gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Vede il feto che sorride nell'ecografia e decide di non abortire

Una donna inglese ha scelto di non abortire e di far nascere il proprio bambino gravemente malato dopo essersi commossa facendo un'ecografia in 3D

Katyia Rowe ha deciso di non interrompere la gravidanza dopo aver assistito ad un'ecografia tridimensionale del suo bambino e ha visto che sorrideva (LEGGI).
Il feto aveva una grave malformazione al cervello che provoca impossibilità a camminare, parlare e necessita di assistenza 24 ore al giorno.


LEGGI ANCHE: Le ecografie indispensabili durante la gravidanza


Insomma, le speranze di sopravvivenza per il bambino di Katyia erano minime, infatti il piccolo è riuscito a vivere solo nove ore dopo il parto, e Katyia e suo marito Shane avevano deciso di interrompere la gravidanza.

Cosa è cambiato?
Dopo aver fatto un'ecografia tridimensionale (LEGGI) e aver visto il suo bambino sorridere la donna ha deciso di non abortire e di portare avanti la gravidanza.


LEGGI ANCHE: Malformazioni invisibili con l'ecografia, troppi casi


"Quando l’ho visto sorridere e giocare dentro di me sapevo che non potevo più abortire. Se fosse riuscito a sorridere e giocare pensavo quindi che nonostante le sue disabilità meritasse di godere di ogni momento della vita, non importa quanto breve", ha spiegato Katyia in un'intervista ai giornali britannici.

La giovane coppia ha così deciso di portare avanti la gravidanza e di far nascere il bambino (LEGGI): "anche se la sua vita sarebbe stata breve non voleva dire che non meritava di viverla", ha precisato Katyia.

Luciano è vissuto solo nove ore, ma Katyia e Shane sono certi di essere riusciti a trasmettergli tutto il loro amore e sono grati al loro bambino per avergli concesso di essere genitori, anche se per poco tempo.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0