gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

1 Prima settimana di gravidanza

/pictures/20141010/1-prima-settimana-di-gravidanza-1214041097[2001]x[834]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-gravidanza

Iniziamo un meraviglioso viaggio alla scoperta delle 40 settimane di gravidanza. Tutto quello che c'è da sapere sulla prima settimana di gravidanza

Prima settimana di gravidanza

Il viaggio della gravidanza inizia da qui, inizia dalla prima settimana di gravidanza quando in realtà ancora non sai di essere incinta perché non è ancora mancata la mestruazione. Il primo giorno di gravidanza viene calcolato a posteriori, in realtà dopo la prima ecografia, in quella sede infatti il ginecologo riuscirà a vedere l'embrione e calcolare come primo giorno della gestazione il primo giorno dell'ultima mestruazione.

La gravidanza dura in media 40 settimane, ed ogni settimana riserva sorprese inaspettate e grandi cambiamenti, sia per il bambino che sta crescendo nel pancione che per la mamma. Ma perché proprio quaranta? È una stima basata sulla maturazione del feto che a quel punto risulta essere pronto per la vita extrauterina. Ma attenzione, la gravidanza potrebbe durare anche meno o di più viene considerata una gravidanza a termine dalle 38 alle 41 settimane.

Tutti i sintomi della gravidanza

Per accompagnarvi in questo viaggio, PianetaMamma ti guiderà settimana per settimana con consigli sulla salute, sugli esami da fare e tante curiosità sul corpo che cambia e sullo sviluppo fetale.

I sintomi della prima settimana di gravidanza

Durante questa settimana di gravidanza, non lo sai ancora, ma sei incinta. Durante la prima settimana di gravidanza non c'è alcun segno che è in atto una gravidanza. Anche perchè il ciclo mestruale non è ancora in ritardo, il peso è uguale e non si hanno ancora le classiche nausee della gravidanza.

Potresti sentire un po' di gonfiore al seno, ma che potresti attribuire all'ovulazione oppure alla sindrome premestruale, e un po' di stanchezza. In questa prima settimana gli ormoni cominciano già a lavorare, ma non hanno un'intensità tale da far sentire la presenza di un cambiamento. Gli ormoni principali della gravidanza sono gli estrogeni, il progesterone, la prolattina e l'ossitocina. La loro complessa collaborazione in un alternarsi di picchi e cali consente alla gravidanza di proseguire, di arrivare al termine, al bambino di nascere e all'allattamento di avviarsi.

Di certo è ancora troppo presto per avere i più classici e noti sintomi della gravidanza, come la nausea o i crampetti addominali o altri sintomi, e certamente è presto per fare un test di gravidanza, anche perchè ufficialmente non hai ancora un ritardo nel ciclo mestruale

Come cambia il corpo nella prima settimana di gravidanza

Il tuo corpo non mostra ancora evidenti cambiamenti, tuttavia se è avvenuto il concepimento molto sta accadendo dentro di te senza che tu te ne accorga. Tutto l'organismo si sta modificando, per  prepararsi ad accogliere il bambino che dovrà crescere per nove mesi dentro la pancia. Ad esempio stanno aumentando i livelli di estrogeni che possono regalarti una carica di energia in più, così come aumentano anche i livelli di progesterone, responsabili insieme alla prolattina di tutte le modificazioni che avvengono in gravidanza, ad esempio i cambiamenti del seno, l'aumento della temperatura e l'eventuale stitichezza.

Sintomi della gravidanza nella prima settimana

Prima settimana di gravidanza, come cresce il bambino

In questa fase è ancora presto per parlare di bambino. Dopo la fecondazione, l'ovulo si divide e si divide di nuovo, fino a quando non si presenta come una piccola mora 150/1000 di millimetro. Durante una settimana di gravidanza, si parla di una morula. Le cellule di grasso della morula sono poste al centro e formano il disco embrionale, cioè il futuro embrione. Le piccole cellule che si dispongono intorno alla morula diventano la placenta.

Durante questa settimana di gravidanza, l'ovulo fecondato migra dalle tube di Falloppio verso l'utero, questa fase è chiamata impianto o annidamento, che avviene intorno al 5° giorno e si completa entro il termine della prima settimana. A questo punto l'embrione è ancorato alla parete dell'utero e può iniziare lo sviluppo.

Alla fine della prima settimana di gravidanza, l'embrione misura 0,1 millimetri.

Prima settimana di gravidanza, le curiosità

E' lo spermatozoo che determina il sesso del bambino. Ogni spermatozoo contiene due cromosomi X e Y, mentre l'ovulo contiene solo cromosomi XX.

Quindi tutto dipende da quale cromosoma viene consegnato dallo spermatozoo: se nel Dna c'è XY è in arrivo un maschio; se invece c'è XX è in arrivo una femmina.

Molte di voi avranno sentito parlare le nonne delle lune, e di come il ciclo lunare condizioni i parti. Se pensiamo alla cultura popolare molto veniva calcolato coi cicli lunari e sembra avere poca correlazione con il metodo scientifico. Le nonne dicono spesso che loro hanno partorito dopo 9 lune. Eppure se andiamo a calcolare bene dalla luna del concepimento (ad esempio luna piena) 10 lune dello stesso tipo, la 10 luna piena saranno all'incirca 40 settimane.

Prima settimana di gravidanza, cosa fare?

L'ostetrica consiglia per la prima settimana di gravidanza l'assunzione di acido folico che risulta efficace per prevenire i difetti del tubo neurale (es spina bifida) nel feto. Gli studi dimostrano una maggior efficacia se l'assunzione inizia almeno due mesi prima del concepimento, quindi quando una coppia decide di iniziare la ricerca di una gravidanza può essere utile rivolgersi al proprio medico di base per la prescrizione dell'ac. Folico.

Calendario delle 40 settimane di gravidanza

Se vuoi saperne di più sulle altre 40 settimane di gravidanza,  Pianeta Mamma ha creato un calendario dei nove mesi con consigli sulla salute, l'alimentazione e gli esami da fare durante le 40 settimane. Inoltre potrai scoprire i cambiamenti del corpo della mamma, come cresce il pancione e come si sviluppa il feto.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0