gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Malattie in gravidanza

Quali sono le malattie che possono compromettere il buon andamento della gravidanza?

Patologie in gravidanza

Ho più volte detto che la gravidanza nella maggior parte dei casi, ad eccezione di alcuni piccoli disturbi, è un evento fisiologico.

Nei restanti casi invece possono instaurarsi patologie materne e fetali anche importanti, al punto da comportare il ricovero ospedaliero.

Parto prematuro

La prima preoccupazione è sicuramente quella legata al rischio di parto prematuro, non tanto per la salute materna quanto per quella del bambino. Si definisce parto prematuro un parto che avviene tra il termine dell'età abortiva (circa 24 settimane) quando il feto cioè può sopravvivere, e il termine di gravidanza (38 settimane).

gpt native-middle-foglia-gravidanza


Quali sono i rischi di un parto in questa epoca gestazionale?
Per quel che riguarda la madre non sono molti, l'utero non è ancora pronto ma il bambino è piccolo e la distensione dei tessuti durante il parto è inferiore. I principali problemi riguardano il bambino, in quanto non ha avuto il tempo di maturare completamente. Sono i bambini che necessitano del ricovero in terapia intensiva neonatale per una durata che dipende dalle loro condizioni fisiche.

Diabete gestazionale

Patologia comune in gravidanza è il diabete gestazionale. Per definizione è un diabete che insorge durante la gravidanza e scompare al termine della stessa. Si fa la diagnosi basandosi sulle rilevazioni della glicemia nel sangue prima e dopo la somministrazione di una bevanda estremamente zuccherina.

Se i prelievi dovessero superare il dosaggio indicato come massimo (buona parte dei centri usano come riferimento il valore 125mg/dl) allora la diagnosi viene confermata.

Mio figlio è nato prematuro

Oltre alle problematiche derivanti dal diabete, e cioè la necessità di dover somministrare insulina, il bambino in questo caso potrebbe essere di grosse dimensioni e quindi rendere difficoltoso se non addirittura impossibile il parto spontaneo. Per la prevenzione di questa complicanza cerco sempre di consigliare una dieta molto varia ed equilibrata che non porti ad un eccessivo aumento di peso.

Colestasi gravidica

Un altro organo interessato in gravidanza da patologia è il fegato. Si può sviluppare una patologia chiamata colestasi gravidica, che di per sé non è una patologia grave ma sicuramente fastidiosa. Il sintomo caratteristico è un forte prurito che si manifesta nell'ultimo trimestre di gravidanza e interessa principalmente mani e piedi, e si acutizza di notte. Con gli esami ematici di routine è possibile verificare un’alterazione degli enzimi epatici (le transaminasi). Non si conosce quale sia la causa e la terapia è volta solo ad alleviare il prurito che comunque scompare spontaneamente dopo il parto.

Preeclampsia

Il professionista che segue la gravidanza ad ogni controllo misura la pressione arteriosa. Questo perché proprio la pressione è uno dei parametri fondamentali, insieme all'esame delle urine, per determinare la presenza di una patologia molto importante: la preeclampsia o gestosi. Una pressione superiore al valore 140/90, la presenza di proteine nelle urine e la riduzione della quantità delle urine stesse sono i principali sintomi che fanno confermare la diagnosi.
È una delle patologie più severe della gravidanza, che necessita in casi conclamati del  ricovero ospedaliero. Durante la degenza viene monitorato il benessere del feto (perché un aumento della pressione comporta una riduzione dell'ossigeno che arriva al bambino) e materno, infatti un peggioramento della condizione può portare ad attacchi epilettici della madre e alla morte del bambino per asfissia.

Gravidanza a rischio per distacco della placenta

Fino a qui ho descritto patologie che hanno effetti sulla mamma e/o sul bambino, ci sono altre tipologie che invece interessano i cosiddetti annessi ossia il liquido amniotico e la placenta.
L'oligoidramnios ad esempio è una riduzione importante della quantità di liquido amniotico in cui è immerso il bambino (liquido inferiore a 500ml a termine di gravidanza). Le cause possono essere sia materne che fetali e di solito si associa ad altre patologie come ad esempio la pre eclampsia (e tutto ciò che riduce il volume del plasma materno) o malformazioni fetali. Viene rilevato ecograficamente e come "terapia" nei casi meno gravi viene consigliata una massiccia idratazione.

A carico della placenta una delle più comuni patologie è  la cosiddetta placenta previa, ovvero una localizzazione che chiude parzialmente o completamente l'orifizio uterino interno. Da questo orifizio dovrebbe passare il bambino al momento della nascita, ma la presenza della placenta in quel punto non lo consente o lo rende pericoloso.

Dal momento che il parto spontaneo richiede tempo e movimento dei tessuti i rischi sono che la placenta si stacchi provocando una emorragia di diverso grado che può portare alla morte del bambino per asfissia. Per questo motivo, una volta valutata la posizione della placenta con l'ecografia, in questi casi si preferisce optare per un parto cesareo che riduce i rischi.

Quelle che ho elencato sono solo alcune, le più comuni patologie della gravidanza. Il modo migliore per poter vivere una gravidanza tranquillamente è affidarsi ad un ginecologo competente che monitori la situazione in maniera costante e che possa darvi tutte le informazioni di cui avete bisogno nel caso si presentino queste o altre patologie.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0