gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

"Aspettando te": libro della Clerici sul desiderio di maternità

Quando Antonella Clerici ha incontrato Eddy, l'uomo della sua vita, a Marrakesh ha subito sentito forte il desiderio di diventare mamma, ma l'orologio biologico non era d'accordo. Il racconto di come è riuscita a diventare mamma

g_8817039276g"Avevo fortissimamente voluto questa bambina. A dispetto di tutto: dell’età, delle cure infruttuose, delle difficoltà, delle voci contro. All’improvviso ho pensato alle leonesse. Le madri coraggiose disposte a tutto per proteggere i loro cuccioli. Sentivo quella stessa forza in me".

Quando Antonella Clerici ha incontrato Eddy, l'uomo della sua vita, a Marrakesh ha subito sentito forte il desiderio di diventare mamma, ma l'orologio biologico, ormai con le lancette troppo avanti, non dava scampo e i ginecologi non erano rassicuranti.. anzi davano ben poche speranze, ma Antonella ce l'ha fatta a coronare il sogno del suo desiderio di maternità e ora è mamma da più di un anno di una splendida bimba di nome Maelle. Ma la strada per arrivare alla felicità di oggi non è stata semplice ed Antonella la racconta in un libro, "Aspettando te" che si legge tutto d'un fiato e ci si trova dentro l'emozione che ognuna di noi ha provato, vorrebbe provare o proverà un giorno.

La gravidanza, un traguardo naturale e quasi scontato per tante, è stato per Antonella una lotta contro il tempo, un percorso tra specialisti e cure costellato di delusioni, rischi, fallimenti. La sua determinazione, però, è incrollabile, così come l’ottimismo che la caratterizza. Nonostante le difficoltà, nel profondo del cuore lei non dubita per un istante che, prima o poi, riuscirà a stringere il suo piccolo fra le braccia. Oggi, qui su Pianetamamma ne abbiamo parlato spesso, le donne tendono a diventare madri molto più tardi che in passato, per varie ragioni. Perciò si trovano spesso a fare i conti con le incognite della maternità dopo i quarant’anni, come è successo ad Antonella che in questo libro racconta proprio la sua storia personale, senza paure nè timidezze, svelando anche quello che non aveva mai raccontato.

''Dopo soli due mesi che io ed Eddy ci conoscevamo, ho scoperto di essere incinta. Ma fu una gioia che sfumo' presto''. Antonella Clerici racconta nel libro per la prima volta di aver perso un figlio dal compagno Eddy, prima della nascita di sua figlia Maelle, ''Non c'è battito", disse la dottoressa che eseguiva l'ecografia di controllo".

 "E allora io - ricorda la Clerici - ho scoperto che suono ha il dolore: il silenzio. Nel cuore di tuo figlio. Nella tua pancia. Dentro di te. Ne ero assordata''.

Perchè il bisogno di scrivere un libro sulla maternità da parte di chi fa tutt'altro mestiere? Lo spiega proprio la stessa Antonella:
''Tante donne mi fermano per strada o mi scrivono per chiedermi come ho fatto a diventare mamma dopo i 40 anni e cosi' ho pensato che era il momento giusto per raccontare questa parte della mia vita, la piu' sofferta e la piu' vera. Mi chiudevo a chiave in camerino e preparavo in fretta il mix di medicinali sperando che non mi cadessero le fialette dalle mani. Poi nascondevo le siringhe nel timore che una collega o una signora delle pulizie la trovasse. Gia' vedevo i titoli: 'La Clerici nel tunnel'''.

Anni pesanti, avanti e indietro dalle cliniche, tra alti e bassi, anche con Eddy, spiega con sincerita' la conduttrice: ''Mi sentivo piena di voglia di fare e delle energie necessarie per avere un figlio, anzi, la figlia che abitava i miei sogni. Volevo correrle dietro, fare la lotta sul letto con i cuscini, cucinare torte e biscotti, guardarla crescere, giocare al parco, spingerla sull'altalena. Piu' di tutto, volevo vederla nascere, darla alla luce con tutto l'amore del mondo. Ho provato a immaginare una bambina con la forma del mio viso e i colori di Eddy. Piu' di tutto, ho provato a immaginare come sarebbe stato abbassare lo sguardo e scorgere di nuovo il test positivo''.

Un bellissimo libro scritto con sincerità, proprio come una chiacchierata tra amiche
gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0