Pianetamamma logo pianetamamma.it

1 5

Gruppo sanguigno e fattore Rh

Se la donna non ha già eseguito questo esame, è necessario richiederlo all'inizio della gravidanza. Il gruppo sanguigno viene eseguito durante la gravidanza per accertare la compatibilità tra madre e padre

Nel 1900 Landsteiner dimostrò che i globuli rossi umani presentano sulla loro superficie due antigeni che indicò con A e B che determinano l’appartenenza di ognuno di noi ad un gruppo sanguigno:

-Antigene A   gruppo A
-Antigene B   gruppo B
-Entrambi gli antigeni  gruppo AB
-Nessun antigene  gruppo O

Ed inoltre  individuarono nel plasma degli individui di:
Gruppo A l’agglutinina beta (anti-B) capace di distruggere i globuli rossi del sangue dei gruppi B e AB.
Gruppo B l’agglutinina alfa (anti-A) capace di distruggere i globuli rossi del sangue dei gruppi A e AB.
Gruppo O  entrambe le agglutinine.
Gruppo AB nessuna.   


LEGGI ANCHE: Tutto sul gruppo sanguigno dei bambini


Per antigene si intende qualsiasi sostanza riconosciuta come estranea all'organismo ed in grado di indurre una reazione immunitaria specifica, che si manifesta con l'attivazione di particolari cellule, i linfociti T, e/o con la produzione di anticorpi.
Questo tipo di riconoscimento permette la prevenzione dell'insorgenza di malattie quando veniamo in contatto con microrganismi patogeni, poiché ne provoca l'eliminazione prima che questi possano moltiplicarsi in modo significativo e dare danno.

Se la donna non ha già eseguito il riconoscimento del gruppo sanguigno questo esame (LEGGI), è necessario effettuarlo appena si sa di essere in stato di gravidanza. Se il gruppo è A, B o AB positivo, non è necessario conoscere il gruppo del marito. Se il gruppo è 0 positivo, è consigliabile che anche il marito esegua l'esame perché se fosse A, B o AB il bambino potrebbe alla nascita presentare l'ittero da incompatibilità AB0. Non si tratta di una patologia grave, ma qualora si verificasse conoscere il gruppo del padre accelera i tempi di diagnosi.


LEGGI ANCHE: ESAMI DA FARE PRIMA DI CONCEPIRE UN FIGLIO


Il gruppo sanguigno viene eseguito durante la gravidanza per accertare la compatibilità tra madre e padre. Se la madre è Rh negativa ed il padre Rh positivo, la probabilità che il feto sia Rh positivo è del 50%. La madre Rh negativa non possiede gli anticorpi contro il fattore Rh, ma li sviluppa a contatto con il sangue Rh positivo del feto (fenomeno detto di isoimmunizzazione ); in questo caso, se la successiva gravidanza si instaura con un feto ancora Rh positivo, gli anticorpi della madre prodotti durante la prima gravidanza attaccano i globuli rossi del feto. Fortunatamente questa situazione è oggi ben nota ed esistono specifici trattamenti farmacologici



Test di Coombs indiretto
Se la madre è Rh negativo, è necessario conoscere il gruppo sanguigno del padre. Se questo é Rh positivo, il feto potrebbe essere a sua volta Rh positivo e, quindi, potrebbe crearsi un'incompatibilità Rh tra madre e feto. In questo caso la madre fabbrica anticorpi contro l'antigene Rh che passano attraverso la placenta (LEGGI) e distruggono i globuli rossi del feto, determinando la malattia emolitica del neonato (MEN).


tabellarh