gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Calcolo delle settimane di gravidanza, come fare?

/pictures/20160518/come-calcolare-le-settimane-di-gravidanza-4023660731[1945]x[811]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-gravidanza

Calcolo delle settimane di gravidanza: il regolo ostetrico e altri strumenti per capire a che punto siamo della gravidanza e quando nascerà il bambino

Calcolo delle settimane di gravidanza

La gravidanza non dura 9 mesi di calendario, come si è soliti pensare, ma 10 mesi lunari, cioè 40 settimane dall’inizio dell’ultima mestruazione alla data più probabile del parto; una gravidanza fisiologica più concludersi tranquillamente tra tre settimane prima e due dopo tale data (quindi tra 37 e 42 settimane) e questa variabilità dei tempi porta alla necessità di conoscere, in ogni momento della gravidanza, in che periodo e settimana ci si trovi. Come fare un calcolo delle settimane di gravidanza? Ci sono alcuni sistemi per sapere in quale settimana ci si trova.

gpt native-middle-foglia-gravidanza

Gravidanza settimana per settimana

La gravidanza dura, dunque, in media 40 settimane, perchè i ginecologi calcolano la durata della gestazione partendo dalla data dell'ultima mestruazione (visto che non si può mai essere sicuri di quando sia avvenuto con precisione il concepimento). Ciò vuol dire che le prime due settimane sono quelle che precedono il concepimento, avvenuto verosimilmente intorno alla metà del ciclo, e che la gravidanza vera e propria si innesca dalla terza/quarta settimana.

E se non ti ricordi a che settimana sei o vuoi essere sicura di quando sei passata da una settimana all'altra puoi utilizzare il nostro calcolatore per scoprire a che punto sei della gravidanza e quando nascerà il tuo bambino.

Regolo ostetrico

Il Regolo Ostetrico, chiamato amichevolmente “Ruzzola o Rotella”, è uno strumento utilizzato da ostetriche e personale sanitario per calcolare, in gravidanza, la data presunta del parto e l'esatta collocazione di settimane specifiche di gravidanza all'interno dei mesi dell'anno, per la prenotazione ed esecuzione di esami, ecografie ed esami ematici.

E' importante ricordare che, essendo stampate, non sono corrette al 100% ma possono differire di 1-2 giorni l'una dall'altra. Ormai è comune trovare il Regolo Ostetrico nel corredo di documenti che accompagnano la mamma in dolce attesa: molti negozi specializzati in articoli premaman o per l'infanzia ne fanno spesso regalo alla future mamme.

Il regolo ostetrico è composta da due dischi, uno più piccolo e uno più grande, di cartone o di plastica sovrapposti al centro: il disco esterno riporta tutti i giorni dell'anno, divisi per mese (non è considerato il 29 febbraio degli anni bisestili, elemento degno di nota, per l'ostetrica, nel caso una gravidanza comprenda proprio tale data), mentre quello interno riporta, declinate, le settimane di gravidanza e, spesso, alcune note relative ad esse (inizio della percezione dei movimenti fetali, periodo di aumentata tendenza all'aborto o di aumentato rischio, periodi in cui eseguire correttamente gli esami previsti per la gravidanza).

Usando il regolo è possibile calcolare le settimane di gravidanza partendo dalla data dell'ultima mestruazione e quindi azzardare il giorno del concepimento. Tenendo fermo il disco più grande, si fa ruotare quello interno fino a portare la prima freccia, che riporta la scritta “Data dell'ultima mestruazione”, sul giorno di inizio dell'ultimo ciclo mestruale avuto. Una volta posizionata la freccia su tale data, tenendo fermi ambedue i dischi nella posizione ottenuta, si avrà una chiara visione della collocazione dei diversi periodi e settimane della gravidanza all'interno dell'anno solare, così da essere agevolate nella prenotazione di visite ed esami.

Esistono anche numerose App o siti che consentono di calcolare a quante settimane di gravidanza ci si trova e danno anche indicazioni precise ed utili sullo sviluppo del feto e sullo stato di salute della mamma. Su Pianetamamma un calcolatore della data presunta del parto e della settimana nella quale ti trovi.

