gpt skin_web-gravidanza-0
gpt strip1_generica-gravidanza
gpt strip1_gpt-gravidanza-0
1 5

Vaccinazioni possibili in gravidanza?

/pictures/20150422/vaccinazioni-possibili-in-gravidanza-374936181[3879]x[1615]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-gravidanza

L'ostetrica ci parla delle malattie principali per cui è richiesto il vaccino e se è consigliato o meno in gravidanza

Vaccini in gravidanza

Prima di progettare una gravidanza sarebbe bene per ognuna delle donne controllare lo stato delle vaccinazioni perche' durante la gravidanza, vi sono alcune malattie anche pericolose, per cui non è possibile fare il vaccino.

Ma come fare a capire se sono immune oppure no? Viene fatto un esame del sangue che va a ricercare se sono presenti o meno e in che dose gli anticorpi contro quella malattia. Se sono presenti vuol dire che o avete fatto la malattia o avete la malattia in corso, oppure ancora siete state vaccinate. In caso contrario, se fossero cioè negative, si valuta se è il caso o meno di procedere con la vaccinazione. Vediamo insieme quali sono quali sono le malattie principali per cui è richiesto il vaccino e se è consigliato o meno in gravidanza.

Rosolia

La rosolia ad esempio è una delle malattie più pericolose, perché può causare delle malformazioni fetali anche gravi. Buona parte delle donne ha fatto un vaccino intorno ai 12 anni, ma in questo caso è comunque bene controllare che siano stati effettuati tutti i richiami, e quindi che siate immuni. Se non siete immuni invece, è un vaccino sconsigliato in gravidanza, e si consiglia di aspettare due mesi dopo la vaccinazione per cercare un bambino.

La rosolia in gravidanza

Morbillo

Il morbillo in Italia aveva raggiunto livelli molto bassi grazie alla vaccinazione a tappeto di tutti i bambini. Negli ultimi anni invece si è assistito ad un ritorno della malattia. Oltre alle macchie cutanee è pericoloso per le donne in gravidanza, perché provoca febbre alta. A sua volta la febbre provoca le contrazioni che possono portare ad un travaglio e parto prematuro. Il vaccino non è sempre consigliato va valutato a seconda dei casi.

Varicella

Un'altra malattia molto comune è la varicella. Normalmente non è pericolosa e molte donne l'hanno già avuta nell'infanzia. Per intenderci è quella malattia che causa delle piccole pustole e che danno molto prurito. In gravidanza è pericolosa per il bambino, se la mamma la contrae negli ultimi tre mesi. Anche in questo caso, va valutato se fare o meno il vaccino in gravidanza.

Pertosse

La pertosse in Italia è inserita tra le vaccinazioni obbligatorie quindi buona parte delle donne ha già effettuato il vaccino. In questo caso è meglio controllare che i richiami (ossie le vaccinazioni successive alla prima) siano stati fatti secondo il calendario, solo in questo modo infatti sarà assicurata la copertura. Va valutato se effettuare il vaccino in gravidanza. Infatti è una malattia molto contagiosa e molto pericolosa specie nel periodo vicino al parto e appena dopo il parto. Nel caso in cui venga contratta immediatamente dopo il parto, verrà valutato anche la situazione nel sangue del bambino.

Vaccino antiinfluenzale

Unica vaccinazione che non è controindicata ma anzi, fortemente raccomandata, è quella antinfluenzale. La vaccinazione infatti è totalmente sicura e il Ministero della Salute ne raccomanda la somministrazione alle donne in gravidanza. Il motivo principale è che i rischi per il feto derivati dalla vaccinazione sono scarsissimi; per contro, non effettuare il vaccino è molto piu' rischioso per il bambino, perché come già abbiamo detto, la febbre alta può causare un travaglio prematuro. 

gpt native-middle-foglia-gravidanza

In linea generale, se siete in gravidanza, io consiglio sempre prima di fare una vaccinazione chiedere quale tipologia di vaccino è.  I vaccini possono essere fatti da virus attenuati (ossia virus vivi ma senza la capacità di scatenare la malattia), virus uccisi, anatossine o frammenti di cellule. Se i vaccini che andrete a fare sono del tipo: virus ucciso, anatossine o frammenti cellulari potete farli senza timore. Alcuni esempi di questi vaccini sono quelli contro: il tetano, il tifo, l'epatite A e l'epatite B, il colera, la difterite e la meningite. Se invece i vaccini contengono virus attenuati ma non uccisi (ad esempio quelli contro la rosolia e gli orecchioni) sono sconsigliati in gravidanza.

Viaggi in gravidanza e vaccini

Un ultimo suggerimento riguarda i viaggi. È assolutamente vero che in gravidanza non bisogna sentirsi prigioniere e non partire mai, io consiglio però di evitare le zone endemiche di determinate malattie per cui è necessaria la profilassi vaccinale con dei virus attenuati, o comunque una profilassi molto lunga e contro molte malattie. Per capire quali sono i Paesi interessati da queste malattie endemiche è possibile contattare il Ministero della Salute.

gpt native-bottom-foglia-gravidanza
gpt inread-gravidanza-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-gravidanza-0