gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Prepararsi al parto: cosa mettere nella borsa da portare in Ospedale?

La borsa da portare in Ospedale per il parto dovrà contenere tutto il necessario sia per voi che per il piccolo; cosa deve contenere la borsa da portare in Ospedale per il parto

La valigia con tutto il necessario per te e il piccolo da portare in Ospedale deve essere preparata circa 4-6 settimane prima della data presunta del parto; in quasi tutti gli ospedali ma anche durante i corsi preparto viene distribuita una lista con l’elenco di tutto l’occorrente. Il borsone deve essere piuttosto capiente e possibilmente con diversi scomparti: in questo modo potete dividere le vostre cose da quelle del piccolo.

valigia-per-il-parto
IL NECESSARIO PER LA MAMMA

 - Una t shirt comoda o una camicia per il parto: ricordatevi che si sporcherà parecchio e quindi potreste doverla buttare
- Tre o quattro camicie aperte per i giorni successivi: dovranno essere comode per facilitare le “manovre” dell’allattamento. Va bene anche il pigiama, basta sia aperto sul davanti
- Mutande comode; le migliori sono quelle usa e getta
- Asciugamani
- Vestaglia
- Pantofole
- Calze corte
- Per quanto riguarda i reggiseni fateli comperare da qualcuno dopo la montata lattea; prima non potete sapere di quanto il vostro seno aumenterà
- Un beauty case con spazzolino e dentifricio, sapone, spazzola e qualche cosmetico

L'OCCORRENTE PER IL BIMBO

La lista si differenzia a seconda della stagione della nascita del piccolo.

- Camicie in lino o cotone
- Body di cotone o lana sia a maniche lunghe che corte
- Calzini
- Completini spezzati
- In tutto dovrete avere almeno cinque o sei cambi completi
- Pannolini
- Salviettine umidificate
- L’occorrente per medicare il moncone ombelicale

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0