Sintomi di gravidanza: gli indizi sicuri

Calcolo settimane di gravidanza e mesi

Se comunemente, quindi, crediamo che una gravidanza duri nove mesi, in realtà ciò che più fa fede sia in abito clinico che pratico è la durata della gravidanza espressa in settimane. Questo perché la durata dei mesi non è sempre la stessa mentre invece una settimana è composta sempre da sette giorni. È sulla base di queste, infatti, che i medici stabiliscono l’epoca gestazionale e la data presunta del parto.

Ricapitoliamo:

  • la gravidanza dura, in media, 40 settimane;
  • si inizia a contare la prima settimana partendo dal primo giorno delle ultime mestruazioni, quindi in genere due settimane prima dell'effettivo concepimento (che avviene in periodo fertile durante i giorni dell'ovulazione), anche perché non è mai certi di quando sia avvenuta davvero la fecondazione;
  • sulla base delle settimane il ginecologo stabilisce, utilizzando anche il regolo ostetrico, l'epoca gestazionale e la data presunta del parto;
  • anche se durante le varie ecografie l'età gestazionale del feto potrebbe variare, perché naturalmente il bambino cresce in base a quando è stato effettivamente concepito e non in base al calcolo presunto delle settimane partendo dall'ultima mestruazione, ciò che conta e che viene preso in considerazione, anche per un eventuale parto cesareo programmato, è la progressione delle settimane di gravidanza, per cui, ad esempio, un cesareo programmato, verrà fissato non prima della 38esima, 39esima settimana di gravidanza;
  • non vengono calcolate solo le settimane, ma anche i giorni;

Ecco una tabella che ci permette di comprendere quale sia l'effettiva corrispondenza delle settimane di gravidanza e dei mesi:

  • 1° mese: inizia dal primo giorno delle ultime mestruazioni (0 settimane + 0 giorni) e finisce a 4 settimane + 3 giorni
  • 2° mese: da 4 settimane + 4 giorni a 8 settimane + 5 giorni
  • 3° mese: da 8 settimane + 6 giorni a 13 settimane + 1 giorno
  • 4° mese: da 13 settimane + 2 giorni a17 settimane + 4 giorni
  • 5° mese: da 17 settimane + 5 giorni a 21 settimane + 6 giorni
  • 6° mese: da 22 settimane + 0 giorni a 26 settimane + 2 giorni
  • 7° mese: da 26 settimane + 3 giorni a 30 settimane + 4 giorni
  • 8° mese:da 30 settimane + 5 giorni a 35 settimane +  0 giorni
  • 9° mese: da 35 settimane + 1 giorno a 40 settimane + 0 giorni

C'è poi un limite di altre due settimane, per cui una gravidanza può arrivare a 42 settimane, che viene tenuto in conto quando si deve pazientare ancora se il travaglio non accenna ad iniziare.

Calcolo settimane di gravidanza, maschio o femmina

Naturalmente la curiosità di sapere se il bambino che nascerà è maschio o femmina sorge subito, non appena si legge il risultato positivo sul test di gravidanza. Anche se il sesso del bebè è stabilito sin dal concepimento – a seconda che lo spermatozoo trasmetta il cromosoma Y o X -  sappiate che non c'è modo di sapere se il bimbo è maschio o femmina fino alla 22esima settimana, quando farete l'ecografia morfologica o quando farete l'amniocentesi (in quel caso il risultato sarà attendibile al 100%). Ci sono, tuttavia, alcune credenze popolari e tradizionali secondo le quali è possibile sapere in anticipo il sesso del nascituro e una di queste è il calendario cinese.

Un'antica tabella recuperata in Cina rivela che è possibile sapere in anticipo il sesso del bambino incrociando i dati relativi all'età della mamma con il mese di concepimento. E quindi così scopriamo che se desideriamo una femmina dovremmo provare a restare incinta ad aprile quando abbiamo 21, 22 o 29 anni, mentre se desideriamo un maschietto le più alte probabilità le avrebbero le donne di 18,20, 30 e 42 anni che concepiscono il loro figlio nel mese di luglio.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0