NAVIGA IL SITO

La macrosomia fetale

Il termine macrosomia fetale viene utilizzato per indicare un feto che si presenta troppo “grande” rispetto ai parametri standard

grandiIl termine macrosomia fetale viene utilizzato per indicare un feto che si presenta troppo “grande” rispetto ai parametri standard. La condizione di macrosomia si riscontra quando attraverso l’ecografia si deduce che il peso del feto supera i 4,5 kg. Ad essere maggiormente interessati da questa anomalia sono per lo più i bimbi di sesso maschile e inoltre è stato rilevato che in circa il 40% dei casi la macrosomia fetale è determinata da un fattore di predisposizione genetica.

Si tratta comunque di una questione oggetto di molte perplessità e discussioni tra gli “addetti ai lavori”, soprattutto in Italia, e che acquista particolare importanza in relazione all’alta percentuale di parti cesarei che si effettuano nel nostro Paese. C’è da dire anzitutto che le diagnosi di macrosomia non sempre sono esatte, questo perché i metodi per stabilire il peso di un neonato sono deduttivi perciò i risultati non possono essere considerati certi: l’esame ecografico, grazie al quale è possibile riscontrare questa condizione, può presentare un margine di errore da tenere nella giusta considerazione. Numerosi studi hanno per altro evidenziato alcuni fattori di rischio che possono determinare questo genere di anomalia, tra cui:

- peso della madre prima della gravidanza superiore ai 70 kg
- incremento ponderale in gravidanza oltre i 20 kg
- precedente gravidanza con neonato macrosoma
- madre affetta da diabete

È stato dimostrato che durante la gravidanza una corretta alimentazione, adeguata alla corporatura e al peso della donna prima del concepimento, sia determinante per evitare i rischi di macrosomia fetale.  È stata riscontrata un’incidenza rilevante di questa anomalia soprattutto in madri affette da diabete, malattia che rappresenta uno dei maggiori fattori di rischio. In questo caso la macrosomia può insorgere a causa dell’ambiente troppo ricco di zucchero nel quale il feto cresce e si sviluppa. L'iperglicemia infatti stimola il feto a produrre più insulina, e l'insulina, che è un fattore di crescita,  favorisce uno sviluppo esagerato del bambino.

La macrosomia fetale può dar luogo a complicazioni durante il parto, a causa della difficoltà del feto a passare dal canale del parto ma può essere anche associata ad uno sviluppo insufficiente di alcuni organi vitali, come per esempio il polmone. Il bambino alla nascita può non essere in grado di respirare da solo e incorrere quindi in quella particolare patologia definita 'sindrome da difficoltà respiratoria'.

Inoltre sembra che nella vita adulta il bimbo macrosomico abbia una maggior predisposizione alla comparsa di obesità, diabete e ipertensione. È molto importante comunque valutare la misura e l’entità di questa anomalia soprattutto in vista del parto e in rapporto alla corporatura della futura mamma perché, nel caso in cui venga valutato molto difficoltoso, o addirittura impossibile il passaggio del piccolo nel canale del parto spesso i medici decidono di procedere con un taglio cesareo.
Tuttavia alcuni studi recenti hanno evidenziato che il frequente ricorso al parto cesareo nei casi di sospetta macrosomia fetale è spesso ingiustificato e si rivela il più delle volte non necessario. Sebbene  i medici dichiarino di agire in questo modo per evitare inutili sofferenze sia al bambino che alla mamma, in realtà spesso ciò che li spinge a propendere per il parto cesareo è il timore di trovarsi a dover affrontare delle complicazioni non prevedibili che possono insorgere durante il travaglio.

