gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Guida di sopravvivenza per mamme che lavorano

Arriva a giugno in tutte le librerie d'Italia la guida di sopravvivenza per le mamme lavoratrici: dritte e consigli utili

Arriverà a giugno in tutte le librerie d'Italia il libro di Suzanne Riss e Teresa Palagano Guida di sopravvivenza
per mamme
che lavorano (De Agostini Libri).

Famiglia, lavoro, casa, amici... come fa una mamma a star dietro a tutto? Ogni giorno è una corsa, una battaglia, mille incombenze da incastrare in qualche modo. Il tempo dedicato ai propri interessi scompare, e il multitasking diventa uno stile di vita costrittivo e frustrante (LEGGI).  Il libro condensa soluzioni pratiche e suggerimenti utili per salvare l’equilibrio psicofisico delle mamme che lavorano.


LEGGI ANCHE: Lavoro e gravidanza, tutto ciò che c'è da sapere


Lo stile comunicativo del libro è quello di una chiacchierata tra amiche/mamme. Le due autrici, forti della loro personale esperienza, offrono centinaia di suggerimenti pratici per il periodo dalla nascita dei figli fino all’adolescenza, con un pizzico di ironia e tanto buon senso.

Una guida brillante, allegra e piena di consigli per ottimizzare le priorità di una mamma, i miglioramenti saranno sorprendenti che un unico obiettivo: trovare soluzioni vincenti per gestire al meglio bambini e carriera, senza che lo stress arrivi a sopraffarci.


LEGGI ANCHE: Congedo di maternità, diritti e opportunità per le donne che lavorano


Ma quali sono i consigli che offrono le due autrici? Ecco qualche esempio.

Quando dire al capo che si aspetta un bambino?
In genere il consiglio è quello di tenere il segreto fino alla dodicesima settimana, quando il rischio di aborto spontaneo cala e la pancina comincerà a farsi vedere, ma nel frattempo è importante leggere con attenzione il proprio contratto di lavoro e cosa dice in materia di maternità e congedi (LEGGI).



Come vivere la giornata in ufficio?
All'insegna del massimo benessere possibile: dormire il giusto numero di ore la notte (andando a letto anche un'ora prima), bevendo molto, mangiando alimenti sani e nutrienti e non strappandosi.

Come trattare il congedo di maternità?
Domandando, tanto per cominciare. Offrendosi di lavorare da casa per un certo lasso di tempo una volta
scaduto il congedo (LEGGI)  o chiedendo se è possibile modificare l’orario lavorando inizialmente un minor numero di ore al giorno oppure solo una parte della settimana e tornare per gradi al tempo pieno

Sono solo alcuni dei consigli offerti dalle autrici della guida. Non mancano dritte per scegliere a chi affidare il bebè quando si dovrà tornare al lavoro, su come gestire il rientro in ufficio, su come reinventarsi una nuova vita da neomamma e molto altro ancora.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0