gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Il bambino nel nono mese di gravidanza

/pictures/2017/05/16/il-bambino-nel-nono-mese-di-gravidanza-2248016834[2090]x[871]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-gravidanza

Il bambino al nono mese di gravidanza ha raggiunto il suo pieno sviluppo ed è pronto alla nascita. Assume di solito una posizione capovolta. La testa si incanala nella cavità pelvica prima che comincino le contrazioni. I movimenti sono meno vigorosi a causa dello spazio esiguo che ha a disposizione

Bambino al nono mese di gravidanza

Al nono mese di gravidanza il bambino è pronto, è sceso leggermente e potrete respirare più facilmente. Ha raggiunto il suo pieno sviluppo ed è pronto alla nascita. Assume una posizione capovolta. La testa si incanala nella cavità pelvica prima che comincino le contrazioni. I movimenti sono meno vigorosi a causa dello spazio esiguo che ha a disposizione.
Se la madre è alla prima gravidanza, è probabile che il feto scenda nella cavità pelvica già a partire dalla 35a settimana, capovolgendosi con la testa nella cavità. Da questo momento i movimenti del bambino sono limitati, a causa dello spazio ristretto in cui si trova.

 

  • Trentacinquesima settimana: il bambino è lungo 45 centimetri e pesa circa 2,140 chili. Comunica tanto con il tuo bambino, con le parole, le carezze, la musica. Scegli i cibi giusti perchè ciò che mangi caratterizza il sapore del liquido amniotico. 
  • Trentaseiesima settimana: il bambino è quasi completamente maturo, potrebbe da un momento all’altro scendere nella pelvi ed essere pronto alla nascita. In questa settimana potreste sottoporvi alla vostra ultima visita medica per valutare la quantità e qualità del liquido amniotico. Dalla 36esima settimana il neonato assume la forma vera e propria di un bambino a termine e misura circa 46 centimetri dalla testa ai piedi e pesa circa 2,380 grammi. Non è più coperto di lanugine, la peluria che ha ricoperto il suo corpo fino ad oggi, adesso crescerà in lunghezza fino alla nascita.
  • Trentasettesima settimana: il bambino che ha probabilmente già cominciato a fare alcuni primi movimenti respiratori, sebbene non ci sia aria nei suoi polmoni, ingerendo liquido amniotico in trachea, singhiozza: lo avvertirete più nettamente in questo periodo. Il neonato misura circa 47 centimetri e il suo peso si aggira intorno ai 2.600 grammi. In questa fase non ha molto spazio per muoversi, ma se senti che non si muove affatto vai in ospedale per controllare la situazione.
  • Trentottesima settimana: Le sue dimensioni sono di circa 48 cm di lunghezza e circa 2,800 di peso ma aumenterà ancora di circa 30 g al giorno. I riflessi sono coordinati e nel suo intestino si è accumulata una sostanza nera chiamata meconio, le sue prime feci, composte dal liquido amniotico che ha deglutito durante la gravidanza. Il midollo osseo del neonato comincia a produrre i globuli bianchi e il suo fegato funziona.
  • Trentanovesima settimana: il liquido amniotico si rinnova ogni tre ore. Gli intestini del bambino sono pieni di meconio, un liquido verdastro prodotto dalla secrezione delle ghiandole alimentari unita a pigmenti biliari, lanugine e cellule provenienti dalla parete intestinale. A questo stadio il neonato è otto volte più grosso di quanto lo fosse a tre mesi. Le ossa del cranio non sono completamente solide e ciò fa sì che il cranio possa ridursi anche di un centimetro. Se dopo questa settimana il bambino non ha deciso di nascere il medico potrebbe indurre il parto.

gpt native-middle-foglia-gravidanza

  • Quarantesima settimana: la parte con cui si presenta il bambino si trova nella parte inferiore dell’utero e comprime la cervice diventata più morbida e già parzialmente dilatata. Il bambino è sul punto di lasciare l’ambiente caldo e confortevole, il solo che non abbia mai conosciuto. Preparatevi ad accoglierlo con tutti gli onori del caso!



 

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0