gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Aspettare dei gemelli

/pictures/20160623/aspettare-dei-gemelli-1295909255[1659]x[691]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-gravidanza

E’ indubbio che il corpo di una donna incinta di due gemelli venga maggiormente provato, ma la nascita di due bambini ripagherà la fatica dell’attesa rendendo la famiglia ricca di amore e felicità. Ma cosa significa aspettare dei gemelli?

Aspettare dei gemelli

La nascita è da sola un evento formidabile, la nascita di due gemelli lo è ancora di più. Oggi è molto frequente imbattersi nei gemelli. Questo perché non soltanto è aumentata l’età media della donna che vuole avere dei figli ma si ricorre molto frequentemente alle cure contro la sterilità. Vediamo cosa significa aspettare dei gemelli.

La fecondazione di gemelli

La donna che libera due ovociti e vengono entrambi fecondati da due spermatozoi andrà incontro ad una gravidanza di gemelli diversi definiti dizigoti; questi gemelli avranno una placenta individuale. Invece la donna che libera un solo ovocita e viene fecondato da parte di un singolo spermatozoo va incontro ad una gravidanza di gemelli identici o monozigoti; esistono tre tipi di organizzazione placentare per i monozigoti. Per una piccola percentuale i gemelli possono avere una placenta a testa, ma di solito dividono la placenta e sono separati da due sacchi amniotici distinti se la suddivisione degli stessi avviene entro una settimana dalla fecondazione, oppure possono avere in comune non solo la placenta ma anche il sacco amniotico se la suddivisione si verifica dopo la settima ed entro la dodicesima giornata dalla fecondazione. Se invece la suddivisione avviene oltre il dodicesimo giorno dalla fecondazione i gemelli vengono dichiarati siamesi, e hanno in comune non solo la placenta e il sacco amniotico ma anche purtroppo parti di organi e tessuti.

Gravidanza gemellare rischi

La donna che aspetta dei gemelli è sottoposta a controlli più frequenti per valutare lo sviluppo corretto dei suoi bambini.

Quando la gravidanza gemellare presenta un'unica placenta (gravidanza monocoriale) può succedere che un bambino riesca a nutrirsi meglio rispetto al fratellino. Se i feti sono monozigoti può accadere che le due placente non lavorino a dovere facendo mancare del nutrimento ad un bambino che quindi crescerà con più difficoltà rispetto all’altro. In questo caso alla donna è chiesto di intensificare le visite ginecologiche per tenere sotto controllo questa evenienza.

Le visite verranno quindi intensificate in base alla valutazione del medico. Se l’utero della donna si modifica precocemente la stessa sarà tenuta maggiormente sotto controllo perché una gravidanza gemellare è maggiormente a rischio di parto anticipato.

Un altro problema da tenere sotto controllo è il prematuro invecchiamento della placenta, o delle placente, che si può iniziare a verificare all’approssimarsi della 37° settimana di gestazione. Quando questo inconveniente si verifica la donna deve partorire, questo per scongiurare dei pericoli per i bambini. Di solito alla 36- 37° settimana la donna viene sottoposta ad induzione del parto o al parto cesareo.

Aspettare gemelli sintomi

I sintomi sono comuni alle gravidanze di un singolo feto anche se l’affaticamento, il cambiamento del seno e dell’umore possono comunque essere più intensi rispetto alle gravidanze singole.

Nella donna comunque aumenta precocemente il peso e il senso di pesantezza. La ritenzione idrica è maggiormente accentuata rispetto alle gravidanze singole, e lo stimolo minzionale si presenta con maggiore rapidità e precocità. La donna si sente maggiormente affaticata e percepisce una cambiamento di gusti nella scelta dei cibi. Gli ormoni, nelle gravidanze gemellari, saranno presenti in quantità più elevata e la nausea tenderà a scomparire più tardivamente

Gravidanza gemelli settimana per settimana

I gemelli comunque crescono e si sviluppano proprio come i feti singoli e possono mettere in evidenza il loro cuoricino già a sei settimane di gestazione.

