gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Diventare genitori in età matura

Un fenomeno che si osserva sempre più frequentemente nella società occidentale è che l’età alla quale mediamente si diventa genitori per la prima volta sia aumentata di almeno un decennio nel giro di un trentennio

Un fenomeno che si osserva sempre più frequentemente nella società occidentale è che l’età alla quale mediamente si diventa genitori per la prima volta sia aumentata di almeno un decennio nel giro di un trentennio.

 

Diventa mamma dopo cinque anni di tentativi


Questo fenomeno è in parte riconducibile all’allungamento dell’aspettativa media di vita, consentito sia dal miglioramento della tecnologia che dai progressi della medicina, sia dai cambiamenti della società. In un contesto in cui la stabilità economica viene raggiunta con sempre maggiore difficoltà ed incertezza è infatti consuetudine che i giovani permangano a lungo presso le proprie famiglie di origine e che ritardino rispetto al passato l’uscita di casa, procrastinando l’ingresso nei ruoli coniugali e genitoriali.

diventare-genitori-in-eta-matura

La percezione della vita si è modificata così tanto che a trent’anni oggi molti giovani sono ancora lontani dall’assunzione di responsabilità, spesso sono ancora nella fase conclusiva degli studi e prevale l’impressione di avere ancora tutta la vita davanti mentre solo trent’anni fa alla stessa età ci si sentiva persone adulte, padri e madri di famiglia con alle spalle già diversi anni di vita matrimoniale. Oggi invece la percezione di essere ancora figli a tutti gli effetti, poiché si vive in casa e spesso non si è ancora raggiunta l’indipendenza economica, ritarda il desiderio di diventare genitori.

 

Mamme prima dei 19 anni, più a rischio di obesità



Il cosiddetto orologio biologico però, per le donne che desiderano avere dei figli, pone alcuni limiti. E allora succede spesso che le donne, a partire dai trent’anni circa, inizino a rivendicare un tipo di vita che solo pochi loro coetanei possono permettersi o desiderano realmente offrire. Se infatti la maternità dopo i trentacinque anni è una necessità quasi biologica per l’uomo è invece una scelta che può anche essere rimandata, a patto di avere al proprio fianco una compagna molto più giovane.

Se è indubbio che i progressi della medicina e dell’ostetricia hanno reso possibile condurre a termine e in modo più sicuro rispetto al passato gravidanze in età superiore ai trentacinque anni è pur sempre un rischio maggiore quello che si decide di affrontare come neomamme.


Anzitutto è più difficile rimanere incinta rispetto alla fascia di età che va dai venti ai trent’anni. Aumenta quasi del doppio rispetto a questa fascia di età il rischio che il bambino possa nascere con anomalie cromosomiche, come la trisomia del cromosoma 21, meglio nota come Sindrome di Down o malformazioni.

 

Diventare genitore dopo i 40: quali gli svantaggi?

 

Per questa fascia di età infatti l’amniocentesi è gratuita. Il parto può essere più faticoso e possono subentrare alcune complicanze che possono mettere a rischio la salute del bambino, ma anche quella della mamma. E’ anche più faticoso tornare in forma dopo il parto i tessuti sono meno elastici rispetto a quelli di una donna più giovane e il rallentamento del metabolismo rende più complicato perdere i chili accumulati durante la gravidanza.

E’quindi necessario essere consapevoli dei rischi ai quali ci si espone per poterli fronteggiare serenamente, facendosi seguire attentamente dal ginecologo di fiducia ed effettuando tutti gli esami clinici consigliati

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0