorrebbero scoprire cosa pensa il bambino prima di nascere, quali sono le sue emozioni, vedere le sue espressioni nel pancione. Pioneer ha annunciato un servizio che consente di percepire i movimenti facciali e espressivi dei bambini tramite gli ologrammi 3D. Il dispositivo dispone di una stampante 3D a colori compatta sviluppata dalla società lo scorso anno.



LEGGI ANCHE: La statua in 3D del feto nella pancia




Secondo la casa giapponese, nel prossimo futuro una mamma in attesa potrà fare un check-up, "un'ecografia 3D/4D" che contiene tutti i dati 3D relativi al bambino. Lo strumento è in grado di registrare non solo immagini, ma anche le espressioni del piccolo non ancora nato, sul formato Lippmann con una durata che arriva fino a 120 minuti.

Si tratta di un programma più facile da usare rispetto ai precedenti ha fatto sapere un portavoce della Pioneer a Diginfo.tv. Il supporto di registrazione è una pellicola chiamata Bayfol HX della Bayer Material Science. L'ologramma è visibile entro un angolo di visione di 23 gradi e ha 200 componenti, ognuno dei quali comprende 60 punti di vista verticali e orizzontali. Gli ologrammi sono a colori e sono visualizzati in versione tridimensionale se illuminati da una luce bianca.



LEGGI ANCHE: Come sarà tuo figlio? Ecco come saperlo




Il progetto dell'ologramma al momento non è ancora in commercio, ma la casa giapponese ha posto le basi per un programma rivoluzionario

GUARDA IL VIDEO

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0