Alla fine del primo trimestre l’aumento del volume dei feti modificherà la pelle del ventre  e l’ombelico materno che inizierà ad essere spinto maggiormente in avanti rispetto ad una gravidanza singola. La pelle può scurirsi soprattutto a livello del viso, e viene consigliato alla mamma di esporsi con cautela al sole usando l’appropriata protezione. La donna deve prestare attenzione al suo aumento di peso. Se questo si incrementa troppo in quindici giorni è bene parlare con il medico per valutare la causa di un così repentino incremento di peso corporeo. Inoltre deve controllare che la pancia non aumenti troppo di volume e se questo accade (polidramnios) è bene ricorrere ad una precoce valutazione medica.

Nelle gravidanze gemellari oltre a tenere sotto controllo gli sbalzi di pressione è necessario osservare la glicemia perché il diabete è molto più frequente nelle gravidanze gemellari.

Come concepire due gemelli in modo naturale

I movimenti dei bambini vengono percepiti dalla madre attorno alla ventesima settimana.

Durante il terzo trimestre la donna è maggiormente stanca, affaticata, e provata dalla gravidanza. Le gravidanze multiple sono sottoposte a parto anticipato e quindi la programmazione del parto avviene attorno alla 36-37° settimana di gravidanza biamniotica con scelta del parto in base alla presentazione dei bambini. Per quanto riguarda la gravidanza monoamniotica viene scelto comunque il taglio cesareo. Alla fine della gestazione possono verificarsi due eventi: il parto prematuro e il basso peso alla nascita. Per questo la donna e i bambini vengono maggiormente tenuti sotto controllo.

Parto gemellare

I gemelli possono presentarsi podalici o cefalici. La loro posizione determina il tipo di parto che la donna potrà avere. Sarà naturale se i bambini sono ben posizionati. Altrimenti verrà praticato un cesareo. La madre sarà sottoposta ad un continuo monitoraggio volto a stabilire la salute dei gemelli grazie alla loro buona frequenza cardiaca. Un bambino può infatti presentare sofferenza e deve essere chiaro che se capita questo la scelta del cesareo sarà immediata da parte dei medici.

Se la mamma può partorire naturalmente è necessario avvalersi della presenza di un medico ecografista in sala parto per valutare la posizione del secondo bambino; può capitare che si posizioni malamente e che debba essere riposizionato manualmente. L’ecografia è importante perché indica il posizionamento dei feti, e permette di prendere decisioni immediate anche per cambiare urgentemente il tipo di parto.

Di solito il parto gemellare dura un po’ di meno rispetto al parto del feto singolo. La maggior pressione esercitata dai feti sull’utero accelera le contrazioni e rende il tempo del parto ridotto del 30%. Il secondo bambino esce più velocemente rispetto al primo perché il collo dell’utero è pronto all’espulsione.

Il peso che ha sopportato l’utero per lungo tempo alla fine del parto lo sottopone a un rilassamento immediato e può capitare che, non contraendosi a dovere, non faciliti la immediata chiusura dei vasi sanguigni che si sono aperti per il distacco della placenta. La donna può perdere una maggiore quantità di sangue rispetto ad un parto singolo. Le verrà quindi prestata maggior attenzione medica a tal proposito e verrà immediatamente prestato soccorso farmacologico se si presenta un simile problema. I farmaci atti a risolvere questo problema sono l’ossitocina e le prostaglandine, che permettono l’aumento delle contrazioni uterine.

E’ indubbio che il corpo di una donna incinta di due gemelli venga maggiormente provato, ma la nascita di due bambini ripagherà la fatica dell’attesa rendendo la famiglia ricca di amore e felicità. Sicuramente le difficoltà saranno maggiori, la stanchezza raddoppiata, ma i bambini cresceranno insieme e si faranno compagnia a vicenda per tutta la vita, e questo non può che rendere felice una mamma che vuole solo il bene per i propri figli.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0