gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Sanofi e il progetto #5azioni contro il diabete

Quali sono le priorità e le sfide per prevenire e gestire il diabete? Sanofi lancia per il 2014 una conversazione digitale aperta a tutti

Secondo le recenti stime dell’International Diabetes Federation sono 382 milioni le persone che convivono con il diabete nel mondo, cifra destinata a salire fino a 471 milioni entro il 2035. Ma quali sono le azioni che si possono intraprendere per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sul diabete e contribuire alla sua prevenzione? Come si può sconfiggere il pregiudizio nei confronti della patologia? E quali le priorità e le sfide poste alle Istituzioni e al mondo della salute?


Diabete gestazionale: minicurva e curva glicemica


Sanofi ha aperto per il 2014 una conversazione online per lanciare la prima agenda digitale condivisa sul diabete. Insieme alle persone con diabete, alle loro associazioni, ai medici e grazie al contributo spontaneo di tutta la rete verranno stilate le priorità per prevenire e gestire adeguatamente il diabete. In streaming a questo link puoi rivivere il primo hangout focalizzato sul mondo sportivo.

5azioni_sanofi2014


Il secondo appuntamento è previsto per martedì 25 marzo alle ore 18 in diretta web su 5azioni.it. Online il confronto con medici ed associazioni di pazienti sul tema del diabete nelle donne e in particolare nelle donne in gravidanza. Tutti potranno interagire tramite Twitter attraverso l’hashtag #5azioni aiutando Sanofi a stilare le 5 azioni necessarie per prevenire e gestire adeguatamente il diabete. Cinque priorità che saranno poi presentate alle Istituzioni nel corso della Giornata Mondiale del Diabete il 14 novembre 2014.


gpt native-middle-foglia-gravidanza


LA DIRETTA

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0