Le più recenti linee guida sull’argomento invece tendono ad abbracciare la convinzione che non esistano bimbi troppo “grossi” o bacini troppo “stretti” ma che ogni singolo caso deve essere considerato una storia a sé. Da questo punto di vista e dal momento che è molto difficile poter fare delle previsioni su come la mamma e il bambino riescano ad adattarsi ai fenomeni del parto, sarebbe opportuno provare a far affrontare alla futura mamma il travaglio procedendo con interventi medici solo se resi necessari da eventuali complicazioni

Beatrice Spinelli

Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

4
Commenti

Vittorio martedì, 21 giugno 2011

Paralisi ostetrica

Brave. Fate presto a parlare quando è andato tutto bene. Mai sentito parlare di paralisi ostetrica? Beh, neanche io e, soprattutto, neanche mia moglie predisposta a parto naturale con analgesia dal suo zelante e superficiale ginecologo/ostetrico che, dopo nove mesi di visite, non ricordava neache come si chiamasse. Ad ogni modo è andata pure bene visto che il piccolo Andrea è ormai in via di guarigione...nella sfortuna siamo stati fortunati.

n° 4
paolo sabato, 8 agosto 2009

Parto naturale di un bambino grande

Buonasera, mia moglia ha partorito nostro figlio pochi giorni fà di 4,70 Kg purtroppo non usciva perchè bloccato dalla spalla, non riusciamo a capire per quale motivo nell'ultima ecografia non si siano accorti del peso e della grandezza (nascita 54cm), dopo minuti di TERRORE in quanto non usciva e con una sala parto con tutti i medici possibili sono riusciti ad estrarlo e per giunta per consolare il dolore della mamma hanno dovuto rianimarlo lì davanti per qualche INTERMINABILE minuto, mai vista tanta sofferenza in così poco tempo per il bambino e mia moglia, i medici erano sconvolti. Non ho mai visto una cosa del genere in vita mia, attualmente è in osservazione e ha un braccio che non si muove in quanto danneggiato dal parto difficile. Credete meglio un cesario.

n° 3
chiara e michela sabato, 24 gennaio 2009

Risposta a Lucia

Lavoriamo nel reparto di ostetricia e ginecologia ex nido della Usl4 di Prato. Vogliamo dirti che ogni gravidanza, come ogni parto, è a se.. infatti nella maggior parte dei casi i bambini con macrosomia sono derivati da conseguenze anche alimentari e predisposizioni della mamma. Per quanto riguarda l'episiotomia viene fatta solo se necessario e se la donna non è collaborante e se ci sono complicazioni per la salute del nascituro.

n° 2
francesca 32+2 domenica, 20 maggio 2012

R: Risposta a Lucia

ciao io ho fatto eco in ospdale e a 32+2 è venuto una crescita 95 percentile bimba lunga e peso stimato 2kg490 ma chiedo se cresce troppo soffre può nascere prima o anticipano un parto cesario?GRAZIE

Lucia lunedì, 21 luglio 2008

Parto naturale di un bambino "grande"

Ho partorito un bambino sanissimo di 4620 gr con parto naturale senza aver subito neanche l'episiotomia. Non ho avuto alcuna complicanza in gravidanza e neanche durante travaglio e parto. Certo la mia ostetrica è stata bravissima e il mio ginecologo mi ha sempre sostenuto.
Facciamoci tagliare di meno e partecipiamo di più alle decisioni sui nostri parti!!!

n° 1
Alessandro mercoledì, 11 novembre 2009

R: Parto naturale di un bambino "grande"

Cara Lucia, sono contento per te che hai potuto vivere il parto naturalmente come tante mamme vorrebbero vivere (compresa mia moglie). Devi però comprendere che la decisione di fare un cesareo tante volte non è dettata dalla paura di soffrire, ma da un travaglio che si trascina per ore e ore provocando un'eccessiva stanchezza nella madre che non è più in grado di collaborare con le ostetriche e un eccessivo stress per il bambino che rischia di riportare pericolosi traumi. Mia moglie dopo 2 cesarei sogna ancora un parto naturale. Fortunatamente abbiamo avuto la freddezza per insistere coi medici per un cesareo durante il primo parto (nostro figlio è nato di 4,8 kg e il cordone ombelicale attorno al collo) perchè se avessimo insistito ancora solo per 1 ora non so cosa sarebbe potuto succedere! Smettiamola con questo atteggiamento polemico verso tutte quelle persone che non seguono un iter normale; pensiamo invece al fatto che forse queste persone vorrebbero seguirlo, ma non possono!!

Chiudi
Aggiungi un commento a La macrosomia fetale...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori