NAVIGA IL SITO

Reflusso gastroesofageo in gravidanza

Il bruciore di stomaco è un disturbo che si presenta spesso durante la gravidanza. Vediamo come riconoscerlo e affrontarlo

Pancioni in bella vista

Tutte le foto < 1 >

Vedi foto di: Pancioni in bella vista

    embody
    Redazione PianetaMamma 6 marzo 2012
    di Violeta Benini

    I bruciori di stomaco, chiamati scientificamente pirosi, che colpiscono molte gravide sono causati dal reflusso gastroesofageo. Tra il 45 e l'80% delle donne gravide soffrono di reflusso gastroesofageo durante la gravidanza (LEGGI). Per il 98% delle donne si ha la completa guarigione spontanea dopo la nascita del bambino.

    Il bruciore è causato dai succhi gastrici che fuoriescono dallo stomaco e risalgono le pareti dell'esofago dove c'è una mucosa che non è protetta contro gli acidi e questo provoca la sensazione di bruciore.

    I sintomi tipici che la donna può avvertire sono la pirosi retrosternale, rigurgito acido e nausea, quelli atipici comprendono la disfagia (difficoltà nel deglutire), sensazione di globo, dolore retro sternale non cardiaco, dispepsia e dolore addominale. Infine ci sono anche dei sintomi extraesofagei, sempre poco comuni, come la sinusite, faringite, raucedine, tosse cronica, laringite, erosioni dentali e asma.


    LEGGI ANCHE: vademecum per una maternità serena


    Il bruciore è causato da più fattori:
    -    il progesterone (LEGGI) prodotto dalla placenta diminuisce la mobilità gastrica e i movimenti peristaltici che aumentano il tempo di svuotamento dello stomaco, quindi il cibo resta più tempo nello stomaco e il contatto dei succhi gastrici con l'esofago può essere aumentato.
    -    l'utero crescendo comprime lo stomaco e l'intestino, diminuendo di conseguenza la capacità dello stomaco e rallentando la digestione.

    Per evitare il reflusso gastrico è consigliabile mangiare (LEGGI) spesso e poca quantità per volta visto che la capacità dello stomaco è ridotta dalla presenza dell'utero e perché ci mette più tempo a svuotarsi.
    Cercare di non mangiare alimenti pesanti molto unti e/o molto proteici. Alcuni alimenti sarebbero da evitare perché possono aumentare l'acidità dello stomaco come la menta, cioccolata, caffè e tè con teina, alcol, succhi di frutta, cipolle, peperoni, agrumi, pomodori,fagioli e piselli. Tutte le persone sono diverse e alcuni di questi alimenti possono anche non aumentare il reflusso, altri possono sopportare poco altri alimenti o l'unione di alimenti che separatamente non causano acidità di stomaco. Per questo bisogna stare attenti a cosa si è mangiato quando si hanno degli attacchi affinché si possa correggere l'alimentazione ed evitare quegli alimenti e ridurre il reflusso (LEGGI)


    LEGGI ANCHE: Gravidanza, perchè mi brucia lo stomaco?


    Incrementare l'assunzione della vitamina B1 e B2 può aiutare a controllare l'acidità, alimenti ricchi di queste vitamine sono il lievito di birra, le uova, l’ananas fresco, le nocciole e il grano saraceno.
    Oltre alla correzione dell'alimentazione si può stare attenti alle abitudini comportamentali. Potrebbe essere utile alzare il letto di 15-20 cm dalla parte del cuscino, cercare di non dormire in posizione supina o sul lato destro perché i succhi gastrici in queste posizioni trovano meno ostacoli per arrivare all'esofago. Dopo i pasti si consiglia di non sdraiarsi per circa 3 ore affinché la gravità favorisca lo svuotamento dello stomaco.



    Chi fuma anche in gravidanza dovrebbe sapere che il fumo aumenta il reflusso esofageo e potrebbe essere utile non fumare per ridurre gli attacchi (LEGGI)

    L'acidità di stomaco può aumentare in momenti di stress e causare eruttazione, aumenta anche in base alla posizione assunta o ai movimenti che si fanno.
    Se la pirosi è troppo forte il medico probabilmente prescriverà alla gravida un antiacido come il Maalox che può essere assunto in gravidanza.
    Tra i rimedi naturali si possono prendere delle tisane o farsi fare un preparato degli oli estratti secchi da un buon erborista:
    – succo di patata centrifugata, 1/3 di bicchiere lontano dai pasti
    - acido alginico: è una sostanza che si estrae da alghe particolari, all'interno dello stomaco si trasforma in un gel che crea una barriera meccanica e protegge la mucosa esofagea dai succhi gastrici. (1 mg dopo i due pasti principali)
    - Altea - althaea officinalis - : estratto secco 500 mg per compressa, 2 compresse dopo i pasti principali. Infuso (foglie-fiori): 2 g per tazza d'acqua bollente; lasciare in infusione per 10 minuti, filtrare e bere più volte nella giornata,
    – estratti o tisane di camomilla, aloe e liquirizia
    – lo zenzero oltre ad aiutare contro la nausea è un ottimo rimedio per l'acidità, si può mangiare sia fresco che secco in polvere, circa 300 mg dopo i pasti, qua trovate molte ricette
    – semi di lino: al mattino creare un decotto con i semi di lino. Mettere circa 1 cucchiaio di semi in un pentolino con poco meno di 1 dito di acqua, cuocere a fuoco medio mescolando via via che si forma un gel, quando tutti i semi saranno inglobati nel gel il decotto sarà pronto. Lo si può prendere sia al mattino che la sera o quando c'è un attacco di reflusso.



    Caricamento in corso: attendere qualche istante...

    2
    Commenti

    Willson mercoledì, 30 marzo 2011

    reflusso gastro esofageo

    Hi, thank you for your great post.please tell me all thing which is help full to reduce a Digestive problems.

    n° 2
    camill mercoledì, 23 marzo 2011

    chi vuole parlare con me?

    io ho il reflusso gastroesofageo in ospedale mi hanno dato medicinale antra e sciroppo gaviscon va meglio ma ora ho molto male nella parte superiore se sono sdraiata non sento dolore ma non riesco a stare seduta e poco in piedi.
    Katia da Torino

    n° 1
    Chiudi
    Aggiungi un commento a Reflusso gastroesofageo in gravidanza...
    • * Nome:
    • Indirizzo E-Mail:
    • Notifica automatica:
    • Sito personale:
    • * Titolo:
    • * Avatar:
    • * Commento:
    • * Trascrivi questo codice:
    * campi obbligatori